HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


REM ASSICURAZIONI

Settore assicurativo

 

Protezione Donna

 

Problema
La mission che si intende perseguire con questo progetto è la creazione di uno strumento flessibile e di facile accesso per aiutare concretamente le donne che si ammalano di tumori femminili e, nel contempo, per sostenere le associazioni di volontariato impegnate nella lotta a queste malattie.
In tal modo, oltre a fornire un supporto concreto a chi dovesse ammalarsi, si ottiene anche l’obiettivo di sensibilizzare il mondo femminile nei confronti della diagnosi precoce, arma tra le più efficaci a disposizione delle donne per combattere i tumori del seno e degli organi genitali femminili.
Tra i fini dell’iniziativa vi è anche il portare l'attenzione verso le associazioni di volontariato in ambito sanitario, che sempre più spesso sono chiamate a svolgere un ruolo integrativo del Servizio Sanitario Nazionale. Per tali associazioni la scarsità di risorse finanziarie è spesso un limite alla loro capacità di azione. Protezione Donna rappresenta quindi una fonte di finanziamento: alle associazioni promotrici dell'iniziativa sono riservate elargizioni fisse complessivamente pari al 10% del premio (Europa Donna 5%, AIRC 2%, Istituto Mario Negri 2%, IEO 1%). Inoltre, a tutte le associazioni specificatamente impegnate nella promozione della vendita sono altresì attribuite commissioni di distribuzione pari al 10% (5% per i rinnovi).
Le polizze saranno distribuite anche attraverso canali alternativi (internet e sportelli leggeri).

 

Soluzione
"Protezione Donna" è un’iniziativa nata da un’idea di REM Assicurazioni (Società del gruppo Reale Mutua), di EUROPA DONNA, movimento europeo di opinione per la lotta contro il tumore del seno, e del broker assicurativo Rasini Viganò.
"Protezione Donna" è una polizza assicurativa semplice, che non richiede visite mediche preventive. Con il versamento di un premio annuo calcolato sull’età d’ingresso (che rimane invariato per i rinnovi fino al 69° anno di età dell’assicurata), le assicurate, in caso di diagnosi di tumori maligni invasivi al seno e all’apparato genitale femminile, ricevono un indennizzo di 15 mila euro indipendentemente dalle spese effettivamente sostenute per le cure mediche; tale somma potrà essere liberamente impiegata per gli imprevisti che la malattia può portare nel lavoro o in famiglia, per cure mediche o per soddisfare un desiderio in un momento difficile della propria esistenza.
Sottoscrivendo la polizza Protezione Donna, inoltre, si contribuisce al sostegno delle associazioni impegnate nella lotta ai tumori femminili.
Europa Donna utilizzerà i fondi raccolti con questo progetto per promuovere ulteriormente la diagnosi precoce con campagne di sensibilizzazione sempre più estese e con il coinvolgimento delle associazioni ad essa legate.
Un’ulteriore rapporto di collaborazione è stato definito con l’Istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri". Le sottoscrittrici della polizza Protezione Donna, attraverso la compilazione di appositi questionari, concorreranno alla formazione di una banca dati con lo scopo di seguire nel tempo lo stato di salute generale delle sottoscrittrici sane e dell’eventuale genesi e sviluppo patologia tumorale nelle donne che dovessero aver contratto la malattia.

 

Risultati
Gli obiettivi prefissati sono:
1. contributo alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica con riferimento ad una tematica particolarmente delicata;
2. costruzione di un database per agevolare la ricerca sul cancro;
3. obiettivi commerciali (volume d’affari, finanziamento delle associazioni di volontariato);
4. aumento della visibilità della Compagnia.
La fase “di lancio” per un prodotto come Protezione Donna è da considerarsi particolarmente lunga e difficile:
- in una prima fase di tipo “educational”, si è sensibilizzata l’opinione pubblica focalizzando l’attenzione sulla rilevanza della malattia, sulla necessità di controlli regolari, e sulle reali possibilità di prevenzione oltre che, naturalmente, sul rapporto di collaborazione e sostegno con le associazioni di Europa Donna.
- Una seconda fase, attualmente in corso, vede coinvolte le singole associazioni in un’attività concrete di comunicazione e promozione dell’iniziativa nei confronti del contesto territoriale e sociale in cui operano.
Grazie all’opera delle associazioni di volontariato e al meccanismo di finanziamento adottato si sta costruendo una rete di vendita innovativa: la conoscenza e la promozione di Protezione Donna è realizzata da tutte quelle donne che sono a contatto con la malattia, perché ne sono affette, perché ne sono guarite o perché hanno deciso di prestare la loro opera come volontariato.
Il target così raggiunto, in virtù dell’elevata sensibilità nei confronti di questa tematica, diverrà a sua volta promotore dell’iniziativa.
Questo è un aspetto di importanza cruciale per una compagnia come REM che opera sul territorio nazionale senza disporre di una rete agenziale tradizionale ma appoggiandosi quasi esclusivamente a canali innovativi.
REM, inoltre, si occupa di costruire prodotti per affinity group con programmi assicurativi personalizzati per rispondere al meglio alle esigenze dei clienti. L’innovatività e la particolarità di Protezione Donna costituiscono un buon strumento pubblicitario e forniscono un valido esempio di personalizzazione di prodotto assicurativo.
È in previsione il lancio della seconda fase della campagna di promozione con obiettivi più esplicitamente orientati alla vendita. In funzione del numero di polizze sottoscritte sarà possibile procedere al finanziamento delle associazioni e alla costruzione della base dati su cui effettuare la ricerca. Si continuerà nell’opera di sensibilizzazione e di coinvolgimento del pubblico femminile.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.lapiemontese.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica