HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


AGOS

Societą finanziaria specializzata nel credito al consumo

 

"Un interesse in pił per la salute dei bambini" - La carta che dą una mano a risolvere i grandi problemi dei piccoli e i piccoli problemi dei grandi

 

Problema
Nel mondo, ancora oggi, milioni di bambini muoiono a causa delle sei malattie più pericolose per l’infanzia: morbillo, difterite, pertosse, tetano, tubercolosi e poliomielite. Malattie che nel nostro paese vengono prevenute mediante l’utilizzo di vaccini e non costituiscono problemi incurabili ma che nei Paesi poveri non sono ancora state debellate e rimangono una delle principali cause di mortalità infantile.

 

Soluzione
Dal 2003, Agos firma le proprie iniziative solidali con il marchio Amico Agos, dedicato a sostenere organizzazioni assistenziali, culturali, sportive, scolastiche, sanitarie, di cui condivide gli obiettivi ed i metodi utilizzati per perseguirli.
Carta Attiva per Unicef si inserisce in un programma articolato di iniziative di marketing sociale volute dalla società che si concretizzano in un sostegno ai partner non profit attraverso l’emissione di carte di credito affinity. Alla base di tale decisione vi è la convinzione che le carte di credito sono uno strumento innovativo, l’unico capace di abbinare all’uso quotidiano di un mezzo di pagamento, il sostegno di una buona causa.
Carta Attiva per Unicef è una carta di credito di tipo revolving che mette a disposizione un fido fino a 3.100 euro, da utilizzare per qualsiasi tipo di acquisto e da rimborsare mediante piccoli versamenti. Attraverso Carta Attiva, Agos sostiene l’associazione nonprofit versandole il 10% del monte interessi, importo che verrà destinato al progetto Un interesse in più per la salute dei bambini finalizzato a rendere possibile la vaccinazione di migliaia di bambini in Congo. Inoltre, la società devolve interamente alla nonprofit la quota associativa di 15,00 euro per lo sviluppo del progetto.
La partnership è gestita da Agos e da Unicef secondo accordi trasparenti, nel rispetto delle esigenze e degli interessi di entrambi. Infatti, Agos riconosce nella trasparenza uno dei principi cardine della propria mission aziendale, elemento qualificante anche nella comunicazione corporate e retail.
La campagna di comunicazione, i cui costi di produzione e realizzazione sono stati totalmente a carico dell’azienda, ha previsto l’utilizzo di radio-comunicati, annunci stampa (anche via mail) e mailing. A livello di comunicazione interna, invece, è stato inserito un annuncio stampa nell’house organ aziendale, mentre numerose locandine relative al progetto sono state affisse durante tutte le manifestazioni aziendali. Il coinvolgimento del personale Agos nella partnership con Unicef è stato alto e tutti gli operatori delle 100 filiali si sono attivati per promuovere la carta presso i potenziali clienti.

 

Risultati
Agos è riuscita ad emettere 8.000 carte in 15 mesi di attività tramite le quali, fino ad oggi, sono stati retrocessi a Unicef interessi e quote per un valore di 130.000 euro.
La partnership ha portato benefici a entrambi i partner: un contributo significativo in termini finanziari a Unicef (oltre alla diffusione dei progetti di cooperazione internazionale realizzati dall’associazione e la sensibilizzazione di un ampio pubblico sui problemi dell’infanzia in Congo) ed un ampliamento del parco clienti per Agos. Inoltre, l’attivazione del rapporto con Unicef ha aumentato la visibilità di Agos nell’area dell’impegno sociale presso i propri stakeholder, migliorandone anche l’immagine aziendale.
Il personale Agos è stato attento, sensibile e collaborativo e, in più momenti, si è reso disponibile allo sviluppo e rafforzamento del progetto.
In ragione del grande successo riportato dall’iniziativa, la società ne ha previsto la continuazione anche nei prossimi anni.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.agosweb.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica