HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


COOP ITALIA

Catena di distribuzione all'ingrosso

 

Prodotti Coop e prodotti con amore

 

Problema
I prodotti con Amore COOP, i prodotti a Marchio COOP e quelli in assortimento si inseriscono all’interno di una precisa politica ambientale, che impegna l’azienda a fornire ai consumatori dei prodotti salubri, a trasferire loro tutte le informazioni affinché sviluppino autonomamente una consapevolezza ecologica e a ridurre l’impatto della produzione agricola e dell’allevamento di bestiame.
L’iniziativa riguarda quindi l’educazione del consumatore e la qualità ambientale dei prodotti, salvaguardando le risorse naturali ed offrendo merci che rispondano a precisi requisiti ambientali.
In particolare, la politica ambientale di COOP Italia richiama espressamente il suo impegno a:
- Offrire merci e servizi che rispondano ai requisiti ambientali più precisi.
- Fornire ai soci, ai clienti, agli addetti e ai collaboratori, strumenti di informazione e di educazione ambientale in grado di accrescere la loro consapevolezza ecologica.
Questi punti, insieme all’indicazione di alcune azioni operative da compiere nei settori dei “Prodotti con Amore COOP”, dei “Prodotti a Marchio COOP” e dei prodotti in assortimento, sono stati delineati dall’Assemblea dei Consigli di Amministrazione di Grado del 1995.

 

Soluzione
La vendita dei “Prodotti con Amore” è iniziata nel 1988 con l’ortofrutta e si è ampliata, nel 1989, con la commercializzazione di carni di vitello, vitellone, scattona e suino magro. Si tratta di una linea di prodotti per cui è prevista un’attenta scelta e selezione dei produttori, la definizione ed il rispetto di norme dettagliate sulle modalità produttive ed un controllo dei risultati. Questi prodotti rientrano nell’ampia gamma dei “Prodotti a Marchio COOP”, che si caratterizzano per essere preparati e confezionati da fornitori esterni che vengono attentamente selezionati; un contratto, che indica le specifiche di prodotto (caratteristiche della confezione, materie prime utilizzate, ecc.) e di processo (es. tecnologie impiegate), regola i rapporti con i fornitori.
Così come per i “Prodotti con amore COOP”, anche per i “Prodotti a Marchio COOP” la quantità di risorse necessarie per produrre un’unità di prodotto finito è di complicata determinazione, pertanto non è facile stabilire se da un anno all’altro, si sono ottenuti dei risparmi nel consumo di risorse naturali. Tuttavia, il sistema di requisiti e di controlli adottati su questi prodotti garantisce al consumatore la bontà del prodotto e un corretto impatto ambientale. Per alcuni prodotti a marchio (nettari, conserve vegetali e di frutta) COOP richiede ai fornitori di utilizzare come materie prime solo “Prodotti con Amore COOP”, provenienti da coltivazioni che applicano le metodologie di Produzione Integrata (una tecnica di coltivazione che prevede solo un parziale utilizzo dei composti chimici normalmente utilizzati in agricoltura, che vengono affiancati da altre tecniche di coltivazione come la lotta biologica e gli interventi agronomici): ciò consente di assicurare un’ulteriore tutela per il consumatore ed un abbattimento consistente dei residui nell’ambiente. Per i prodotti in assortimento, invece, COOP interviene soltanto in modo indiretto, attraverso il Progetto Qualità, al fine di influenzare il mercato e favorire la diffusione di prodotti ecocompatibili (che riducono al minimo il danno causato all’ambiente).



 

Risultati
Nel 1998 il fatturato dei “Prodotti con Amore” è cresciuto del 20% ed i fornitori dei “Prodotti con Amore COOP” Ortofrutta sono aumentati del 6%.
L’impatto più rilevante della Produzione Integrata ha riguardato la riduzione delle emissioni di inquinanti nell’ambiente e nel prodotto. L’eliminazione di tutti i trattamenti post-raccolta ha favorito notevolmente tale riduzione. L’applicazione dei sistemi di Produzione Integrata ha inoltre consentito la diminuzione del numero di trattamenti effettuati in campo, con risultati che possono arrivare fino al 40% in meno rispetto alla produzione convenzionale.
Inoltre, per diminuire l’impatto ambientale dell’allevamento dei suini, COOP ha attivato una collaborazione con il Centro Ricerche Produzione Animale di Reggio Emilia. Sono così stati elaborati dei “piani di concimazione” a basso impatto ambientale, che hanno avuto riflessi positivi sulla qualità delle acque superficiali e profonde e anche sulla qualità dell’aria, migliorando notevolmente le condizioni di vivibilità degli ambienti circostanti gli allevamenti. L’uso controllato e razionale di farmaci veterinari ha contribuito alla ridotta diffusione, nell’ambiente, di sostanze in grado di creare ceppi batterici resistenti (gruppi di batteri che non subiscono danni se colpiti con antibiotici; la resistenza è una caratteristica che si manifesta a seguito dell’utilizzo continuo di dosi massicce di farmaci a cui il gruppo batterico si immunizza).
Per quanto riguarda, invece, i “Prodotti a Marchio COOP”, il 1998 ha registrato una crescita del 5% del parco fornitori ed un incremento di fatturato dell’11%.
Il Progetto Qualità, che coinvolge, invece, i fornitori dei prodotti in assortimento, ha interessato il 20% in più dei soggetti rispetto al 1997 ed ha contribuito ad accrescere la loro sensibilità verso la riduzione dell’impatto ambientale. Un esempio di ciò è dato dall’aumento della produzione di prodotti “Naturali Biologici” prodotti che, oltre ad i requisiti minimi di legge previsti per la Produzione Biologica, debbono rispettare una serie di prescrizioni aggiuntive che COOP controlla con ispezioni. I partner coinvolti in questo progetto di tutela del consumatore sono, in primo luogo i fornitori, che hanno visto modificarsi i loro processi di preparazione ed, in alcuni casi, imballaggio dei prodotti, mentre le unità divisionali che partecipano attivamente alla sua realizzazione sono il Settore Qualità ed i Responsabili dell’assortimento.
Nell’ambito della politica di protezione dell’ambiente e dei consumatori rientra anche l’iniziativa per il miglioramento dell’etichettatura. Infatti, nel 1999 i detersivi per lavatrice Coop hanno adottato il codice di buona pratica ambientale (AISE), accordo volontario europeo con obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale dei prodotti. I produttori che aderiscono si impegnano, entro cinque anni, a formulare i propri prodotti e sviluppare le proprie confezioni tenendo conto dei seguenti obiettivi:
? Riduzione del consumo di energia nell’uso del 5% per carico.
? Riduzione della quantità in tonnellate di prodotto detergente per bucato del 10% pro-capite
? Riduzione delle quantità di imballaggio del 10% pro-capite
? Riduzione dell’utilizzo della quantità di materiali poco biodegradabili del 10% pro-capite.
I produttori si impegnano inoltre a fornire ai consumatori le istruzioni per fare il bucato in maniera responsabile da un punto di vista ambientale.
Nel primo semestre 1999 è nata inoltre una nuova carta igienica ecologica. La carta sarà ottenuta al 100% con fibre di cellulosa recuperata da carta da macero selezionata, mantenendo le stesse prestazioni di morbidezza e resistenza di una normale carta igienica; la confezione inoltre sarà realizzata in un materiale a base di amido di mais, interamente biodegradabile. Si tratterà del primo prodotto a marchio del Distributore in Italia ad ottenere la certificazione Ecolabel, un riconoscimento dato dalla Comunità Europea solo a quei prodotti che dimostrano di avere un basso impatto ambientale.
L’implementazione di tutti questi progetti ha sensibilizzato i dipendenti di COOP nei confronti di tematiche quali il rispetto dell’acquirente e dell’ambiente in cui vengono prodotte le merci ed ha migliorato i rapporti che l’azienda intrattiene con i propri clienti e con la comunità locale di riferimento.
E’ da sottolineare che le innovazioni nell’ambito della sostenibilità ambientale (la caratteristica dei processi o dei prodotti che li rende più adatti per la vita in quanto i danni che essi producono all’ambiente vengono minimizzati) dei processi di produzione che COOP ha dispiegato per permettere una maggiore tutela del consumatore si sono potute concretizzare grazie al suo forte potere contrattuale.

Sull'impresa

Settore: Commercio e Largo consumo Website: www.e-coop.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica