HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


MEIE AURORA

Assicurazioni

 

Polizza UniEtic

 

Problema
Nel quadro dello sviluppo e dell’ampliamento del ruolo sociale della compagnia di assicurazione che costituisce l’idea-guida su cui si fonda la nuova cultura aziendale, nel 1° trimestre del 2003, si è ritenuto di affrontare il tema della finanza etica.
Con questi presupposti, è stata studiata e proposta alla clientela una polizza vita, denominata UniEtic, che, con la forma united linked, investe, parte dei fondi raccolti dai sottoscrittori, in un fondo monetario e, l’altra parte, in un fondo azionario etico, con revisione settimanale delle quote di investimento in funzione dell’andamento dei mercati finanziari.
La caratteristica dell’eticità riguarda sia le modalità di investimento che il rapporto con gli investitori, curato in un modo particolare.
Relativamente al primo punto, è stato ricercato un fondo azionario che investisse esclusivamente in azioni di aziende sostenibili ed è stato prescelto, con l’ausilio di SAM - Sustainable Asset Management - primaria società di investimenti socialmente responsabili in campo mondiale, un fondo formato da titoli quotati al Dow Jones Sustainability Index World di New York.
Nei confronti degli investitori si è voluto instaurare un rapporto di garanzia finanziaria e di massima trasparenza: di garanzia finanziaria, poiché alla scadenza viene assicurata, come minimo, la restituzione della somma netta investita, maggiorata dell’8%, e di massima trasparenza, poiché l’investitore è informato, sin dall’inizio, delle aziende nelle quali viene investito il suo denaro e, successivamente, riceve mensilmente notizie dettagliate sull’andamento dell’investimento sia dal punto di vista del rendimento conseguito sia dal punto di vista della sua composizione (quota di investimento nel fondo monetario, quota di investimento nel fondo azionario, nonché elenco aggiornato delle aziende socialmente sostenibili che lo compongono).

 

Soluzione
Meieaurora è una compagnia di assicurazioni di dimensioni medio-grandi appartenente al Gruppo Unipol, sorta nel 2001 per effetto della fusione di due compagnie acquistate da Unipol Assicurazioni l’anno precedente.
All’atto della fusione, il management, in larga parte di estrazione Meie, ha dovuto affrontare, oltre che problemi di grande rilevanza strategica e organizzativa (unificazione dei sistemi informativi e migrazione informatica nel sistema di gruppo, unificazione delle tariffe, unificazione dei prodotti, determinazione della struttura aziendale, ecc.), anche problemi di natura politica, nei confronti dei Dipendenti, di dimensione veramente colossale (unificazione dei contratti di lavoro aziendali, coordinazione dei trattamenti del personale, omogeneizzazione degli orari di lavoro, unicità di modalità di gestione del personale, unificazione del sistema premiante, ecc.).
Per la soluzione di questi ultimi problemi, si è dato corso ad una lunga, paziente e complessa operazione con il dichiarato intento di individuare, prima, e di creare, poi, un’unica, nuova cultura aziendale che costituisse lo “specifico” della nuova compagnia.
Per la realizzazione di questo programma, venivano utilizzate anche idee embrionali in precedenza sopite che ora prendevano forma e si sviluppavano coerentemente con i nuovi scenari interni ed esterni.
L’idea-guida su cui si è fondato questo lavoro è stata il recupero ed il rafforzamento del concetto del naturale ruolo sociale che una compagnia di assicurazioni svolge quando si propone alla clientela come vero sistema di salvaguardia e di protezione personale e familiare, sia sul piano fisico che sul piano economico.
La compagnia di assicurazione “dispensatrice di sicurezza” acquista, perciò, una reale dimensione di tutela della qualità della vita, individuale e collettiva, e svolge un ruolo sociale difficilmente eguagliabile.
Così la formazione nei confronti dei Dipendenti ha assunto dimensioni molto più estese, sia in termini di quantità di giornate d’aula che in termini di persone coinvolte.
Nel corso del 2002 sono state erogate 3.267 giornate, in media circa 4 per Dipendente, ed il programma del 2003, in buona parte già realizzato, si propone di mantenere almeno lo stesso livello.
Grande risalto è stato dato al tema della Responsabilità Sociale dell’Impresa, visto sia dal punto di vista generale della politica aziendale, sia dall’angolazione tipica di ogni lavoratore. Si è voluto, cioè, coinvolgere direttamente ogni Dipendente, mettendo in evidenza come egli debba interpretare il proprio ruolo in modo nuovo, alla luce dell’idea-guida fondata sulla naturale missione sociale della compagnia di assicurazioni.
Anche la formazione degli Agenti e dei loro collaboratori ha assunto proporzioni insolite. In particolare, si è voluto avvicinare direttamente i Dipendenti degli Agenti per curare da vicino il loro rapporto con la clientela, sia per la sua valenza commerciale sia come espressione pregnante dell’impegno sociale della Compagnia.
A tal fine, è stato prodotto un apposito compact disk di autoformazione, distribuito a tutti, che, tramite un sistema interattivo, aiuta l’utilizzatore a crescere e, nello stesso tempo, consente all’ufficio Formazione di svolgere efficacemente una funzione di tutoring e di favorire a distanza la crescita professionale e culturale.
Un programma specifico è stato realizzato per agevolare e favorire il più possibile la comunicazione interna. E’ stato creato un notiziario quotidiano interattivo in intranet ed è stata curata la pubblicazione di un elegante e moderno periodico di informazione che, con cadenza trimestrale, raggiunge tutte le persone dell’azienda, siano essi Dipendenti della Compagnia, Agenti oppure Dipendenti degli Agenti.
Anche questi strumenti sono stati adeguatamente utilizzati come rinforzo culturale per lo sviluppo dei temi relativi al ruolo dell’assicuratore ed alla Responsabilità Sociale dell’Impresa e, in particolare, è stato sottolineato quanto questo impegno sia sentito e voluto dai vertici aziendali che ne seguono costantemente l’evoluzione.
Quanto più l’attività giornaliera di ogni collaboratore è permeata “dall’orgoglio” di lavorare in una compagnia che mette al centro il valore del suo ruolo sociale, tanto più si garantisce all’Azienda uno sviluppo stabile e di lunga durata, e, nel contempo, i collaboratori maturano un secondo ed importante “orgoglio”: la consapevolezza di essere dalla parte di chi aiuta.
La rapida diffusione e la convinta condivisione di questi messaggi hanno portato ad affrontare ogni problema aziendale in modo diverso, favorendo la continua ed uniforme maturazione di tutti e favorendo l’avvicinamento e l’attenzione anche a problemi esterni all’azienda.
Questo modo di pensare, sempre incoraggiato e sostenuto dai vertici aziendali, è diventato il patrimonio culturale comune di tutto il personale dell’azienda, un sistema consolidato e duraturo su cui si fonda l’azione di tutti e che coinvolge subito anche coloro che iniziano a far parte dell’azienda: da questo “humus” culturale e strategico scaturiscono incessantemente proposte ed iniziative di ogni genere.
Ecco, quindi, come si spiega l’idea ed il successo dell’iniziativa di scavare pozzi di acqua potabile in Etiopia e quella di creare e di lanciare la prima polizza etica del mercato finanziario italiano,“unit linked”; altre iniziative umanitarie minori sono state realizzate nel corso del 2003 ed altre ancora sono allo studio e si realizzeranno con il programma del 2004.
In particolare, l’iniziativa di creare e commercializzare una polizza con caratteristiche di eticità è nata dall’acquisizione di una nuova sensibilità al tema della CSR che ha aperto all’azienda nuovi orizzonti nel campo della finanza, fino ad allora frequentato solo con criteri tradizionali.
La polizza UniEtic stabilisce un diverso rapporto con il cliente che può privilegiare un prodotto, perché sa che con i propri soldi finanzierà solo aziende con determinate qualità etiche e solo se le stesse perdureranno nel mantenere queste caratteristiche.
Inoltre, la Compagnia cura in modo speciale il sistema di comunicazione con il cliente, prima e dopo la stipula del contratto.
L’assistenza e le informazioni sono continue e minuziose e mirano a garantire e documentare all’investitore notizie sull’andamento finanziario del titolo e sulle modalità di investimento (quota di investimento nel fondo monetario, quota di investimento nel fondo azionario, nonché elenco aggiornato delle aziende socialmente sostenibili che lo compongono).
La scelta del partner ha richiesto un approfondito esame del mercato finanziario internazionale ed ha portato, dopo attenta e scrupolosa analisi delle candidature, alla scelta di SAM - Sustainable Asset Management - primaria società svizzera di investimenti socialmente responsabili in campo mondiale.
Lo studio tecnico e la realizzazione del progetto è stato curato dai settori aziendali competenti:
· la Direzione Vita ha studiato ed approfondito gli aspetti tecnici che caratterizzano il prodotto;
· la Direzione Finanza ha curato e segue con competenza e tempestività gli andamenti del mercato finanziario;
· la Direzione Commerciale continua nell’opera di stimolo alla vendita da parte delle Agenzie;
· il Marketing utilizza ogni spazio per la pubblicizzazione di UniEtic;
· la Comunicazione provvede a fornire costanti e continue informazioni, interne ed esterne, per consentire agli investitori di conoscere l’andamento dei propri investimenti.

 

Risultati
La polizza UniEtic è stata realizzata rapidamente ed altrettanto rapidamente è stata commercializzata.
Lo spirito e la particolare portata sociale del prodotto sono stati immediatamente recepiti dagli Agenti che hanno sostenuto la sua vendita, pur non traendo particolari benefici provvigionali e ciò contribuisce ad ottenere un più elevato rendimento a favore dei sottoscrittori.
Gli Agenti, coinvolti durante i loro Meeting primaverili nelle due concomitanti iniziative aziendali di carattere sociale (UniEtic / Scavo di pozzi d’acqua potabile in Etiopia), hanno risposto in modo molto positivo alla nuova impostazione aziendale ed hanno manifestato, in modo aperto e franco, l’orgoglio di svolgere un’attività socialmente così importante, pur esprimendo un po’ di rammarico per il giudizio negativo spesso espresso dall’opinione pubblica sulle assicurazioni in generale e sulla loro attività in particolare.
I dipendenti, oltre ad avere maturato, seppure in modi e tempi diversi, lo stesso tipo di consapevolezza, hanno risposto in modo molto positivo e tempestivo alle sollecitazioni che richiedevano un forte impegno professionale, nonché un pronto ed adeguato aggiornamento delle proprie competenze.
I ritorni positivi attestati da tutti gli stakeholder hanno rafforzato il convincimento dell’Azienda sulla bontà della strada intrapresa ed hanno accelerato il processo di ricerca e studio di ulteriori iniziative simili.
Peraltro, l’andamento tecnico del prodotto è stato sicuramente positivo ed ha premiato gli sforzi aziendali e l’impegno personale dei lavoratori .
Le sottoscrizioni, raffrontate con quelle di altri prodotti di Meieaurora, hanno raggiunto volumi medio/alti in soli 5 mesi, mentre l’apprezzamento del titolo ha superato il livello previsto e, in un tempo così breve, il suo valore è lievitato del 4,5% lordo, nonostante il rendimento dell’investimento nel fondo azionario sia stato mitigato dal minore rendimento dell’investimento nel fondo monetario.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.meieaurora.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica