HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


Associazione ELPIS Nave Ospedale

ELPIS Nave Ospedale

 

Problema
I Paesi in via di sviluppo spesso presentano al loro interno grossi limiti fisico-strutturali difficilmente superabili via terra. Di conseguenza, in molti casi, per portare aiuto sanitario e umanitario, a comunità locali isolate, l'intervento via mare è l’unica possibilità.

 

Soluzione
ll “Progetto Nave Ospedale” è stato avviato nel 2009, con l’assegnazione, da parte del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, all‘Associazione "Trapani per il Terzo Mondo Onlus", di un vecchio rimorchiatore in disarmo. Dopo 5 anni di lavoro di ristrutturazione (che ha portato alla trasformazione del rimorchiatore in ospedale itinerante) e la donazione della nave all’associazione Epis, nel 2014 è avvenuto il varo ufficiale. La nave Elpis garantisce l’accesso all’assistenza sanitaria polispecialistica e alla prevenzione primaria, alla popolazione malgascia residente in zone isolate (grazie alle ridotte dimensioni dello scafo). Sono promosse anche iniziative di formazione e addestramento per il personale sanitario malgascio. L’ospedale itinerante inoltre si occupa di soccorso sanitario e interventi umanitari anche in occasione di calamità naturali e/o emergenze nel mare Mediterraneo.

 

Risultati
La nave è equipaggiata con strutture modulari, come container sanitari amovibili e tende pneumatiche, per l’allestimento di un ospedale da campo, allo scopo di estendere, all'occorrenza, l’intervento sulla terra ferma. La formazione del personale sanitario locale è realizzata da docenti universitari, medici e infermieri, utilizzando una metodologia teorico-pratica. In futuro, i percorsi formativi tratteranno i temi della prevenzione di patologie, dell’utilità delle vaccinazioni e delle misure di igiene.

Sull'impresa

Settore: Servizi Website:  www.naveospedale.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica