HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


COMUNITÓ DEL MAIS SPINATO DI GANDINO

Tutela della biodiversitÓ e marketing territoriale

 

Progetto per la salvaguardia, caratterizzazione e valorizzazione della varietÓ locale di mais denominata Spinato di Gandino

 

Problema
Per valorizzare e promuovere un modello sostenibile di rilancio di alcune antiche colture locali occorre un approccio sistemico che coinvolga tutti gli attori parte di una filiera integrata: da chi opera nel settore agricolo ai commercianti, sino alle scuole, alle istituzioni e ai cittadini.

 

Soluzione

Nato nel 2008, il progetto per la “salvaguardia, caratterizzazione e valorizzazione della varietà locale di mais denominata Spinato di Gandino” muove dalla forte volontà di riscoprire il mondo agricolo come parte integrante del territorio. Il progetto ha reintrodotto la coltivazione del mais, ha creato una filiera del gusto con una vasta gamma di prodotti a base di mais, ha incrementato l’economia locale e favorito il marketing territoriale. Nel 2013 ha promosso il Network internazionale dei mais antichi a cui hanno aderito produttori e realtà di tutela di Italia, Bolivia e Messico. Il modello è stato replicato nel progetto Mais Expo Bergamo 2015 “una rete condivisa per la valorizzazione del mais” per EXPO 2015 promosso da: Provincia di Bergamo; Orto Botanico-Comune di Bergamo; Università di Bergamo; Diocesi di Bergamo, fondazione MIA, Comune di Gandino; CRA-MAC Unità di ricerca per la Maiscoltura; Comunità mais Spinato di Gandino.    

 

Risultati

Lo spinato è diventato sinonimo di eccellenza, grazie alla partecipazione a fiere settoriali come salone del gusto Torino, Gusto in scena Venezia, Vinitaly Verona e collaborazioni con chef internazionali come Colucci del Danieli di Venezia. Il progetto di salvaguardia e valorizzazione è diventato un modello di riferimento per lo sviluppo sostenibile.

Le azioni intraprese hanno comportato il rafforzamento del network internazionale dei mais antichi e delle collaborazioni con Slow Food, BergamoScienza e realtà istituzionali. Le coltivazioni e le trasformazioni del seme – salvaguardato presso lo Svalbard Gsv- sono incrementate, con l’attivazione di un mulino. La creazione Filiera del Gusto del mais Km0 è salita da un prodotto del 2008 a una ventina di referenze oggi.

Grazie al progetto “Valgandino la valle del mais”, si è registrato un incremento delle presenze turistiche.

Sull'impresa

Settore: Associazionismo imprenditoriale e distretti industriali Website: www.mais-spinato.com
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica