HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


NICCOLAI NUTRIZIONI ANIMALI

Opera nel settore del vivaismo e dell'agricoltura

 

Adesione all’iniziativa di Legambiente "per l’Agricoltura Italiana di Qualità"

 

Problema
La Niccolai Nutrizione Animale SpA si caratterizza da oltre 50 anni per una tradizione di qualità, servizio ed innovazione. Entrata a far parte del "Gruppo Raggio di Sole" nel 2000, divenendone la società specializzata nella produzione di alimenti per animali, esclusivamente "NON OGM", ovvero esenti da Organismi Geneticamente Modificati.
Le motivazioni che hanno spinto la Niccolai all’assunzione di questa scelta possono essere ricondotte all’esigenza, ormai comunemente avvertita, di tutelare il consumatore (intermedio e finale) attraverso un controllo della qualità di tutta la filiera zootecnica, volta a garantite la genuinità dei "cibi finali". Ciò ha indotto la società a garantire la totale esclusione dall’alimentazione degli animali di allevamento di qualsiasi forma e quantità di materie prime di tipo OGM oltre a farine e grassi di origine animale.

 

Soluzione
L’interesse della Niccolai Nutrizione Animale SpA nei confronti della mangimistica NON OGM deve essere posta in stretta connessione con la sua storia aziendale.
La società, presente sul mercato fin dal 1950 con il marchio di "Niccolai SpA", dopo aver attraversato momenti difficili nel corso degli anni Novanta, venne acquistata nel 2000 dal "Gruppo Raggio di Sole".
Attenta alle esigenze manifestate da una vasta clientela, preoccupata dai fenomeni legati al diffondersi del morbo della BSE, ed in linea con la politica innovativa del "Gruppo Raggio di Sole", la Niccolai nel corso degli anni novanta è stata totalmente riconvertita verso la ricerca e la produzione di mangimi vegetali e NON OGM per l’alimentazione animale.
In tale quadro, la società è stata la prima azienda italiana ad aderire all’iniziativa promossa da Legambiente "per l’Agricoltura Italiana di Qualità", finalizzata alla creazione di filiere zootecniche certificate e garantite come NON OGM.
L’obiettivo della campagna, è quello di creare un vero e proprio circuito agro-alimentare "per l’Agricoltura Italiana di Qualità", prendendo avvio dalla selezione dei mangimi per il nutrimento del bestiame, passando al controllo sanitario degli allevamenti, disciplinando le modalità di allevamento dei capi di bestiame, fino a giungere alle operazioni di macellazione e di distribuzione finale dei prodotti. Tale obiettivo, naturalmente, deve essere perseguito nel rispetto delle naturali esigenze degli animali, ovvero della loro completa, corretta e sana nutrizione, nonché della loro idonea assistenza sanitaria.
In questo quadro la Niccolai Nutrizione Animale si inserisce quale attore strategico del contesto in esame: le aziende operanti nel settore dell’industria mangimistica possono infatti garantire, non solo il controllo della qualità della produzione dei mangimi animali, ma anche incidere nella direzione di una "moralizzazione" degli operatori chiave di un settore critico della filiera alimentare.
Un aspetto rilevante dell’iniziativa in esame consiste nel promuovere forme di "autocertificazione" della filiera agro-alimentare. Tale scelta consente di realizzare un potente e prezioso processo di responsabilizzazione degli attori coinvolti favorendo l’affermazione di un circolo virtuoso, basato sul rispetto dei quattro principali aspetti del sistema di Legambiente "per l’Agricoltura Italiana di Qualità":

- applicazione e rispetto di protocolli e disciplinari di produzione;
- autocertificazione;
- controllo della qualità;
- identificazione degli alimenti al consumo.
Nell’ambito dell’iniziativa appena descritta, la Niccolai ha proceduto a ridefinire il proprio processo produttivo e la struttura organizzativa nell’intento di garantire un elevato livello di qualità, con riferimento alle materie prime impiegate ed alla produzione degli alimenti per la nutrizione degli animali.
I momenti nei quali il controllo di qualità viene esercitato, in tal senso, sono i seguenti:
- valutazione, selezione e approvazione dei fornitori
- entrata delle materie prime in azienda;
- immissione delle materie prime nel processo produttivo;
- passaggio del semilavorato da una fase del ciclo produttivo a quella seguente;
- uscita del prodotto finito con relativa campionatura del lotto prodotto.
Il percorso descritto consente di realizzare la cosiddetta "tracciabilità" del prodotto finale, partendo dalle materie prime fino a giungere ad ogni singolo lotto di produzione realizzato, nonché garantendo un’assoluta trasparenza sul processo effettuato dalla società, un elevato livello di qualità del mangime collocato sul mercato ed una diffusa responsabilizzazione degli attori coinvolti a vari livelli ed in differenti momenti del circuito di produzione.

 

Risultati
La partecipazione della Niccolai Nutrizione Animale S.p.A. alle iniziative promosse da Legambiente trova il più immediato riscontro nell’ottenimento di uno specifico marchio posizionato sui prodotti.
Tale marchio "per l’Agricoltura Italiana di Qualità" consente un’immediata identificazione dei prodotti finali collocati sul mercato ed un chiaro riconoscimento della qualità di tali beni.
L’obiettivo perseguito dall’azienda deve essere, tuttavia, inteso di più ampio respiro rispetto alla semplice riconoscibilità dei mangimi. La Niccolai, attraverso la continuazione di una consolidata tradizione aziendale è divenuta una società specializzata del "Gruppo Raggio di Sole" nella produzione di mangimi NON OGM. A questo risultato di forte specializzazione si aggiunge l’obiettivo di imporsi sul mercato nazionale, non solo come leader del settore della mangimistica NON OGM, ma anche come soggetto riconoscibile dai consumatori finali come sensibile ed attento alle loro più avanzate esigenze. In tal prospettiva, le iniziative cui la Niccolai Nutrizione Animale S.p.A. partecipa e la sua filosofia gestionale, dimostrano che è possibile realizzare un prodotto di qualità e NON OGM in un settore strategicamente rilevante dell’alimentazione italiana, e di influenzare una più generale moralizzazione del contesto agro-alimentare, esigenza fortemente richiesta dai consumatori finale, sempre più attenta e "preoccupata" a manifestare le proprie ragioni di sicurezza alimentare.

Sull'impresa

Settore: Altre industrie manifatturiere  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica