HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


ARCI CITTĄ

Associazione culturale senza fine li lucro

 

Distretto per un'economia solidale nella provincia di Varese

 

Problema
In una società ed in un'economia sempre più subordinate alla logica del profitto, dove crescono conflitto, sfruttamento, precarietà ed esclusione, è in continua crescita il movimento di persone alla ricerca di nuovi stili di vita, non fondati sul "ben-avere", ma su un reale "ben-essere" della persona e della collettività, secondo criteri di eticità, equità, solidarietà e sobrietà.

 

Soluzione
DES-Varese è una realtà fatta di persone che si occupano di consumo critico, commercio equo e solidale, ambiente, pace,diritti, cooperazione sociale e internazionale.
Condividendo l’esigenza di rendere più efficaci le forme di economia solidale maturate nell’ultimo decennio e prendendo spunto da analoghe iniziative intraprese in altre zone del nostro paese, ha iniziato a incontrarci ed a collaborare per costruire nel territorio della Provincia di Varese-attraverso un percorso partecipato e democratico- un Distretto di Economia Solidale.
Il progetto prevede la costruzione di una rete di piu soggetti economici eticamente responsabili (gruppi d'acquisto, produttori biologici, botteghe del commercio equo) volta alla creazione di un distretto per l'economia solidale. Creazione pertanto di un mercato che sappia coinvolgere tutti gli aspetti dell'economia solidale risultando pertanto più esaustiva alle richieste dei consumatori e che dia la possibilità alle aziende di consolidare un mercato ormai non più di nicchia offrendo nuove opportunità di sviluppo e lavoro.
È nata quindi l'idea per la creazione di un Distretto di Economia Solidale (DES) all'interno della rete Lilliput ed è approdata nella realtà provinciale di Varese nel 2005 con la redazione di una “Carta dei principi” che potesse accomunare tutti i soggetti del mercato etico.
Il progetto è attualmente sostenuto da 35 soggetti economici socialmente responsabili ed è gestito con l'ausilio di 2 facilitatrici finanziate dal progetto europeo Equal-Nuovi Stili di vita per 11 mesi (sino al gennaio 2008).
La partnership con la Comunità Europa ha permesso la realizzabilità pratica del progetto attraverso il progetto Equal. Il budget disponibile ha permesso la formazione delle 2 facilitatrici, la partecipazione occasionalmente di 4 ragazzi del servizio civile operanti nelle associazioni, di volontari e l’impiego di un centro di servizi per un periodo di 11 mesi.
Il processo in corso viene valutato e corretto attraverso una riunione bi-settimanale di tutti i referenti. Nel corso della stessa vengono prese tutte le decisioni operative e si ascoltano gli aggiornamenti e le sintesi proposte dalle facilitatrici.
L'idea da cui ogni DES ha preso origine è quella di agire localmente nei vari territori mettendo in rete le svariate esperienze di economia solidale esistenti -per rafforzarle e svilupparle ma anche per promuovere la nascita di nuove realtà-con il fine di dare vita a distretti locali che globalmente possano ricomporre un sistema economico solidale.
L’obiettivo è di innovare le modalità di produrre, commerciare e consumare ponendosi come “laboratorio pilota” locale in cui si sperimentano forme di collaborazione e di sinergia, secondo i seguenti principi: economia equa e socialmente sostenibile, rispettosa dell’ambiente, valorizzazione della dimensione locale e delle relazioni, partecipazione attiva e democratica.

 

Risultati
Il progetto ha raggiunto l’obiettivo di aggregare le molte realtà della produzione biologica e del consumo solidale in un progetto unitario comune.
Per quanto riguarda il personale delle aziende il progetto contribuisce ad allargare le opportunità di mercato e di sopravvivenza delle stesse creando una più salda rete mutualistica e dotando il mercato solidale di una maggiore forza e rappresentatività. Gli operatori delle aziende ed associazioni partners hanno inoltre beneficiato di una formazione parallela a quella propria delle facilitatrici acquisendo competenze e strumenti.

Sull'impresa

Settore: Attivitą ricreative, culturali e sportive Website: www.arci.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica