HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


SIEMENS

Gruppo multinazionale leader nei settori elettronico ed elettrotecnico

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2005

Csr - Progetto Siemens per l’Etiopia

 

Problema
I bambini di oggi domani saranno adulti. Ne consegue, secondo Siemens, che lo sviluppo di ogni società deve necessariamente passare attraverso il rispetto, la protezione e la valorizzazione dei diritti di ogni bambino, ovunque sia nato e in qualsiasi situazione si trovi. Da sempre Siemens opera affinché i bambini, che rappresentano il nostro domani e sono la futura generazione di lavoratori clienti e membri della comunità, possano crescere nel modo migliore e nel rispetto delle loro specificità e inclinazioni.
In occasione del Natale 2004, Siemens Italia ha deciso di contribuire al lavoro di una delle associazioni più attive che operano in favore dei bambini, il Ciai – Centro italiano aiuti all’infanzia, con una speciale donazione che ha visto coinvolti tutti i dipendenti, i partner e gli amici di Siemens.
L’obiettivo del progetto Siemens per i bambini dell’Etiopia è di ristabilire il diritto allo studio, quindi consentire ai bambini di accedere alla scuola statale; offrire alternative alla strada ai piccoli abitanti del distretto, sensibilizzare l’intero distretto sulle problematiche dell’istruzione e della tutela dei minori.
Se gli indicatori sulla città di Addis Abeba mostrano una situazione piuttosto allarmante, il distretto di Gulele in cui sarà collocato l'intervento sostenuto da Siemens presenta uno dei tassi di disoccupazione più alti della città e una significativa posizione di svantaggio rispetto al grado di scolarizzazione (il 90% dei capi famiglia è analfabeta). La frequenza scolastica dei bambini di età compresa fra i 6 e i 18 anni, evidenzia che il 96% dei minori di età di prima scolarizzazione riesce ad accedere alla scuola pubblica ma ben il 39% dei ragazzi accede alla scuola primaria fra un'età che oscilla fra i 13 e i 14 anni e il 22% fra i 15 e i 18.
Quindi costruire un nuovo distretto scolastico in questa zona e consentire ad un buon numero di bambine e bambini, ragazze e ragazzi, di frequentarlo regolarmente vuole dire offrire una grande opportunità di riscatto sociale ed umano.

 

Soluzione
Il progetto Siemens per i bambini dell’ Etiopia Quest’ultimo ha un duplice obiettivo: da una parte contribuire alla ristrutturazione di una scuola di Addis Abeba (Etiopia), aperta ai bambini di età compresa tra i 6 e i 14 anni, e dall’altra sostenere agli studi i minori che la frequenteranno. La scuola si trova nel distretto di Gulele, una delle aree con il tasso di disoccupazione più elevato e con una drammatica situazione rispetto ai livelli di scolarizzazione. Il progetto mira a ristabilire il diritto allo studio dei bambini mettendoli nelle condizioni di accedere alla scuola statale e al tempo stesso vuole offrire alternative alla strada e sensibilizzare l’intero distretto sulla problematiche dell’istruzione e della tutela dei minori. Il Ciai - Centro italiano aiuti all’infanzia - è una delle associazioni più attive che operano in Etiopia in favore dei bambini. Per questo Siemens ha deciso di sostenerne l’attività in Etiopia. Con l'aiuto di Siemens intende ristrutturare un edificio già esistente e fornirlo di materiale didattico e formativo; qui verranno create tre classi della cosiddetta scuola informale che saranno frequentate da minori in età compresa tra i 6 e i 14 anni a cui è stato negato l’accesso alla scuola primaria. Lo spazio esterno sarà inoltre attrezzato a parco giochi e ricreazione aperto anche ai fratelli e alle sorelle dei bambini che frequentano la scuola; si eviterà così che i bambini trascorrano il loro tempo libero nelle strade.
Siemens ha lanciato questa campagna di raccolta fondi coinvolgendo anche i propri partner, cui è stata inviata una lettera per informarli ed invitarli a contribuire. Ha realizzato sui siti internet e Intranet sezioni appositamente sviluppate con un ampio ventaglio di informazioni sull’Etiopia, sui metodi scolastici e sulle abitudini del Paese. Ha realizzato una piccola campagna pubblicitaria sui principali quotidiani nazionali per informare i propri clienti dell’iniziativa in atto. Anche i biglietti di auguri natalizi hanno fatto ampio riferimento al progetto che ha quindi coinvolto un’audience molto vasta.
Il progetto prevede anche la costituzione di un comitato di controllo del progetto e la formazione e la sensibilizzazione dei rappresentanti del distretto al fine di potenziare le capacità di identificare e progettare interventi a favore dei minori della zona.
Si svolgeranno anche attività di informazione e sensibilizzazione su tematiche legate all’igiene e alle malattie trasmissibili.
Tutto il personale di Siemens è stato informato e coinvolto direttamente nell’iniziativa attraverso: lettera ai dipendenti inserita in busta paga con la quale si spiegava il progetto e si chiedeva un contributo; sviluppo sulla rete Intranet di sezioni appositamente dedicate alle informazioni sull’Etiopia, sui metodi scolastici, sulle abitudini del Paese
E’ stato inoltre realizzato un calendario da tavolo per tutti i dipendenti in ricordo del progetto; si è provveduto a organizzare un pranzo etnico etiope servito in tutto le mense delle sedi sparse nelle varie città.
Accanto a questo progetto, Siemens si è impegnato anche in altre iniziative.
Il Gruppo Aziendale Avis Siemens, nato per rispondere all'appello che, quasi quotidianamente, veniva lanciato dalle strutture ospedaliere circa la carenza di sangue. L'idea alla base di tutte le iniziative Avis Siemens è accrescere il numero di donatori. Questo impegno si concretizza nelle raccolte di sangue in azienda. Ad oggi, i donatori attivi sono oltre 500, il 24,6% della forza lavoro del Gruppo Siemens e 22000 le unità di sangue raccolte in 35 anni nelle sedi milanesi.
Siemens Italia dedica attenzione e sostegno in modo costante e continuativo anche al mondo della cultura, ponendosi come interfaccia tra il mondo economico e quello artistico - culturale.
Numerose iniziative, sia di sponsorizzazione sia di promozione, sono realizzate dall’azienda annualmente in ogni settore dell’arte e della scienza, permettendo a Siemens di acquisire un ruolo di diffusore di idee e d iconoscenza. Nello sviluppo della capacità competitiva delle aziende, la qualità delle risorse umane è diventata il vero fattore critico di successo per Siemens. La Formazione ha conseguentemente acquisito una centralità nuova: favorire lo sviluppo delle competenze idonee ad affrontare i continui cambiamenti è diventato, per le organizzazioni del nuovo secolo, una priorità assoluta.
Nella convinzione che ciascuno è il primo responsabile del suo sviluppo, Siemens supporta le proprie risorse nell'avviare e nel mantenere nel tempo (life-long education) un processo di auto-sviluppo rivolto a formare professionalità flessibili, autonome pro-attive. Pertanto, fornire opportunità di sviluppo e d'arricchimento professionale, attraverso diverse modalità didattiche/operative, rappresenta per Siemens un investimento responsabile e strategico.
Siemens Italia è uno dei soci fondatori della Fondazione Politecnico di Milano, con l’obiettivo di sviluppare progetti comuni a elevata tecnologia, partnership per la realizzazione di laboratori sperimentali, centri di ricerca università/impresa e iniziative per l'internazionalizzazione. Certamente significativo è il sostegno a un innovativo progetto multidisciplinare che vede coinvolti Politecnico, Ospedale Niguarda Cà Granda e Policlinico di Milano per la definizione di un software che valuta il rischio di rottura di aneurismi celebrali.
A livello mondiale la Siemens Caring Hands Foundation provvede all’assistenza economica e volontaristica ai Paesi in stato di emergenza. Tra le molte iniziative, la Fondazione ha ultimamente raccolto e donato 5 milioni di Euro alle vittime delle inondazioni in Europa Centrale e le popolazioni spagnole colpite dal disastro ecologico in Galizia.

 

Risultati
100.000 Euro è la cifra raccolta grazie al contributo dei dipendenti, dei collaboratori e dei partner Siemens e raddoppiato dalla società. L'iniziativa di raccolta fondi, che si è conclusa il 14 gennaio, permetterà ai bambini del distretto di Gulele, oggi costretti a studiare in una specie di capannone pericolante, di essere ospitati in una struttura più accogliente e, soprattutto, più sicura. I lavori sono già iniziati e, secondo le tempistiche stabilite, dovrebbero concludersi entro dicembre 2005, anche se molto dipenderà dalla generosità della stagione delle piogge. Ad oggi, le imprese locali coinvolte stanno procedendo con lo scavo delle fondamenta, un lavoro lungo e delicato a causa della tecnica manuale utilizzata. Parallelamente, stanno procedendo con la realizzazione del muro di cinta necessario per definire i confini della scuola e al tempo stesso per proteggere i bambini dai rischi legati alla presenza di un fiume che si trova nelle immediate vicinanze.

Sull'impresa

Settore: Informatica Website: www.siemens.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica