HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


CADF

Acquedotto del Delta

 

CEA – LA Fabbrica dell’Acqua

 

Problema

L'eccessivo sfruttamento economico del suolo (distruzione di boschi, agricoltura intensiva, uso dei pesticidi, eccessiva edificazione) provoca alterazioni e squilibri nel ciclo dell'acqua: diminuiscono le precipitazioni e aumenta la richiesta di acqua per l'irrigazione e per le città. Contestualmente le attività umane stanno generando crescenti quantità di scorie e rifiuti che vengono immessi nei fiumi e nei laghi e che peggiorano la qualità delle acque contenute nelle riserve da cui vengono estratte in misura sempre crescente. Questi comportamenti insostenibili costituiscono la base dei problemi di scarsità idrica e inadeguatezza dei servizi in tutto il mondo.

 

Soluzione

Il CEA (Centro di Educazione Ambientale) è nato nel 2004 a Serravalle (FE) per volontà di CADF, che dal 1994 gestisce il ciclo idrico integrato di 15 comuni ferraresi. Obiettivo principale del CEA è promuovere la conoscenza, il rispetto e l’uso responsabile delle risorse idriche locali e globali, quale bene comune dell’umanità. Il CEA si rivolge principalmente alle scuole con progetti didattici e laboratori sperimentali, ma anche a tutti i cittadini che siano interessati a scoprire il valore di questa risorsa. Tutte le attività proposte dal CEA, uno dei pochi centri in Italia per l'originalità e la completezza dell'offerta formativa, sono completamente gratuite.

 

Risultati

Ogni anno il C.E.A coinvolge 4.000 studenti, dai 3 ai 18 anni, provenienti 64 scuole di diverso ordine e grado. I progetti proposti sono estremamente vari quanto a contenuti e tipologie di approccio: natura, musica, territorio, chimica, fisica, microbiologia, potabilizzazione, risparmio idrico, solidarietà, ma anche diritto all'acqua e mobilità consapevole.

Sull'impresa

Settore: Energia, gas, acqua Website: www.cadf.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica