HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


SOLVAY CHIMICA ITALIA

Settore chimico

 

Progetto Oasi – Utilizzo sostenibile della risorsa Idrica
Rosignano Solvay (LI)

 

Problema
L'acqua è una risorsa imprescindibile per innumerevoli attività industriali. Per questo, soprattutto in caso di realtà radicate in territori densamente popolati, si rende

 

Soluzione
Lo stabilimento di Rosignano (LI) di Solvay Chimica Italia persegue da anni una politica sistematica di risparmio dellacqua che ha già dato risultati importanti ad esempio impiegando lacqua uscita dei depuratori di Cecina e Rosignano come acqua di raffreddamento.

Nel 2011 l'impegno dell'azienda è proseguito è si è concretizzato nella promozione del Progetto “OASI, che ha già portato al risparmio di 2,1 milioni m3/anno e che a regime (fine 2012) permetterà il recupero di ulteriori quasi 1.5 milioni di m3/anno. Il gruppo del progetto Oasi, del quale fanno parte rappresentanti di tutte le unità produttive e dei servizi tecnici dello stabilimento, analizza e monitora regolarmente i consumi idrici delle fabbricazioni e li razionalizza favorendo linstaurazione di processi virtuosi di riutilizzo di acqua di scarico dove prima venivano utilizzati acque pregiate di falda.

In questo modo lo stabilimento necessita di volumi inferiori di acqua di superficie e pregiata acqua di falda, lasciando questultima a disposizione della comunità locale.

Tutto il personale del sito è coinvolto attraverso sistematiche campagne di sensibilizzazione al risparmio della risorsa idrica e ad un consumo sostenibile.

 

Risultati
 Il progetto OASI ha già raggiunto dal settembre 2011 ad alcuni importanti risultati, tra cui:

- il recupero di 522.000 m3/anno di acqua di scarico dei circuiti di raffreddamento della Sodiera, riutilizzata dove possibile al posto di acqua più pregiata (tenute idrauliche, guardie idrauliche, lavaggi interni apparecchi)

- il recupero di 410.000 m3/anno di acqua distillata, ottenuta per concentrazione della salamoia (soluzione satura di cloruro di sodio) ed impiegata nell’Unità Produttiva di Sodiera al posto di una equivalente aliquota di acqua anionica, che sarebbe stata altrimenti prodotta e fornita dall’impianto di demineralizzazione

- il recupero di 960.000 m3/anno di salamoia nel processo di elettrolisi e re-immesse in testa al processo produttivo del carbonato di sodio (Sodiera), al posto di una equivalente quantità di acqua e sale estratto dalle miniere di Ponteginori e Saline di Volterra

- la redazione e discussione mensile di bilanci e di consumi specifici per ciascuna unità produttiva del sito di Rosignano e ciascuna qualità di acqua impiegate all’interno del sito

- l'inserimento, nel calcolo del premio di partecipazione annuale di tutto il personale, di un indicatore di consumo idrico di stabilimento; questo con lo scopo di incoraggiare, a tutti i livelli organizzativi, il risparmio idrico in favore di un aumento del reddito annuale procapite.

 

Sull'impresa

Settore: Chimico-Farmaceutico  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica