HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


UNILEVER

Azienda multinazionale attiva nei settori dell’alimentazione, dell’igiene e dei prodotti per la casa

 

Give a little bit..vitality summer 2004

 

Problema
La Divisione Home and Personal Care di Unilever opera sul mercato italiano nei settori dell’igiene e cura della persona, della cura dei tessuti, della pulizia dei piatti e delle superfici della casa con marchi quali Mentadent, Dove, Sunsilk, Svelto, Lysoform, Cif e Coccolino.
La nuova Mission di Unilever (infondere Vitality alla vita di tutti i giorni) orienta sempre più l’azienda verso politiche di CSR quale fattore imprescindibile per il successo dell’azienda stessa.
La Direzione Europea (EuroBoard) e la Direzione italiana (Local Board) sono stati i promotori del progetto, Give a little bit …. Vitality Summer, assegnando gli obiettivi e le guidelines cui ciascuna azienda si è riferita per la progettazione ed organizzazione del proprio evento.

 

Soluzione
Tutte le aziende locali appartenenti ad Unilever Home and Personal Care Europe, Business Group europeo, cui appartiene anche la divisione Home and Personal Care di Unilever Italia, hanno organizzato un Community Day, incentrato su diverse attività che vedessero il coinvolgimento volontario e diretto dei dipendenti a favore di una causa sociale presente sul territorio di appartenenza. L’invito del Business Group si è tradotto nella realizzazione di una delle iniziative a favore della Comunità più imponenti mai organizzate da un’azienda a livello europeo, che ha visto il coinvolgimento di più di 3500 dipendenti.
In Italia la Direzione di Unilever Italia Div. Home and Personal Care ha deciso di effettuare differenti attività nelle tre diverse località dove l’azienda è presente con propri insediamenti (Milano, Casalpusterlengo - Lo e Pozzilli - Is), ciascuna delle quali identificate a seguito di una valutazione precisa dei bisogni presenti nei singoli territori e nelle singole comunità di appartenenza.
A Milano, Unilever ha deciso di intervenire a favore della Fondazione Exodus di Don A. Mazzi, una comunità che si occupa da 20 anni del sostegno, della tutela e del recupero delle persone più emarginate dalla società (tossicodipendenti, carcerati, depressi e anoressici). Nel corso di una intera giornata, circa 200 dipendenti di Unilever Italia, insieme al Top Management aziendale e sotto la guida ed il coordinamento degli ospiti della Comunità Exodus, hanno lavorato strenuamente in opere di manutenzione della cascina sede della Fondazione e della Comunità. In una sola giornata, più di 200 dipendenti hanno potuto realizzare ciò che i soli ospiti della Comunità avrebbero potuto fare in un anno.
A Casalpusterlengo (LO), dove ha sede l’impianto di produzione detergenti in polveri e liquidi di Unilever Italia, l’azienda si è invece stretta in una collaborazione con l’Amministrazione Comunale locale per la progettazione e l’intervento di circa 100 dipendenti della fabbrica nella pulizia delle sponde del fiume Brembiolo all’interno del suo percorso cittadino, e la manutenzione straordinaria delle opere e dei ponti all’interno del parco in cui scorre il fiume. A Pozzilli (IS), invece, dove ha sede il secondo impianto di produzione detergenti liquidi, è stato deciso di intervenire a favore dell’oasi WWF Le Mortine che sorge vicino al fiume in cui la fabbrica scarica le acque depurate provenienti dall’impianto di trattamento con un progetto che prevedesse l’intervento dei dipendenti in attività di manutenzione delle strutture preesistenti nell’oasi, ma anche nella costruzione di nuovi punti di bird-watching, strutture per pic-nic, ecc.
I singoli eventi sono stati organizzati da appositi Gruppi di Lavoro composti da dipendenti di Unilever Italia e da volontari/ospiti delle Organizzazioni scelte quali partners del progetto (Fondazione Exodus, WWF, Comune di Casalpusterlengo) con due persone in particolare nominate Coordinatori Responsabili in rappresentanza dei due partners.
L’incontro e la collaborazione immediata tra i due partners (azienda e ONG) ha permesso di chiarire immediatamente i bisogni, condividendo da subito una strategia per il loro raggiungimento e soddisfazione vicendevole.
350 dipendenti, con a capo la Direzione, hanno aderito volontariamente alle 3 iniziative proposte dall’azienda, affincando i volontari/ospiti delle Organizzazioni partners.
In particolare, l’obiettivo dell’azienda è stato quello di coinvolgere i propri dipendenti in un lavoro fatto per il bene di altri, potendo capire e toccare con mano come i valori aziendali di autostima e stima reciproca, team commitment, fiducia, possano essere concretamente vissuti portando a raggiungere grandi risultati. Gli stessi valori sono poi stati riconosciuti e quindi condivisi coi partners (es. Fondazione Exodus). Va sottolineato che non vi è volutamente stata alcuna attività di Ufficio Stampa per la promozione all’esterno dell’evento, a ribadire come le finalità aziendali insite nel progetto fossero indirizzate unicamente verso una forma di learning by doing con i propri collaboratori, oltre a naturalmente i benefici sociali insiti.

 

Risultati
Gli obiettivi prefissati in termini di attività da svolgere nel corso della giornata sono stati totalmente raggiunti, con totale soddisfazione dei due partners e, soprattutto, delle singole persone partecipanti.
Una recente indagine sulla soddisfazione dei dipendenti (People Survey), effettuata nell’autunno del 2004, dimostra un grande apprezzamento delle persone rispetto agli impegni sociali dell’Azienda, a riconoscimento delle politiche esplicite e concrete di CSR messe in atto dall’azienda, di cui il progetto Give a little bit …. Vitality Summer rappresenta un semplice esempio.
Il primo e più importante risultato riguarda la sensibilizzazione delle persone/dipendenti rispetto alle tematiche del bisogno sociale e del volontariato. Le giornate di lavoro sono state precedute da momenti di incontro, organizzati in azienda, con i responsabili e gli operatori delle Organizzazioni partners, per incontrare e far conoscere nei dettagli le cause scelte attraverso le testimonianze di chi dedica la vita per il bene di altri e/o altro (Don A. Mazzi, WWF).

Sull'impresa

Settore: Commercio e Largo consumo Website: www.unileveritalia.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica