HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


OPTOTRADES

Azienda che opera nel settore dell’ottica

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2008

Hor-Ottici Riuniti e il progetto socio-sanitari in cooperazione internazionale

 

Problema
La responsabilità sociale d’impresa non si compone solo di linee guida da seguire ma si caratterizza per il modo che un’impresa ha di comprendere ed avvicinarsi alle condizioni dei più disagiati, che ha la possibilità di aiutare effettivamente attraverso la costruzione di forti partnership.

 

Soluzione
Grazie ad una forte sensibilità della titolare di Optorades nei confronti delle problematiche sociali, il contributo fornito non si limita al semplice sostegno economico, bensì risulta finalizzato allo sviluppo di strutture sociosanitarie del settore ottico in paesi svantaggiati. In questo modo l’esperienza professionale maturata in anni di lavoro viene messa al servizio di popolazioni che difficilmente potrebbero entrare in contatto con servizi ottici di alto livello come quelli prestati. Il primo progetto sostenuto è stato sviluppato nella foresta tropicale della Costa d’Avorio, nella quale è presente l’ospedale di Ayamè: un piccolo ma efficiente avamposto sanitario che serve una popolazione di oltre 60.000 abitanti, di cui la maggior parte sono bambini. La struttura è stata creata circa venti anni fa da suor Alba Cano, della congregazione delle Poverelle di Bergamo: sensibile ai problemi dell’infanzia e delle madri in gravidanza, riuscì con l’aiuto di amici italiani e con il coinvolgimento della popolazione locale, a costruire la Protezione Materna Infantile con tutte le caratteristiche di un piccolo ma efficiente Ospedale di Pediatria e Patologia Neonatale. Grazie al costante contributo di numerosi volontari e benefattori, fra cui l’azienda Optotrades, i quali offrono tempo e risorse, l’Ospedale di Ayamè è ora considerato una delle più efficienti strutture sanitarie della Costa d’Avorio. L’azienda riminese contribuisce economicamente al sostegno del reparto maternità e invia annualmente un container contenente pannolini, latte in polvere, medicinali e giochi per bambini. L’impresa ha inoltre istituito una sezione di oculistica inviando in loco macchinari specifici, per cui ha formato un ragazzo del posto. Recentemente ha anche intrapreso un progetto a Cuba, nell’antico Convento di Nuestra Senora de Belèn: si tratta di un’antica struttura risalente al 1527, recentemente ristrutturata ad opera del governo, al fine di creare un “Centro d’Attenzione all’Adulto Maggiore”. Il Centro, amministrato dall’Ufficio dello Storico della Città, dalle autorità locali della sanità e dall’Ordine delle Sorelle della Carità del Cardinale Sancha, è nato per offrire un servizio a circa duecento anziani. In seguito si è trasformato in un centro diurno dedicato all’accoglienza di tutte le categorie “fragili” della popolazione: anziani, disabili, persone sole, bambini. Al suo interno sono presenti sezioni ludiche con servizi di tipo assistenziale, mentre le aree cliniche e mediche offrono assistenza in fisioterapia e podologia, nonché cure specialistiche indirizzate soprattutto ai disabili. Grazie ad una collaborazione del governo locale con l’Università di Alicante è stato anche allestito un centro di ottica in grado di raggiungere tutti gli utenti del convento e garantire loro un servizio completo ed efficiente. Optotrades, dopo aver chiesto ed ottenuto l’appoggio del governo attraverso l’intermediazione del Ministro del Commercio Estero, è riuscita ad assicurarsi l’utilizzo di una stanza all’interno della struttura nella quale allestire una Stanza Tiflotecnica per non vedenti o ipovedenti. L’azienda riminese ha così inviato nel mese di ottobre 2007 un container con tutto il necessario per sviluppare il servizio e ha provveduto anche alla formazione di alcuni giovani locali per la gestione del laboratorio e della strumentazione. L’attenzione di Optotrades si è inoltre rivolta ad un’utenza particolarmente svantaggiata costituita da 88 ragazzi affetti da sindrome di Down, i quali necessitavano di cure specifiche.

 

Risultati
Grazie al costante contributo di volontari e di pigmalioni offerenti risorse sia a livello di tempo sia a livello economico, l’Ospedale di Ayamè oggi è una struttura efficiente, con un organico composto da 14 infermieri, 22 ausiliari, 1 tecnico di Radiologia, 1 tecnico di Laboratorio, 1 tecnico Dentista, 3 medici (1 chirurgo, 1 di medicina generale e 1 dentista), 4 ostetriche e 6 ausiliarie. E’ stata inoltre creata una sezione oculistica grazie all’invio di macchinari specifici e alla formazione di una persona locale da inserire in un laboratorio dedicato. Per quanto invece concerne il progetto a favore del Convento di Nuestra Senora de Belèn, è stato istituito, e tuttora funziona a pieno regime, un Centro Diurno per le persone più deboli della popolazione, dotato di sezioni ludiche, laboratori di vario tipo, sale TV, aree ricreative, cliniche e mediche. Infine tra i vari esercenti associati si è instaurata una forte collaborazione, che ha aumentato la credibilità, la serietà e l’affidabilità della società, non solo nei confronti della clientela e dei fornitori, ma anche verso le possibili nuove aziende aderenti al marchio Hor – Ottici Riuniti.

Sull'impresa

Settore: Altre industrie manifatturiere Website: www.optical.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica