HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


BANCA POPOLARE DI SONDRIO

Istituto bancario

 

Largo ai giovani: PoliCredit Card, fiducia al futuro

 

Problema
La società contemporanea è sempre più contraddistinta da complessità, a livello sia economico e sia sociale, che producono profondi gap fra i membri della collettività, andando così a delineare una situazione precaria e poco prevedibile, soprattutto, per le nuove generazioni.

 

Soluzione
In linea con i principi ispiratori delle banche popolari, di nome e di fatti, e grazie ai rapporti in essere con le principali università italiane, la Banca Popolare di Sondrio (BPS) – in collaborazione con il Politecnico di Milano, l’associazione degli studenti di questo Ateneo e aziende di prodotto partner, in particolare CartaSi – ha investito proprie risorse per promuovere alcune iniziative, che hanno consentito di realizzare PoliCredit Card.
La carta di credito, cobranded, rivolta agli studenti del Politecnico di Milano, consente loro, attraverso un unico strumento, di effettuare pagamenti presso gli esercizi commerciali e on line, con particolare riguardo alle tasse universitarie, nonché di ottenere finanziamenti sia durante gli studi e sia, in specie, al loro termine, quando il laureato deve affrontare scelte che ne condizioneranno il suo futuro.
Il “Premio alla Laurea”, il contenuto pregnante dell’iniziativa, permette al titolare di poter accedere a un prestito a condizioni vantaggiose e volto ad intraprendere un nuovo corso di studi o di approcciare con serenità l’inserimento professionale.
Terminati gli studi ed entrati nel mondo del lavoro, i titolari della carta di credito possono continuare a utilizzare PoliCredit Card come comune strumento di pagamento elettronico, ma anche come fonte di finanziamento per eventuali e improvvise ulteriori necessità, disponendo di un’assistenza economica per poter far fronte al cambio di status, da studente a lavoratore, oppure per approfondire le proprie conoscenze attraverso stage/master.
Inoltre, è stato aggiunto un meccanismo per il quale è possibile regolare on line le spese di carattere universitario senza dover digitare gli estremi della card stessa, eliminando così eventuali remore all’utilizzo dello strumento e attinenti alla sicurezza.
La BPS ha agito nell’interesse della collettività. PoliCredit Card nasce infatti da un comportamento insito nel modo di fare banca di BPS: l’attenzione verso le tematiche socio-economiche dei territori in cui opera.
Ogni attore ha manifestato le proprie aspettative; in particolare gli studenti chiedevano la realizzazione di uno strumento finanziario in grado sia di poter gestire dei pagamenti sui circuiti internazionali (VISA), sia di poter ottenere una carta di credito senza troppe complicanze burocratiche, a costi ragionevoli, e sia, ancora, di poter pagare on line le spese universitarie, anche eventualmente rateizzando gli importi.
Le funzionalità di PoliCredit Card saranno, in un prossimo futuro, estese anche in altri ambiti universitari. La card sarà sottoposta a un processo di miglioramento continuo, sia per quanto riguarda l’arricchimento dei servizi ottenibili e sia a livello di sistema, al fine di unificare e unire molte esigenze comuni.

 

Risultati
PoliCredit Card sta contribuendo al miglioramento dello status di studente, supportando i bisogni e le aspettative di laureandi e laureati che, fra l’altro, trascorrono dei periodi di studio all’estero.
L’iniziativa ha incontrato l'interesse dei destinatari è confortante. Circa il 75% delle carte sono state emesse a favore di studenti, ciò attesta che l’ascolto attivo degli “stakeholder” e, in modo particolare, dei loro bisogni inespressi giova all’affermazione dei servizi e alla soddisfazione degli studenti. Non si esclude la possibilità di allargare l’iniziativa ad altri atenei, rispettando le esigenze specifiche di determinate comunità di studenti.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.popso.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica