HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


H3G

Mobile media company del Gruppo Hutchison Whampoa in Italia

 

Rigenerazione 3

 

Problema
I consumatori sono sempre più attenti all’ambiente, con una crescente consapevolezza sui temi del riutilizzo e dello smaltimento dei rifiuti. Sono molteplici le istanze in tale contesto verso scelte aziendali più sostenibili e innovative.

 

Soluzione
“Rigenerazione 3” è il primo cellulare a zero emissioni di CO2 realizzato grazie al riutilizzo e recupero integrale di videofonini® usati. Il progetto costituisce la risposta aziendale ad una criticità iniziale rappresentata dalla presenza a magazzino di un considerevole quantitativo di terminali usati, per alcune tipologie di abbonamento, è prevista la sostituzione periodica dei videofonini®. H3G ha scelto la via innovativa del riutilizzo e del recupero, assumendosi la responsabilità diretta di tutto il processo e, con originalità rispetto alla prassi corrente, ha riproposto sul mercato nazionale il prodotto “Rigenerazione 3” ottimizzandone l’efficacia, in termini di sostenibilità ambientale, grazie all’abbinamento ad un programma indiretto di compensazione delle emissioni di CO2 attraverso la riforestazione di una porzione del Parco Nord di Milano. Il 3 marzo 2008 è stata ufficialmente inaugurata la superficie rimboscata grazie all’iniziativa: si tratta di un’area di circa 10 ettari che garantirà un assorbimento complessivo di circa 5.430 t di CO2. “Rigenerazione 3” è un prodotto innovativo, il risultato di una sintesi tra una criticità logistica e una nuova visione del business, che individua nella sostenibilità un’opportunità di crescita e non un vincolo, coerentemente con la politica ambientale di H3G. L’analisi dei processi aziendali ha infatti indicato nel trattamento dei rifiuti elettrici ed elettronici (R.A.E.E.) una potenziale criticità che H3G ha voluto gestire con proattività anche rispetto alla normativa RA.E.E. Nella realizzazione di questo prodotto, è stato scelto di affidarne una parte, in particolare quella relativa al calcolo delle emissioni di CO2 generate in fase di produzione iniziale e rigenerativa di un videofonino®, ad un partner tecnico indipendente: AZZEROCO2. Non va dimenticata che la volontà di disporre delle migliori tecnologie disponibili - in questo caso di telecomunicazioni mobili in larga banda - deve accordarsi con un potere d’acquisto meno forte che in passato. “Rigenerazione 3” si propone anche come un contributo innovativo all’abbattimento del Digital Divide grazie alla sua capacità di offrire la tecnologia più avanzata attualmente disponibile sul mercato delle telecomunicazioni mobili ad un prezzo contenuto che lo rende accessibile a chiunque. Questo prodotto è stato abbinato ad un leaflet che illustra il progetto di compensazione ad esso abbinato e illustra sinteticamente il tema del riscaldamento globale e il ruolo giocato dai gas serra.

 

Risultati
L’obiettivo iniziale di risolvere il problema dei terminali usati a magazzino è stato centrato anche se sarebbe riduttivo ritenere che fosse l’unico. Sono altrettanto, se non più significativi, i seguenti risultati verificati al 31/12/07: il risparmio di materie prime (circa 11,63 tonnellate) derivante dalla mancata produzione di terminali ex-novo, sostituiti da quelli rigenerati; il beneficio ambientale in termini di CO2 compensata che è pari a 2.036 tonnellate; il fatturato, relativo alle sole vendite (escluso quindi il successivo traffico voce e dati, non ancora disponibile) pari a circa 4,7 milioni di euro; il risparmio in termini di investimenti pubblicitari non effettuati (oltre gli 800mila euro, in base agli strumenti e alle fasce di comunicazione scelti). Inoltre visto il periodo di commercializzazione ancora troppo breve (meno di 6 mesi), non sono ancora disponibili riscontri leggibili secondo criteri di oggettività statistica.

Sull'impresa

Settore: Poste e Telecomunicazioni Website: www.tre.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica