HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


BAYER SpA

Azienda farmaceutica internazionale

 

CardioLab - prevenzione cardio-cerebrovascolare: interventi sul territorio

 

Problema
Bayer si riconosce nei principi dello sviluppo sostenibile e ritiene che le proprie competenze tecnologiche e finanziarie siano strettamente congiunte alla responsabilità di operare per il benessere dell'uomo contribuendo ad uno sviluppo duraturo ed ecocompatibile.
In oltre 100 anni di storia, Bayer ha avuto un ruolo attivo nel migliorare la qualità della vita, per la salute e il benessere dell'uomo.
Le malattie cardio – cerebrovascolari sono oggi la prima causa di decessi nel mondo occidentale (sono 4 milioni i morti ogni anno in Europa) e in Italia il numero assoluto di morti dovute a malattie cardio-cerebrovascolari negli ultimi vent’anni non è cambiato, mantenendosi intorno ai 250 mila decessi all’anno. Da questa riflessione è nato il Progetto Cardiolab – prevenzione cardio – cerebrovascolare interventi sul territorio.

 

Soluzione
CardioLab è un progetto di prevenzione fondato sulla collaborazione tra istituzioni e associazioni diverse. L’iniziativa è infatti promossa da quattro importanti aziende del non-profit, da anni impegnate sul fronte della sensibilizzazione e della prevenzione del rischio trombotico: AID (Associazione Italiana per la Difesa degli Interessi dei Diabetici), è stata istuita nel 1952 con sede a Roma e svolge un programma di attività riguardanti la promozione della salute attraverso l’informazione, l'educazione e la formazione sanitaria, nel contesto generale della sanità pubblica e nel quadro specifico della diabetologia; ALT (Associazione per la Lotta alla Trombosi) che è stata costituita nel 1986, sostiene e finanzia progetti scientifici di ricerca come la formazione e la specializzazione di personale medico e paramedico nel campo cardio e cerebrovascolare. Promuove campagne educative destinate alle diverse fasce della popolazione e focalizzate in particolare sulla conoscenza dei fattori di rischio cardiovascolare e può statutariamente compiere indagini epidemiologiche; FAND (Associazione Nazionale Italiana Diabetici) è stata fondata nel 1982, è un'istituzione di volontariato alla quale aderiscono attualmente oltre 100 associazioni locali. Scopi fondamentali della FAND sono la rappresentanza e la tutela sanitaria, assistenziale, morale, giuridica e sociale dei cittadini diabetici. La FAND finalizza il suo servizio come azione di supporto alle strutture socio-sanitarie; CnAMC (Coordinamento Nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici) è stato istituito nel 1996 dal Tribunale per i Diritti del Malato ed è una delle reti di Cittadinanzattiva (un movimento di partecipazione civica che opera per la promozione e la tutela dei diritti dei cittadini in Italia, in Europa e nel mondo).
Ad esso aderiscono oltre 200 associazioni di pazienti affetti da patologie croniche.
Oltre ai promotori nazionali (ALT, FAND, AID e CnAMC), ogni tappa vede coinvolti le istituzioni locali, enti e associazioni (comune, ordine dei medici, dei farmacisti, USL di competenza, comitato provinciale della CRI, FIMMG, SIMG, associazioni pazienti locali ecc.) che supportano il funzionamento dell’ambulatorio: vengono arruolati medici che gratuitamente si prestano a fare le visite e a volte vengono coinvolti volontari delle CRI locale per supportare il lavoro del medico.
Questa iniziativa è resa possibile con il sostegno di Bayer, un’azienda che ha da sempre creduto nelle partnership scientifiche e culturali con il mondo socio-sanitario, nella consapevolezza del proprio ruolo esterno e istituzionale.
A partire dal 2003 e tuttora operativo, il progetto prevede di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della prevenzione cardio-cerebrovascolare attraverso una visita medica.
Per 4/5 giorni consecutivi, viene predisposto un vero e proprio ambulatorio mobile nelle piazze coinvolte, al fine di sensibilizzare le persone di tutte le età a verificare il loro stato di salute. La visita medica consiste nel calcolo del rischio cardio-cerebrovascolare globale del paziente tramite la misurazione del tasso della glicemia, del colesterolo, la pressione sanguinea, dati integrati con peso, età e sesso. La visibilità di ogni evento è resa possibile tramite le seguenti attività: - affissioni di manifesti e locandine nel comune interessato, passaggi radiofonici e annunci sui quotidiani locali e attività di ufficio stampa per ogni evento locale.
Per valorizzare ulteriormente la sua partecipazione al progetto, ALT ha proposto, di monitorare l’impatto della campagna di sensibilizzazione tramite la registrazione degli effettivi cambiamenti nello stile di vita dei cittadini che si sottopongono alla visita medica nell’ambulatorio CardioLab. A questo scopo ha rivolto loro il questionario Quanta salute hai in tasca? realizzato dal suo Comitato Scientifico. Grazie all’elaborazione dei dati ottenuti dai questionari sugli stili di vita, ciascuna persona visitata ha ricevuto dall’Associazione una risposta personalizzata con un punteggio relativo al proprio rischio cardiovascolare. Inoltre, dopo tre mesi, una telefonata ha testato eventuali modifiche delle abitudini di vita o visite mediche specialistiche, indici di una maggiore consapevolezza dei fattori di rischio delle malattie cardio e cerebrovascolari.

 

Risultati
Ad oggi sono state raggiunte dal progetto CardioLab 36 città italiane per un totale di 12.179 visite e, visto il successo ottenuto, testimoniato anche dalla stampa locale, anche nel 2005 l’iniziativa continuerà il suo viaggio itinerante.

Sull'impresa

Settore: Chimico-Farmaceutico Website: www.bayer.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica