HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


FONDERIE MARIO MAZZUCCONI

Azienda che opera nel settore automotive

 

Nuvole di Colori Concorso artistico per figli dei dipendenti

 

Problema
Le problematiche del fumo attivo e passivo in fabbrica sono molto presenti e si concentrano in particolare in una fascia di età tra i 40 e 55 anni con manifestarsi di evidenti patologie mediche e problemi di convivenza con i colleghi non fumatori (post Legge Sirchia). Se a questo si aggiunge che nell’ambito delle famiglie dei lavoratori gli adolescenti rischiano di acquisire un cattivo esempio dal genitore, è evidente l’impellenza di frenare o almeno ridurre questo fenomeno attraverso una profonda opera di sensibilizzazione. In questo senso l’ambito familiare è quello privilegiato per una corretta informazione sui danni alla salute prodotti dal fumo.

 

Soluzione
Proprio questi presupposti hanno spinto le Fonderie Mario Mazzucconi a promuovere una campagna articolata di sensibilizzazione contro il fumo rivolta alle famiglie dei dipendenti, durante la quale è stato lanciato il concorso artistico “Nuvole di Colori”, destinato ai figli di età tra i 3 e 18 anni, grazie al quale è stato poi realizzato un calendario 2008. L’iniziativa condotta nel 2007 ha visto come partner principale l’Associazione ANVOLT (ass.naz.volontari lotta contro il tumore) ed il coinvolgimento di tutti i dipendenti, delle rappresentanze sindacali, delle famiglie e della Direzione Scolastica dell’Istituto Comprensivo di Ponte S.Pietro. Durante l’attività si sono potuti inoltre raccogliere fondi economici a favore dell’Associazione per le attività di promozione ed assistenza ai malati nel territorio di Bergamo. Il modo di operare dell’azienda è stato guidato dalla carta dei valori, in base alla quale imprenditore e dipendenti sono continuamente impegnati nella prevenzione alla salute ed al rispetto dell’ambiente; in particolare esiste un accordo sindacale (2002) in cui Direzione e RSU identificano ogni anno un’associazione di volontariato sul territorio con la quale condividere un progetto di responsabilità sociale rivolto all’interno ed all’esterno delle fabbriche. Il Comitato guida indicato per la progettazione e realizzazione delle attività inerenti vede partecipi l’imprenditore e alcuni rappresentanti della Direzione, delle RSU/RLS, insieme ai componenti dell’Associazione. L’attivazione di tale Comitato ha permesso di condividere fin dall’inizio l’impostazione e gli obiettivi finali  e risultati del progetto. Il coinvolgimento del personale è stato realizzato nelle diverse fasi di attività dell’iniziativa: assemblee informative, retribuite tenutesi negli stabilimenti (n.6 totali); creazione del comitato guida, composto da chi si occupa di sicurezza del lavoro (RSPP;RLS ecc.); festa di lancio del concorso artistico, a cui hanno partecipato anche le famiglie dei dipendenti (genitori e figli); raccolta dei disegni, istituzione di una giuria mista e festa di premiazione dei disegni vincitori; organizzazione della mostra espositiva negli stabilimenti dei disegni dei ragazzi e votazione del disegno più bello ad opera dei dipendenti; raccolta di aiuti e fondi economici, da parte del personale per l’associazione ANVOLT; cena di natale con tutte le risorse umane e la proprietà, durante la quale è stata festeggiata l’associazione ANVOLT; distribuzione a tutti i dipendenti del calendario 2008, in cui sono inseriti tutti i disegni del concorso.Nello specifico il progetto è stato seguito interamente da circa 20 persone interne all’azienda, la quale, in termini di ore dedicate, materiale, organizzazione eventi, assemblee e premi, vi ha investito un totale di 50.000,00 euro.

 

Risultati
I risultati attesi sono stati: informare tutti i dipendenti e le famiglie sui pericoli del fumo, interesse questo coincidente con le attività previste da statuto dell’Associazione ANVOLT; fare prevenzione sul luogo di lavoro come previsto dalla carta dei valori dell’azienda; coinvolgere il mondo della scuola nelle politiche di sensibilizzazione agli adolescenti. L’obiettivo prefissato in termini di partecipazione alle varie iniziative è stato senz’altro raggiunto; l’azienda ha dimostrato ancora una volta un’attenzione ai temi ambientali ed all’educazione alla prevenzione e con questo progetto ha anche creato coinvolgimento e spirito di appartenenza. Per quanto riguarda l’Associazione ANVOLT (che ha fatto conoscere questo progetto sul territorio grazie all’attività quotidiana dei suoi volontari), la raccolta dei fondi ottenuta con le varie sottoscrizioni dei dipendenti ha superato le aspettative, mentre la realizzazione del calendario 2008 è stato un buon canale di promozione per l’associazione sul territorio bergamasco. L’impresa inoltre è convinta che il programma possa essere replicato da altri (es: le scuole), in quanto la lotta contro il fumo è un tema attuale che riguarda soprattutto le nuove generazioni. In relazione al personale è stata riscontrata una generale condivisione dell’iniziativa che va al di là della specificità del business e che, sicuramente, ha rafforzato il senso di appartenenza in coerenza con quanto è stato sempre fatto in passato dall’azienda sul tema della prevenzione alla salute.

Sull'impresa

Settore: Altre industrie manifatturiere  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica