HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


CASSA PADANA DI CREDITO COOPERATIVO

Banca di credito cooperativo

 

VILLA GIUSEPPINA: I PROGETTI CHE ALIMENTANO LA COESIONE SOCIALE

 

Problema
Dare risposte al bisogno di soluzioni residenziali per anziani che non possono vivere soli; ritardare o evitare il loro ingresso nelle case di riposo; prevenire ricoveri in strutture sanitarie; garantire continuità di cura e integrazione socio-sanitaria; sperimentare risposte adeguate, a costi inferiori a quelli delle residenze per anziani, senza pesare sulla contribuzione pubblica.

 

Soluzione

Nel settembre 2010, Cassa Padana, Asl di Brescia, i 20 comuni della Bassa Bresciana, il Centro Italiano Assistenza alla Famiglia (Ciaf), hanno firmato un accordo di programma per la sperimentazione di una modalità residenziale innovativa per il sostegno socio-assistenziale degli anziani. Il progetto, denominato Villa Giuseppina, nel 2013 è divenuto operativo. La struttura è pienamente occupata, dà una risposta qualitativamente elevata al bisogno, a un costo inferiore alla retta media delle Rsa, e senza ricorso al contributo regionale.

Il progetto, grazie all’articolata rete territoriale che si è costituita, è sostenibile.

Quest’esperienza è alla base di iniziative analoghe che stanno nascendo in provincia di Brescia.

È un modello di vita comunitaria, 24 posti letto, che consente alle persone anziane con autonomia limitata di vivere in un ambiente meno istituzionalizzato, in una struttura simile alla propria casa e in un contesto più vicino a quello familiare. Gli ospiti partecipano alla preparazione dei pasti, alla sistemazione degli abiti e si occupano di un orto e di un giardino.

 

Risultati

È un servizio innovativo, una risposta qualitativamente elevata alle esigenze di 24 anziani (e delle rispettive famiglie) che beneficiano del servizio a costi più bassi rispetto a quelli delle case di riposo (1.200 euro al mese contro 1.450). Ha creato 12 posti di lavoro.

È sostenibile dal punto di vista economico anche senza il contributo regionale previsto per le Rsa accreditate, perché fa leva sulla creazione di reti territoriali.

Il modello può essere replicato in altri territori: stanno nascendo almeno altre quattro iniziative in provincia di Brescia.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.cassapadana.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica