HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


LABORATORI GUIDOTTI

Azienda che opera nel settore chimico-farmaceutico

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2008

SostenibilitÓ ambientale di un complesso industriale chimico situato in un contesto residenziale

 

Problema
È fondamentale soprattutto per un’impresa chimico-farmaceutica integrarsi nel contesto in cui è inserita, riducendo gli impatti negativi sull’ambiente circostante.

 

Soluzione
Alla fine degli anni 50 la Laboratori Guidotti si è ampliata, costruendo un’industria chimica di produzione di principi attivi farmaceutici nelle campagne circostanti la città di Pisa. All’epoca la zona dove sorgeva lo stabilimento era una piccola zona industriale circondata da aree rurali. Nel corso degli anni la zona di San Piero a Grado, trovandosi a metà strada tra la città di Pisa e il litorale tirrenico, è diventata zona residenziale di pregio, pertanto lo stabilimento si è ritrovato ai giorni d’oggi ad essere una realtà industriale importante dell’economia pisana situata in un contorno esclusivamente residenziale. Per questo motivo la politica aziendale della Laboratori Guidotti è stata negli ultimi anni di integrare lo stabilimento nel contesto residenziale in cui si trova, ponendo la propria attenzione alla riduzione, se non dove possibile eliminazione, dell’impatto sull’ambiente circostante della propria attività produttiva. La volontà dell’azienda è di ridurre i rumori, le emissioni, gli odori e tutti gli impatti provenienti dalla propria attività, per quanto sostenibile, andando oltre gli obblighi di legge. Gli obiettivi del progetto di sostenibilità ambientale, fissati dalla direzione aziendale della Laboratori Guidotti S.p.A. per effettuare una coesistenza armonica tra un’industria chimica di notevoli dimensioni ed un contesto limitrofo residenziale di un certo pregio, sono stati raggiunti grazie ad interventi mirati su ciascun aspetto ed impatto ambientale che un’attività produttiva di questo tipo produce. Nello specifico, il progetto si è articolato in differenti settori e per ciascuno di essi l’impegno aziendale si è tradotto nelle attività/investimenti di seguito descritti:

 

  • riduzione emissioni in atmosfera grazie all’installazione dell’impianto di ossidazione termica per la depurazione di tutte le correnti gassose provenienti dai vari reparti produttivi;

  • diminuzione di fenomeni di maleodoranze avvertiti all’esterno dello stabilimento dovuta al suddetto impianto;

  • riduzione dei rifiuti speciali pericolosi: con la realizzazione dell’impianto di pretrattamento delle acque di processo;

  • riduzione del rumore esterno: in collaborazione con tecnici specializzati nel settore e con il benestare degli enti preposti al controllo, sono state installate delle pareti fonoassorbenti ad elevata capacità di abbattimento acustico lungo il perimetro aziendale confinante con abitazioni private;

  • riduzione dell’impatto paesaggistico;

  • limitazione dei consumi idrici ed energetici: il consumo di acqua di falda per scopi industriali è stato ridotto di circa il 50%, mentre il consumo di energia elettrica e gas metano è stato notevolmente contenuto;

  • disinfestazione dei canali di raccolta delle acque meteoriche: lo stabilimento sorge in una ex area palustre, pertanto la presenza di zanzare crea, nei mesi caldi, un notevole problema per la popolazione. Parte del progetto è stata la valutazione di metodi naturali alternativi di disinfestazione della zona dalle zanzare al posto dei comuni disinfestanti chimici, ed il risultato è stato abbondantemente raggiunto, grazie all’utilizzo di particolari pesci (le gambusie affinis) che hanno la particolarità di cibarsi delle larve di zanzare.

 

Risultati
Il raggiungimento degli obiettivi prefissati nei diversi settori in cui si è sviluppato il progetto, sono rilevabili attraverso i seguenti risultati:

  • emissioni in atmosfera: i valori di rilascio nell’ambiente circostante di solventi organici volatili è diminuito da concentrazioni di circa 150-200 mg/Nmc a valori inferiori ai 15 mg/Nmc (per avere un’idea del risultato raggiunto, si fa presente che la concentrazione limite di legge per queste sostanze è di 600 mg/Nmc);

  • numero esposti per maleodoranze: sono stati ridotti, grazie alle migliorie apportate dal progetto, da circa 12 episodi nell’anno 2003 ad uno solo nel 2007, avvenuto peraltro nel periodo di chiusura estiva dell’impianto;

  • diminuzione rifiuti pericolosi;

  • impatto acustico: le emissioni sonore verso l’esterno sono state ridotte mediamente di 10 dBA laddove sono state poste le barriere fonoassorbenti

  • consumi idrici: nonostante l’attività produttiva della Laboratori Guidotti sia aumentata negli ultimi anni, il consumo di acqua di falda ad uso industriale è diminuito.

  • Il miglioramento promosso dall’azienda in campo ambientale è stato condiviso sia dalle amministrazioni locali che dalla popolazione circostante, come si è rilevato durante la visita in stabilimento avvenuta il 16 ottobre 2007 da parte delle autorità più prestigiose di Pisa.

 

Sull'impresa

Settore: Chimico-Farmaceutico Website: www. labguidotti.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica