HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


UNICOOP FIRENZE

Cooperativa di consumatori del gruppo Coop

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2006

Il Cuore si scioglie

 

Problema
Nei Paesi poveri del Sud del Mondo esistono bambini che vivono condizioni di vita difficili e muoiono per mancanza di cibo, acqua e assistenza sanitaria. Per sottrarli a questa situazione di completa e totale indigenza basterebbe un minimo impegno economico da parte dei Paesi più ricchi e delle popolazioni che li abitano.

 

Soluzione
Il Cuore si scioglie è una campagna di solidarietà internazionale e adozione a distanza a favore dei paesi poveri del mondo. E’ un grande progetto di cooperazione decentrata partecipata, a cui cioè prendono parte migliaia di cittadini toscani che prestano volontariamente la loro opera per la raccolta fondi destinata alle vittime più deboli del sottosviluppo: i ragazzi.
La prima campagna è stata avviata nel 2000, e quella realizzata nel 2005/2006 è la quinta edizione. Nei principali punti vendita di Unicoop Firenze sono stati realizzati presidi per tutto il mese di dicembre e durante questo periodo l’ordinaria campagna promozionale commerciale natalizia è stata sostituita con quella per l’adozione a distanza. Fra le novità dell’ultima edizione c’è stata la presenza di quaranta testimonial legati al mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport toscani, i quali durante la campagna sono intervenuti nei punti vendita per spiegare gli obiettivi dei progetti sostenuti dalla campagna. Il Cuore si scioglie coinvolge l’Arci, il Movimento Shalom e i Centri missionari toscani. La divisione dei ruoli vede i partner impegnati nella scelta dei progetti ed Unicoop Firenze alla guida della macchina organizzativa.
Fra i programmi più importanti realizzati finora vi sono la Scuola materna di Betlemme (iniziativa resa possibile dalla collaborazione con altri soggetti internazionali), Saving Children per la cura dei bambini palestinesi in ospedali israeliani, la pizzeria del Burkina Faso (per dare cibo e lavoro ai piccoli orfani di Loumbila), i centri sociali per i ragazzi di strada in Perù, una fabbrica di camicie in India e la scuola materna a Salvador Bahia, in Brasile.
Nella fase di realizzazione progettuale, esiste un monitoraggio di efficacia a cura dei soci e dei partner: in ogni realtà in cui viene realizzato un progetto, ogni anno viene effettuato un viaggio di verifica dei risultati e inviato un rendiconto ai protagonisti dell’iniziativa.
La leadership è coinvolta ai massimi livelli, nella persona del presidente della cooperativa e come Consiglio di Amministrazione. Il presidente promuove personalmente la campagna a tutti i livelli, e nel 2005 la Regione Toscana gli ha conferito, insieme ai partner di progetto, un riconoscimento per l’attività di solidarietà internazionale realizzata.
Inoltre, circa 2.000 dipendenti ogni anno partecipano direttamente ai programmi di adozione a distanza e 500 di loro prestano volontariamente la loro attività per la raccolta fondi e per la realizzazione operativa di alcuni progetti. Ad esempio, la pizzeria in Burkina Faso è stata creata grazie al supporto, la formazione e l’avviamento di una delegazione di dipendenti recatasi a Loumbila, mentre in Palestina i dipendenti hanno preso parte ad un grande progetto di riconversione degli artigiani di Betlemme, sostenendoli nel passaggio dalla produzione di presepi a quella di taglieri e coltelleria da cucina (successivamente venduti nei negozi Unicoop Firenze).
L’impegno economico profuso da parte dell’azienda prevede un’assunzione di oneri a tutti i livelli ed il sostegno completo dell’attività di promozione della campagna, pari a circa 500 mila euro.

 

Risultati
Durante la campagna 2004/2005 sono stati adottati 5.300 bambini. Quest’anno, oltre al rinnovo ed all’estensione di tutte le adozioni dell’anno precedente, sono stati finanziati otto nuovi progetti.
Tra adozioni ed interventi di solidarietà internazionale sono stati raccolti 1,5 milioni di euro annui, di cui circa 400 mila provengono direttamente dalla cooperativa. In Toscana ogni anno vengono coinvolte circa 50 mila persone ed il processo di condivisione della campagna cresce sempre di più: è nata una nuova sensibilità e cultura etica che indirettamente rafforza i valori della stessa cooperativa. Sono state acquisite una percezione diffusa del valore della solidarietà ed una cultura e competenza specifica da parte di coloro che lavorano a contatto con le 38 sezioni socie (una decina di dipendenti in totale). Inoltre, Il Cuore si scioglie ha ricevuto numerosi premi, tra cui la medaglia d’argento della Regione Toscana per la pace e i diritti umani. In ragione del grande successo, la campagna verrà rinnovata anche nei prossimi anni.

Sull'impresa

Settore: Commercio e Largo consumo Website: www.coopfirenze.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica