HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


BANCHE POPOLARI UNITE

Settore creditizio

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2006

Vuoi cambiare il mondo? Comincia dalla tua carta di credito

 

Problema
Per mobilitare la solidarietà di tanti soggetti nell’alleviare emergenze sociali in paesi lontani, occorre mettere in campo in modo efficace diversi saperi e competenze. Come quelli di una banca "che mette a disposizione come veicolo lo strumento finanziario delle carte di credito con la sua rete di clienti" e di una ONG - che sa realizzare progetti capaci di affrontare gravi problemi sociali.

 

Soluzione
L’Alta Direzione della banca, ispirandosi ai principi e ai valori sanciti anche a livello di Statuto, è tradizionalmente molto attiva nel sostenere progetti a sfondo etico e sociale (come dimostra tra l’altro la formalizzazione di un apposito catalogo di prodotti etici).
A testimonianza dell’integrità di impegno da parte del Gruppo e della capacità di attivare processi virtuosi da parte di iniziative di marketing sociale, in occasione della prima iniziativa congiunta (BPU- Cesvi,1998) il Gruppo BPU ha reso pubblica la propria rinuncia a finanziare la produzione e il commercio di armi. Sulla stessa linea, nel 2002 la Banca comunica l’astensione da qualsiasi servizio finanziario a produzione e commercio di armamenti.
In continuità con le azioni di marketing sociale realizzate nel 1998 e nel 2002 a beneficio di Cesvi, nel 2005 il Gruppo BPU ha dato il via all’iniziativa Vuoi cambiare il mondo? Comincia dalla tua carta di credito, legata alla decisione intrapresa dal Gruppo di operare un passaggio dal circuito VISA al Circuito Mastercard.
Per ogni cliente che entro dicembre 2005 ha scelto di cambiare la propria carta di credito con una carta Libra Mastercard, il Gruppo BPU Banca (Banca Popolare di Bergamo; Banca Popolare Commercio e Industria; Banca Carime; Banca Popolare di Ancona; Banca Popolare di Todi) ha donato 3 euro ad un progetto del Cesvi. I titolari di carta di credito hanno potuto scegliere tra quattro progetti cui devolvere la donazione della Banca, rispettivamente in ambito sanitario (lotta all’AIDS in Africa), Sviluppo ambientale (Zimbabwe), Sviluppo post-emergenziale (India e Sri Lanka); Micro-credito (Uruguay). Il progetto ha coinvolto tutti i pubblici di riferimento della Banca, dai dipendenti ai correntisti, che sono stati chiamati a contribuire in prima persona alla realizzazione di un obiettivo sfidante. In chiusura di progetto è stato inviato uno speciale ringraziamento a firma Cesvi-BPU a quanti hanno segnalato il progetto beneficiario, mentre è stata inviata una comunicazione dedicata a tutti i correntisti, in abbinamento all’estratto conto natalizio. La campagna di ringraziamento sta tuttora generando ulteriori donazioni individuali.
Il progetto evidenzia con chiarezza la coesistenza di obiettivi commerciali (la voltura delle carte dal circuito Visa al circuito Mastercard) e obiettivi sociali (la devoluzione del margine derivante dall’operazione a sostegno di progetti sociali).
Il progetto è stato ideato e realizzato in regime di piena condivisione, sin dalla fase di primo brainstorming e a partire dalla dichiarazione di un obiettivo commerciale, cui si è scelto di abbinare una finalità commerciale. L’accordo è stato formalizzato, esplicitando la quota-obiettivo di carte volturate / fondi raccolti. La campagna di comunicazione e la raccolta delle adesioni da parte dei correntisti è stata pianificata nei tempi e nei rilasci, in modo da poter monitorare i risultati sulla base delle proiezioni condivise in partenza. Alle adesioni ha fatto seguito - a tranche consequenziali - una attività di comunicazione post-donazione mirata, con l’obiettivo di ringraziare quanti hanno aderito e insieme offrire un primo rendiconto delle attività svolte. La campagna - sostenuta economicamente dal Gruppo - è stata ideata in collaborazione con Cesvi, sin dai primi step creativi.
A conclusione dell’iniziativa sono attualmente in fase di pianificazione una serie di attività di comunicazione e rendicontazione pubblica del progetto, rivolte alle risorse interne del Gruppo BPU e agli stakeholders esterni (correntisti, clienti, comunità locali).

 

Risultati
100.000 clienti del Gruppo hanno sostituito la propria carta di credito, 5000 dipendenti di 1.200 sportelli hanno collaborato alla promozione dell’iniziativa, oltre 3.500 clienti hanno segnalato il progetto da sostenere e chiesto di conoscere lo sviluppo dei progetti sostenuti e ricevere comunicazioni dirette da parte di Cesvi.
Gli obiettivi di risultato (300.000 euro) fissati in sede di definizione del progetto sono stati pienamente raggiunti, con notevole soddisfazione di tutte le persone a vario titolo coinvolte.
Gli addetti commerciali, motivati dalle finalità etiche del progetto, hanno profuso un grande impegno nel sensibilizzare la clientela, che a sua volta ha mostrato di capire e apprezzare l’importanza dell’iniziativa.
La risposta della clientela si è rivelata assolutamente positiva (oltre 5.000 adesioni raccolte). La consapevolezza in ordine alle finalità della campagna, promossa e sviluppata soprattutto in sede di contatto allo sportello, ha permesso di raggiungere ancora una volta il successo auspicato alla vigilia.
È evidente come risultati di questa portata consentano da un lato di tenere alta l’attenzione della comunità rispetto a problematiche spesso trascurate e, dall’altro, di generare nelle aziende promotrici quell’entusiasmo necessario per replicare analoghe iniziative.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.bpubanca.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica