HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


KELLOGG ITALIA

Azienda produttrice di cereali

 

Filippo e gli Altri Storie per una Buonanotte

 

Problema
I bambini ricoverati in ospedale affrontano molti periodi difficili, tra i quali in particolare uno molto delicato è la sera, al momento di andare a dormire, in quanto si devono addormentare senza avere vicini mamma e papà. Anche i genitori ed i volontari sono spesso impreparati all’ospedalizzazione e non sanno come viverla con serenità.

 

Soluzione
Kellog, in collaborazione con “Fondazione ABIO Onlus per il bambino in ospedale” e Carthusia Edizioni, casa editrice impegnata nella pubblicazione di titoli educativi per l’infanzia e progetti mirati di comunicazione in ambito sociale, ha realizzato un libro di favole per i bambini in ospedale e ne ha donato 4.000 copie ai volontari, fondazione senza scopo di lucro attiva nell’ambito dell’accoglienza del bambino al momento del ricovero ospedaliero.  Filippo e gli altri - Storie per una buonanotte è un volume di nove racconti illustrati, che accompagnano il momento della nanna dei bambini ricoverati, che li coinvolgono sul piano emotivo, che  incontrare i loro sogni e li trasportano in una dimensione fantastica e liberatoria. Filippo e gli altri è una raccolta di storie divertenti, pensate da Roberto Piumini per i bambini che affrontano l’esperienza dell’ospedalizzazione, perché possano viverla con maggiore serenità, tenendo conto del loro bisogno di gioco, di sicurezza e di affetto. I racconti vogliono indurre i bambini ad assumere una posizione di coraggio di fronte a situazioni difficili. Il fine è quello di tranquillizzarli, accoglierli considerando i loro bisogni, perché possano elaborare e superare la paura, favorendo contemporaneamente il dialogo costruttivo con l’adulto. Le storie, illustrate dalle suggestive immagini di Patrizia La Porta e Valeria Petrone, sono viaggi nel fantastico, stimolanti e divertenti. Proprio allo scopo di incoraggiare il bambino ad affrontare la degenza con maggior serenità, ciascun protagonista porta con sé, nella propria avventura, un oggetto appartenente al contesto ospedaliero (come le garze, la cuffietta o l’asta della flebo) che, nel corso della storia, si rivelerà davvero molto utile. Tutte le fiabe sono a lieto fine e stimolano, attraverso l’immaginazione, la capacità dei bambini di affrontare gli imprevisti e le difficoltà della vita. Il progetto, realizzato grazie ad un sinergico lavoro di equipe tra i tre partner coinvolti, ha portato alla realizzazione di un importante progetto editoriale, frutto di un’attività di continua condivisione durante tutti gli step: dalla definizione del progetto, al lancio in fase di conferenza stampa, al monitoraggio dei risultati. Il progetto, per realizzare il quale Kellogg Italia ha investito circa 30 mila euro, ha coinvolto in primis il team del dipartimento Comunicazione, da febbraio ad ottobre 2006.

 

Risultati
Il progetto ha avuto lo scopo di invitare i consumatori a conoscere l’attività di ABIO, sensibilizzandoli nei confronti dell’iniziativa e del mondo del volontariato in genere. I benefits apportati a ciascun partner sono stati rilevanti anche per gli altri partner coinvolti: per ABIO, l’importanza di possedere un valido strumento che crei un filo conduttore omogeneo a supporto dell’attività di tutti i volontari ABIO, operanti in tutte le sedi ospedaliere. Per Carthusia, la partecipazione al programma ha consentito la realizzazione di un progetto coerente con il profilo delle scelte editoriali. Filippo e gli Altri ha contribuito (e contribuisce tuttora) a migliorare il clima ospedialiero, rendendolo maggiormente accogliente agli occhi dei bambini ricoverati. Apprezzato dai piccoli pazienti, dalle loro famiglie e dai volontari ABIO, ha fornito un valido supporto per contribuire all’umanizzazione dell’ambiente ospedaliero.

Sull'impresa

Settore: Alimentare e bevande Website: www.kelloggs.it/
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica