HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


TELECOM ITALIA

Operatore di telecomunicazioni fisse e mobili

 

Teledidattica per bambini lungodegenti

 

Problema
Telecom Italia nell’ambito del Progetto Insieme - Telecomunicazioni per il Sociale, nel 1994 avvia, per la prima volta in Europa, una sperimentazione di teledidattica per bambini lungodegenti, in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione ed il Provveditorato agli Studi di Roma, al fine di contenere il problema della dispersione scolastica per quei bambini costretti a lunghi periodi di degenza.
La telecomunicazioni svolgono un ruolo di incentivo alla risoluzione di alcuni tra i più complessi problemi sociali.

 

Soluzione
L’esercizio della Teledidattica si realizza attraverso l’utilizzazione di più postazioni multimediali composte da videotelefono, telecamera, personal computer, tavoletta comandi, che, rese interattive fra loro, permettono il collegamento in voce ed in video e la trasmissione di testi e disegni. Si crea così un’occasione d’incontro diretto tra insegnanti a alunni delle sezioni ospedaliere e quelli di una scuola esterna a questo predisposta. Gli scolari degenti nei diversi reparti, sotto la guida degli insegnanti che operano in ospedale, possono così dialogare e seguire le lezioni insieme agli altri, scambiarsi materiale didattico, fotografie, disegni, svolgere e correggere i compiti insieme. Tale sperimentazione, così attuata, arricchisce ulteriormente anche il rapporto educativo, insostituibile, con i docenti in ospedale. Oltre all’aspetto di validissimo apporto didattico per gli insegnanti, l’utilizzo delle stazioni multimediali acquisisce anche una importante valenza psicologica, riducendo lo stato di isolamento in cui vengono a trovarsi i bambini ricoverati in ospedale non soltanto attraverso il contatto diretto con la propria classe, ma anche attraverso occasioni “interattive” di incontro con i compagni, dedicate unicamente al divertimento.
Il progetto, che collega scuole e reparti pediatrici di alcuni ospedali con stazioni multimediali interattive, tramite l’integrazione di videotelefono, telecamera, personal computer e tavoletta comandi, consente il collegamento in voce immagini e testi.
Il progetto iniziato e sperimentato nel 1997 , è stato proseguito nel 1998 / 1999 secondo quanto previsto dagli accordi con il Ministero della Pubblica istruzione e con i Provveditorati interessati alle attività.

 

Risultati
I risultati positivi della sperimentazione hanno condotto, il 22 novembre ’95, all’accordo tra il Ministero della Pubblica Istruzione, Ministero della Sanità, Telecom Italia ed Associazione Nazionale Comuni di Italiani, per l’estensione del progetto di Teledidattica a livello nazionale. L’apporto da parte di Telecom è consistito nella dotazione gratuita di altre 11 stazioni multimediali di ultima generazione che sono state installate presso un Centro Ospedaliero o una scuola delle città coinvolte nella sperimentazione e cioè, oltre a Roma , le città di Novara (Centro Auxologico-Pian Cavallo), Genova (Ospedale G.Gaslini e Scuola Media “b.Strozzi”), Milano (Centro Tumori), Perugia (Ospedale Silvestrini), Napoli (Università di Napoli I Policlinico), Reggio Calabria (Scuola Elementare G. Pascoli e Ospedali Riuniti), Palermo (Ospedale “Giovanni di Cristina”).
E’ previsto un ampliamento del progetto a livello europeo ed un’apertura alla rete internet.

Sull'impresa

Settore: Poste e Telecomunicazioni Website: www.telecomitalia.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica