HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


COOP LOMBARDIA

Cooperativa di consumatori del gruppo Coop, che opera in Lombardia

 

Carta equa condivide la spesa

 

Problema
Coop sta per Cooperativa di Consumatori. L'idea base della cooperazione nasce dal bisogno e dalla solidarietà: si costruisce così una risposta imprenditoriale originale che, dalle prime esperienze pionieristiche, in più di un secolo e mezzo di storia, si sviluppa fino a diventare la prima organizzazione distributiva italiana. E' una storia di persone, di lavoro, sacrifici ed entusiasmi, strettamente intrecciata con le vicende politiche e sociali del nostro paese. I valori originari sono ancora oggi alla base della cooperazione: la centralità delle persone, dei loro bisogni e dei loro diritti.
Con Carta Equa, Coop Lombardia, oltre a promuovere un’iniziativa di solidarietà nuova, trasparente e facilmente accessibile, rafforza la propria immagine e attira i titolari della carta nei propri punti di vendita, attira non solo la stretta cerchia dei beneficiati, ma anche la potenziale e più ampia platea di benefattori. Inoltre Coop Lombardia collabora con caritas Ambrosiana nel razionalizzare l’erogazione di beneficenza e nell’aprire un nuovo canale di raccolta fondi.

 

Soluzione
Carta Equa è una carta di credito per l’acquisto di prodotti nei negozi convenzionati, ma è soprattutto una carta della solidarietà. Sono previste due carte magnetiche abilitate ai pagamenti elettronici; la prima è la carta del Benefattore: chi ne è titolare può pagare la spesa in tutti i supermercati e ipermercati Coop Lombardia, destinando ogni volta un’offerta ai bisognosi, calcolata in percentuale sul valore della spesa. Le donazioni vengono raccolte nel conto CONVIVA, intestato alla Caritas Ambrosiana (Don Virginio Colmegna), a cui si attinge per finanziare la seconda Carta, quella del beneficato, destinata a persone bisognose. Entrambe le Carte hanno uguale valore grafico, in modo da rendere indistinguibili il benefattore e il beneficato.
Carta Equa rappresenta uno strumento aggiuntivo e innovativo per promuovere la carità e rispondere ai bisogni delle persone in difficoltà. Equa esprime un concetto di solidarietà, intesa non come semplice beneficenza o elemosina, bensì come aumento dei diritti del cittadino, come emancipazione di dignità umana.
Carta equa cerca di rendere le persone bisognose non oggetto passivo di assistenza, bensì soggetto consapevole in grado di spendere in autonomia. Con Carta Equa, la Caritas Ambrosiana razionalizza l’erogazione di beneficenza e apre un nuovo canale di raccolta fondi. La Caritas individua tramite i propri Centri di Ascolto le persone in stato di difficoltà economica temporanea, che rientrano in un piano di aiuto ben specifico, monitorato nel tempo, finalizzato ad uscire dallo stato di bisogno.
Le funzioni aziendali coinvolte nell’iniziativa sono: Presidenza Soci e Consumatori, Direzione Amministrativa e Finanziaria, Direzione Commerciale, Formazione, Sistemi Informativi, Comunicazione e Pubbliche Relazioni.
Nella fase di progettazione sono state coinvolte 15 persone, mentre nella gestione partecipa tutto il personale di Coop Lombardia addetto all’emissione, gestione ed accettazione della carta.
Poiché il progetto di Solidarietà è finalizzato all’integrazione e al rispetto della dignità umana, il coinvolgimento del personale è stato immediato: è una carta solidale, uno strumento concreto ed efficace per aiutare i bisognosi, permette di fare beneficenza in modo semplice e sicuro avendo come riferimento la Caritas Ambrosiana.
I Partners coinvolti sono: Caritas Ambrosiana, Banca Etica e Inocard (società per l’emissione delle Carte).

 

Risultati
I risultati raggiunti al 31 dicembre 2004 sono: 1.271 carte benefattore emesse, 182 care beneficato emesse. I contributi raccolti ammontano a 80.300.000 Euro, di cui erogati da Coop Lombardia 35.000.

Sull'impresa

Settore: Commercio e Largo consumo Website: www.e-coop.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica