HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


VILLA CAPLET

Azienda vitivinicola

 

Un senso in rilievo

 

Problema
Le persone non vedenti hanno difficoltà a riuscire a distinguere i prodotti sia in casa che nel supermercato o nei punti di vendita. Questo problema costringe i non vedenti a doversi fare accompagnare in tutti quei casi in cui la spesa non sia assistita (p.e. self service). Tutti i prodotti infatti non sono predisposti a riportare le informazioni di base in alfabeto Braille.

 

Soluzione
Il contatto con l’Unione Italiana Cechi ha spinto il titolare dell’azienda a verificare la fattibilità di apporre sulle etichette delle bottiglie di vino alcune informazioni in alfabeto Braille. L’innovazione è stata ottenuta realizzando una sovrastampa con vernice a base di silicone creando i punti in rilievo, senza comunque nascondere le diciture stampate precedentemente ad inchiostro. In questo modo si garantisce il mantenimento e la qualità del messaggio per i non vedenti durante tutto il processo di produzione fino allo scaffale. L’aspetto di innovazione tecnologica si basa su un ulteriore processo che si aggiunge in fase di stampa dell’etichetta. È stato creato un telaio su cui vengono praticati i fori corrispondenti al messaggio in Braille. Sul telaio è stata messa una vernice al silicone che, colando attraverso i fori, si fissa sull’etichetta. L’originalità dell’etichetta inoltre differenzia a scaffale la bottiglia dai prodotti similari attirando lo sguardo e l’interesse del consumatore.Al momento, infatti, il non vedente può distinguere il vino solo sulla base del riconoscimento della forma della bottiglia o sull’esperienza al tatto sull’etichetta. La capacità di riuscire a riconoscere attraverso la lettura il prodotto, la sua scadenza e la sua origine fornisce un sicuro vantaggio a chi è non vedente. Il valore del vino ben si addice alla stessa iniziativa, in quanto è un prodotto che viene vissuto con tutti i sensi: va percepito con il gusto, con l’olfatto, ma anche con il tatto (bicchiere, bottiglia, etichetta).Per la Grande Distribuzione, presentare sui suoi scaffali prodotti etici, ha comportato anche un migliore posizionamento dal punto di vista dell’immagine. Nel mettere a disposizione prodotti che contribuiscono a un miglioramento sociale o ambientale ha contribuito infatti a fare percepire ai propri clienti un lato umano e di solidarietà.Dal punto di vista della comunicazione, la promozione dell’idea è accompagnata dall’headline “Un senso in rilievo”. L’headline sottolinea sia la caratteristica di un prodotto legato alle sensazioni che il vino induce nel consumatore, sia alla percezione di un’etichetta diversa. A livello di punto vendita un poster ha accolto il cliente e ha presentato in modo sintetico il valore del prodotto in termini di sostegno a una parte della società.L’iniziativa alla sua presentazione ha accolto i favori della stampa (più di 100 articoli raccolti sino ad ora) ed è stata premiata in occasione di un’edizione di Vinitaly.

 

Risultati
Oltre ai cento articoli di stampa pubblicati in giornali riviste nazionali, aumento del 100 % delle vendite dei prodotti etichettati con il Braille, un corrispondente 12 % di aumento del fatturato, Aumento del 8 % del numero di clienti. Inoltre Un premio alla 37° Edizione di Vinitaly.Il clima aziendale è migliorato, in quanto la tipologia stessa del progetto, ha evidenziato la consapevolezza relativamente alla problematica affrontata.

Sull'impresa

Settore: Alimentare e bevande Website: www.villacaplet.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica