HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


ARVAL SERVICE LEASE ITALIA

Società del gruppo bancario multinazionale BNP Paribas

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2010

Ecopolis Mobility Point – il Network delle officine, carrozzerie e gommisti sostenibili

 

Problema
La responsabilità sociale delle imprese (RSI) rappresenta l'altra faccia, necessaria e naturale, dell'impulso a una maggiore competitività in Europa. Un comportamento responsabile da parte delle aziende è essenziale per infondere fiducia nell'economia di mercato, nell'apertura commerciale e nella globalizzazione.

 

Soluzione
Il progetto Ecopolis Mobility Point nasce dalla volontà di dare concreta attuazione ai principi di sviluppo sostenibile e responsabilità sociale d’impresa coinvolgendo a 360° tutti i soggetti che quotidianamente lavorano con Arval.Arval è infatti al centro della catena del valore del Noleggio a Lungo Termine e può così coinvolgere tutti gli stakeholders in attività innovative. Nasce da questa considerazione il progetto Ecopolis Mobility Point, e quindi il coinvolgimento dei fornitori dei servizi di assistenza (officine, carrozzerie, gommisti convenzionati con Arval) per promuovere l’effettiva sostenibilità del Noleggio a Lungo Termine.Attraverso gli Ecopolis Mobility Point, Arval intende quindi realizzare un nuovo concetto di servizio assistenza, non solo focalizzato sulla qualità del servizio, ma anche sulla sua sostenibilità. Un Ecopolis Mobility Point si distingue per la scelta di una condotta rispettosa dell’ambiente, delle persone e della società. Ciò significa l’utilizzo di strutture, impianti e attrezzature a basso impatto ambientale, l’adozione di un manuale comportamentale sul luogo di lavoro, la promozione attiva di una cultura di responsabilità sociale con comunicazioni ad hoc alla propria clientela, e la promozione di nuove soluzioni di mobilità. Ne è un esempio l’offerta ai propri clienti di auto sostitutive Bi-fuel o a basso impatto ambientale e con emissioni di CO2 interamente compensate.Arval s’impegna così a estendere i propri principi di sviluppo sostenibile e responsabilità sociale, riassunti in Ecopolis, oltre che ai clienti anche ai suoi fornitori.Da non trascurare l’importante risvolto economico sociale svolto dal progetto: i centri di assistenza convenzionati con Arval sono prevalentemente piccole e medie imprese localizzate in tutta Italia. Un progetto come Ecopolis Mobility Point permette di diffondere un nuovo modello d’impresa responsabile che basa la propria crescita economica su criteri quali il rispetto dell’ambiente e delle persone.

 

Risultati
Il risultato chiave di performance è misurato in termini di n° di Ecopolis Mobility Point complessivamente operativi. Al 15 febbraio 2010 risultano operativi 488 Ecopolis Mobility Point.

Altri risultati chiave monitorati riguardano:

1) il numero e le di emissioni di CO2 medie delle auto sostitutive disponibili presso gli Ecopolis Mobility Point e i Mobility Point e noleggiate attraverso Claag Service srl. Al 15 febbraio 2010 risultano disponibili 1.855 vetture sostitutive, con emissioni medie di CO2 di 127 gCO2/km;

2) il numero di certificazioni ottenute. Ad oggi il programma di certificazione, lanciato a fine 2009, risulta avviato da 110 strutture fra officine, carrozzerie e gommisti. Le prime certificazioni per queste strutture sono attese per settembre 2010.

3) il numero d’impianti fotovoltaici realizzati. Ad oggi per tali progetti, lanciati ufficialmente ad inizio 2010, sono stati avviati alcuni contatti preliminari finalizzati allo studio di fattibilità del progetto. Pertanto questo indicatore verrà monitorato nel corso dei prossimi mesi.

4) il numero di cabine di verniciatura installate. Il progetto è in corso di lancio nel febbraio 2010. Pertanto questo indicatore verrà monitorato nel corso dei prossimi mesi.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica