HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


COMIECO

Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica

 

Rapporto di sostenibilitÓ e bilancio al 31/12/2003

 

Problema

Il Consorzio ha come compito istituzionale il raggiungimento degli obbiettivi fissati dalla direttiva 94/62 CE e recepiti dalla legislazione nazionale (50% del recupero dei rifiuti di imballaggio immessi al consumo e 15% di riciclo minimo per ogni materiale di imballaggio). Nel Febbraio 2004 è stata emanata la nuova direttiva 2004/12/CE del Parlamento Europeo e del consiglio dell’11 febbraio 2004 che modifica la direttiva precedente. I soci di Comieco sono produttori, importatori e trasformatori di imballaggi cellulosici.


 

Soluzione
Comieco è un consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosica ed è un consorzio non-profit che, attraverso un’incisiva politica di prevenzione e di sviluppo raccolta differenziata e del riciclo, d’intesa con CONAI (Consorzio Nazionale Imballai), gestisce il sistema di ritiro, riciclo e recupero di carta e di cartone. Ad oggi Comieco conta più di 3.500 aziende consorziate ed ha sottoscritto 637 convenzioni sulla raccolta differenziata che coinvolgono 5.581 comuni e oltre 47 milioni di italiani.
Nel corso del 2003 è stata avviata una riflessione sul ruolo sociale del consorzio e sulle modalità di gestione delle relazioni con le parti interessate, di cui la comunicazione ed il dialogo costituiscono una parte centrale sulla quale il consorzio ha una forte attenzione, come confermano varie iniziative di informazione rivolte agli interlocutori interni ed esterni.
In Italia, grazie a Comieco, si raccolgono oltre il 30% del macero utilizzato annualmente dalle carterie italiane. Per produrre imballaggi, l’impiego del macero raggiunge il 90%.
Riciclare la cara ed il cartone consente risparmi enormi, su materie prime che l’Italia non produce e deve quindi importare. Ma il risparmio più importante è quello sull’ambiente. La raccolta differenziata nelle famiglie è una risorsa importante, paragonabile a quella di una foresta in continua espansione, da cui il nostro paese può ricevere un materiale prezioso ed economicamente indispensabile.
Il Consorzio, in quanto strumento delle aziende che rappresenta, oltre che per le proprie finalità statuarie, è consapevole di contribuire allo sviluppo sostenibile e di poter essere socialmente responsabile, in linea con la definizione di Responsabilità sociale dell’impresa contenute nel libro Verde del 2001 della Commissione Europea.
E’ stato pertanto definito da Comieco un percorso interno di analisi, verifica e rendicontazione con un duplice obiettivo: da un lato l’individuazione di eventuali punti di debolezza da migliorare in merito alla qualità delle relazioni delle parti interessate e dall’altro l’elaborazione di un documento che illustri e valorizzi le modalità comportamentali, le iniziative ed i risultati ad oggi raggiunti dal consorzio.
Le fasi di analisi hanno riguardato: la mappatura delle parti terze suddivise per categorie e le interfacce esistenti con le aree operative di Comieco; la valutazione della qualità della relazione e del livello di interesse per Comieco; l’identificazione delle tematiche di interesse per le Parti Terze Prioritarie; il censimento delle iniziative già in essere, di interesse per le parti terze; Social Statement del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, presentato nel novembre 2003; principi di redazione del Bilancio Sociale del GBS (gruppo di studio per la statuizione dei principi di redazione del bilancio sociale), pubblicati nel 2001.
Il rapporto di sostenibilità si articola in due parti. La prima descrive innanzitutto il consorzio (scopo, attività, assetto istituzionale e politiche di gestione). Inoltre riporta i risultati della gestione operativa suddivisi tra iniziative nel campo del recupero e del riciclo e nelle attività di ricerca e sviluppo, nonchè i risultati economici e la distribuzione del valore aggiunto. La seconda parte illustra attraverso dati, indicazioni e azioni intraprese, la qualità delle relazioni esistenti con le Parti Terze maggiormente interessate dalle attività del consorzio, quali la Comunità, gli Associati, le Risorse Umane, l’Ambiente, i Fornitori e le Istituzioni.

 

Risultati

La scelta di produrre un Rapporto di Sostenibilità rientra nella volontà di trasparenza del Consorzio, proprio allo scopo di impegnarsi, grazie a critiche e contributi anche esterni, nel miglioramento della propria attività, in modo da produrre un beneficio sempre maggiore per la comunità beneficio ambientale, economico e culturale.
L’adesione di Comieco alla proposta del Ministero è l’inizio di un percorso importante per il consorzio.
L’adesione è anche un’indicazione significativa che si comunica agli associati del consorzio. Viene segnalata un’opportunità metodologica alle imprese della filiera cartaria. Produttori, importatori, trasformatori di imballaggi e materie prime per imballaggi cellulosici ed anche amministrazioni locali coinvolte nel recupero e nel riciclo della carta sono invitati a considerare il Social Statement. Ciò eventualmente anche nell’ottica di contribuire alla sua implementazione ed integrazione affinché rispecchi le caratteristiche del settore di riferimento.
La dimensione sociale del lavoro del consorzio sta tutta nel gesto che il cittadino fa nel separare la carta conferendola alla raccolta differenziata e nella responsabilità che Comieco, e il sistema industriale che rappresenta, si assume nel garantire il ritiro del materiale cellulosico e nel riciclarlo. Ecco perché il Rapporto di Sostenibilità rappresenta la testimonianza e la razionalizzazione di un’attività con una forte connotazione civica ed etica.

Sull'impresa

Settore: Carta, stampa ed editoria Website: www.comieco.org
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica