HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


PROMOS

Servizi di consulenza alle imprese

 

Charity Stamps System

 

Problema
L’iniziativa nasce dalla convinzione che informare il pubblico sulle iniziative non profit e di sponsoring sociale e CRM contribuisce a formare cultura solidale presso il grande pubblico dei consumatori e a rassicurare le imprese rispetto a scelte definite di corporate social responsibility.

 

Soluzione
Si tratta di un’iniziativa che consiste nella realizzazione e diffusione di Charity Stamps System, un format innovativo di comunicazione, satellite della posta elettronica, per la promozione del terzo settore e dello sponsoring sociale. Il francobollo solidale delle e-mail, testimone di iniziative charity e veicolo di comunicazione per la raccolta fondi delle orgainizzazioni non profit.
Il team autore del format Charity Stamps ha inteso realizzare un nuovo veicolo per contenuti etici e solidali che fosse sintesi di varie discipline di mkt di rete come il virus-mkt, il permission-mkt e il direct mailing, e che avesse come punto di forza la capacità di coinvolgere attivamente il pubblico utente dei servizi di posta elettronica nella distribuzione. La dinamica distributiva del format sposta sul pubblico la scelta, offrendogli in sostanza la leadership e di fatto il potere di scegliere se premiare o no le campagne dando loro più o meno atttenzione.
Il progetto è virtualmente aperto a tutte le associazioni e/o sponsors che ne fanno richiesta.
L’ utenza, nell’accezione più ampia del termine, è da considerarsi il maggior partner del progetto. Per quanto riguarda gli esponenti del mondo non profit, Caritas Ambrisiana e l¹associazione per la Lotta al Neuroblastoma sono le associazioni che abbiamo scelto per il debutto in rete. A queste si affiancheranno ARLAFE, l’associazione per il sostegno degli emofiliaci e Battibaleno, un’associazione di tutela ambientale che si occupa del Santuario Internazionale dei Cetacei.
Negli obiettivi del progetto vi sono partnerships con associazioni nei 5 settori d¹intervento: Ambiente - Salute - Ricerca - Disagio sociale - Infanzia - Diritti civili.

 

Risultati
In termini squisitamente tecnici di redemption e click through, i dati confermano che il format ha registrato valori doppi rispetto a format di rete antagonisti come i banners o i pop up. Da un punto di vista più generale, possiamo affermare che alcune decine di migliaia sono stati gli accessi al sito, con una progressione che lascia intendere traguardi ancor più importanti nei prossimi mesi.
Dato rilevante: questi risultati sono stati raggiunti attraverso l’esclusiva distribuzione del format. Nella totale assenza di qualsiasi rilancio su motori di ricerca, portali o campagne informative che avrebbero certamente amplificato i risultati.
Scelta evidentemente dettata dalla volontà di verificare la peculiarità autoriproduttiva del format e la capacità di appeal e attention keeping dell’iniziativa.
Considerata conclusa la fase di beta testing pubblico del prodotto, si è stabilito come obiettivo prioritario per il 2004 la ricerca di partner editoriali con i quali sostenere lo sviluppo del progetto.
Il pubblico ha mostrato un interesse diffuso verso Charity Stamps System e, in buona misura, ha risposto in modo attivo all’invito espresso dal format.
Ha deciso di accedere al sito distributivo attraverso i link predisposti sul format e ha accettato di farsi ripetitore di un messaggio etico/solidale.
Quel margine di diffidenza manifestata dagli utenti che hanno fermato la loro azione sulla soglia del download è da considerarsi fisiologica per un target così ampio e generico come quello degli utilizzatori dei servizi di posta elettronica.
Raro il dissenso o il disinteresse da parte delle associazioni. Per loro sono evidenti i vantaggi di una comunicazione tempestiva, economica e capillare.
Anche il mondo delle imprese ha dichiarato di essere interessato e incuriosito dal sistema Charity Stamp ma, su un campione di 300 aziende nazionali e multinazionali, meno del 5% ha accettato di valutare in concreto la possibilità di un suo impiego in comunicazione.

Sull'impresa

Settore: Agenzia di comunicazione Website: www.promosagency.com
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica