HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


COOP ADRIATICA

Cooperativa di consumatori del gruppo Coop, che opera in Emilia Romagna, Veneto, Marche e Abruzzo

 

Biblioteca Interculturale Mobile

 

Problema
Nel nostro paese si avverte con sempre maggiore forza l’esigenza di promuovere l’integrazione e l’intercultura nel rispetto delle singole identità e della valorizzazione delle diversità: sono numerose le famiglie straniere insediatesi nel nostro Paese e ciò comporta la presenza di un’immigrazione giunta alla seconda generazione. E’ quindi già in corso il processo di integrazione che deve essere favorito e soprattutto deve essere gestito affinché possa essere un momento di crescita per tutte le diverse parti in causa. I giovani si trovano a vivere in contesti nuovi e complessi in un’epoca caratterizzata dalla velocità dei cambiamenti sociali. Sono dunque le scuole, luogo di incontro e di scambio, che devono muoversi per prime adeguando i propri strumenti allo scopo di generare momenti di riflessione finalizzati al dialogo interculturale, cercando di stimolare gli alunni all’ascolto e alla conoscenza reciproci. 

 

Soluzione
Coop Adriatica, cooperativa di consumatori, è da sempre propensa all’innovazione in ambito sociale e all’impegno in ambito educativo. Coerentemente con questi propositi è stata creata da alcuni anni una collaborazione con il Settore Istruzione del Comune di Bologna al fine di realizzare laboratori sui temi dell’incontro tra persone di diverse origini. Nel 2006 è stato avviato il progetto della Biblioteca Interculturale Mobile che valorizza la lettura come mezzo per favorire la conoscenza, il rispetto e il dialogo tra culture. L’ iniziativa è dedicata agli studenti del primo biennio degli istituti tecnici e professionali di Bologna, caratterizzati da un’elevata presenza di stranieri, e per estensione anche alle loro famiglie e gli altri adulti coinvolti. Tale progetto, oltre alla promozione dell’integrazione, include altre finalità in quanto utilizza l’educazione per combattere i fenomeni di bullismo e di abbandono scolastico che spesso si riscontrano in istituti di questo tipo.Al centro dell’iniziativa viene posta la letteratura migrante, intesa non solo come scrittura, ma anche come insieme di linguaggi volti all’espressione e alla ricerca di identità. Vengono realizzati momenti di incontro, animazione e lettura per portare ai giovani e alle loro famiglie spunti, rappresentazioni e riflessioni sul tema della diversità culturale e della convivenza civile e democratica.Il progetto prevede:la disponibilità di una biblioteca interculturale per due settimane, nei luoghi individuati; la presentazione di percorsi video e di lettura interculturali; l'ampliamento, in senso multiculturale, delle biblioteche scolastiche e del territorio o la creazione di scaffali multiculturali;la pubblicazione di un catalogo bilingue dei testi utilizzati nelle animazioni;Un importante elemento è la scelta di coniugare la ricaduta sulla scuola e la ricaduta sulla cittadinanza in senso lato organizzando incontri presso enti scolastici e punti pubblici di aggregazione dei quartieri che siano dunque accessibili a tutta la cittadinanza.L’intervento è perciò flessibile grazie all’utilizzo di una struttura adattabile ad ogni ambiente e ad ogni condizione. L’allestimento è costituito da 38 casse di legno, contraddistinte con parole legate ai temi di riferimento, contenenti libri e altri materiali a supporto dell’animazione. Esso costituisce una metafora del trasporto delle merci e del viaggio delle persone, che si spostano, si confondono, si contaminano. La Biblioteca Interculturale Mobile comunica storie provenienti da tutto il mondo, testimoniando tante culture diverse, non necessariamente distanti da quella di chi vi si avvicina.Le tematiche che vengono maggiormente sviluppate durante gli incontri sono:razzismo e xenofobia: stereotipo e pregiudizio; donne migranti nel contesto italiano; diritto di cittadinanza attiva e seconde generazioni; letteratura migrante e testi bilingue.Ciascun incontro si propone di stimolare la partecipazione attiva dei presenti attraverso la presentazione e l’animazione di testi di lettura, illustrativi delle tematiche proposte e di suscitare una riflessione sui contenuti di riferimento, selezionando frammenti e punti di vista diversi e molteplici. Si cerca inoltre di valorizzare le differenti tipologie di strumenti del cosiddetto “scaffale multiculturale”. L’iniziativa viene promossa tramite volantini e locandine nei luoghi in cui viene installata la biblioteca e utilizza un linguaggio semplice e informale, adeguato al pubblico di ragazzi a cui è rivolto. 

 

Risultati
La Biblioteca Interculturale mobile ha riscontrato un notevole successo acquisendo giudizi favorevoli da parte delle scuole e delle organizzazioni coinvolte. Nel 2007 l’iniziativa è stata realizzata a Bologna in 5 diverse scuole con il coinvolgimento di 625 studenti e 26 classi. Sono state inoltre interessate 2 biblioteche e 2 centri commerciali. Nel 2008 l’esperienza sarà ripetuta a Bologna e altri comuni della provincia e sarà estesa ad altre realtà territoriali, a cominciare dall’area di Schio (VI).

Sull'impresa

Settore: Commercio e Largo consumo Website: www.adriatica.e-coop.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica