HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


BP Italia

Azienda energetica

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2005

Pannello Solare fotovoltaico Saturno

 

Problema
BP è tra le aziende energetiche che più ha investito nelle rinnovabili ed in particolare nel solare, perché vi vede il futuro. L’ambiente è uno dei valori fondamentali di BP, che investe ingenti somme in progetti finalizzati ad accrescerne la cultura e in business, come il solare fotovoltaico, che potrebbero significativamente avere un impatto molto positivo sul nostro pianeta.
La nuova tecnologia rappresenta un traguardo considerevole perché raddoppia l’efficienza energetica dei pannelli solari e rappresenta così un importante passo avanti nel considerare il fotovoltaico come una fonte veramente alternativa.

 

Soluzione
Le celle Serie 7 Saturno, di cui è composto il pannello Saturno, hanno una tolleranza sulla potenza pari a -0%/+2,5%, una potenza media superiore alla potenza nominale, ed un'efficienza del 18,3%. Esse producono quindi più energia pulita a parità di spazio occupato, rispetto ai moduli solari fotovoltaici tradizionali. A differenza delle celle solari tradizionali in cui i contatti, formati da una pasta vetro-metallo, vengono depositati mediante serigrafia sulla superficie superiore della cella, le Serie 7 Saturno sono caratterizzate da sottili solchi incisi con una tecnologia laser sulla superficie del wafer di silicio, di norma sono 8 volte più sottili rispetto alle griglie di contatto serigrafate, l'area attiva delle celle è superiore del 10%. Inoltre, l'emettitore selettivo (strato superiore in materiale semiconduttore) ottimizza la raccolta dell'energia contenuta nello spettro solare e al tempo stesso riduce al minimo le perdite per via della resistenza legata alla connessione in serie dei moduli.
Alla nuova tecnologia è stato dedicato interamente il più grande stabilimento europeo di pannelli solari fotovoltaici, capace di produrre 150 MW di potenza installata. Il sito, costruito ad impatto ambientale zero grazie al riciclaggio di tutti i materiali (acidi, scorie, ecc..), sarà in grado di soddisfare la crescente domanda europea. Il prodotto è stato presentato in Italia come all’estero con un’intensa compagna di comunicazione. Nel nostro paese il pannello Saturno è stato presentato al Solaexpo di Verona, la fiera più importante a livello nazionale. In collaborazione con l’associazione giornalisti scientifici è stata organizzata una conferenza stampa, nella quale la tecnologia è stata presentata dallo stesso ricercatore/ inventore della BP Solar. L’azienda si è dimostrata ancora una volta, agli occhi di tutti, leader in termini di innovazione tecnologica.
La nuova tecnologia è frutto di un intenso lavoro dei ricercatori della BP. I risultati raggiunti ed i riconoscimenti ottenuti a livello mondiale, sono stati uno stimolo per gli stessi studiosi nel perfezionare la tecnologia. Inoltre, la consapevolezza di far parte di un’azienda così innovativa, è stato molto motivante per tutti i dipendenti che hanno guardato con orgoglio i riconoscimenti del mondo scientifico.
Un team di circa 20 ricercatori ha lavorato al progetto, che è durato alcuni anni ma che è anche in continua evoluzione. BP lavora, infatti, ancora sulla strada tracciata da questa nuova tecnologia, che comunque rappresenta una svolta. Ingenti gli investimenti sulla ricerca così come sullo stabilimento produttivo che ad oggi è costato oltre 120 milioni di euro. Cifra questa che è destinata a crescere per il raggiungimento della massima capacità produttiva.
I distributori e gli agenti sono invitati a convention periodiche, nelle quali vengono costantemente aggiornati sui passi avanti della ricerca. La domanda crescente dimostra il successo della tecnologia BP, e rappresenta per i partner un’ulteriore conferma nella loro consapevolezza di lavorare con quanto di meglio ci sia ad oggi sul mercato.

 

Risultati
Tutti gli obiettivi di BP sono stati raggiunti, compreso il grande contributo in termini di reputation per il marchio, nei confronti degli azionisti e dei clienti.
Dalle telefonate ed e-mail ricevute in BP, si evince che la nuova tecnologia ha suscitato l’interesse non soltanto dei clienti ma anche della gente più comune, che si è avvicinata ancora di più al tema dell’energia e dell’ambiente, vedendo nella scoperta uno spiraglio di speranza per un mondo migliore.
Nel 2004, la nuova tecnologia ha ricevuto il premio Innovazione Amica dell’ambiente di Legambiente.

Sull'impresa

Settore: Energia, gas, acqua Website: www.bp.com
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica