HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


OBIETTIVO LAVORO

Reclutamento socialmente responsabile del personale

 

Reclutamento socialmente responsabile di personale estero

 

Problema
Sul mercato del lavoro dei Paesi della cosiddetta “vecchia Europa” si registra oggi una forte domanda, spesso non soddisfatta, per alcune professioni per le quali non è richiesto un elevato grado di istruzione; il rischio è, da un lato, quello di perdere mestieri antichi (es. falegname) e dall’altro di produrre mancanze croniche nella risposta a bisogni essenziali come la salute e la casa (basti pensare alla ormai costante carenza in questi paesi di infermieri e operai specializzati). Il reclutamento all’estero di queste “figure rare” per i mercati del lavoro europei si è configurata come una parziale soluzione a tale problema; tuttavia, tale fenomeno si inserisce in un contesto in cui la mobilità dei lavoratori incontra ancora forti ostacoli di natura culturale, linguistica, burocratica, che rendono ancora difficile l’incontro fra domanda e offerta di lavoro in un mercato con connotazioni sempre più internazionali. L’apporto di manodopera straniera rappresenta dunque oggi un elemento strategico in grado di contribuire sensibilmente allo sviluppo economico dei paesi europei, ma che presenta non poche criticità connesse alla verifica del rispetto delle condizioni di legalità nell’ ingresso e nella permanenza nei paesi ospitanti, alla garanzia rispetto alla qualità della manodopera straniera impiegata e alle effettive capacità della stessa di integrarsi nel paese ospitante nel migliore dei modi superando inevitabili barriere culturali e linguistiche.

 

Soluzione

Obiettivo Lavoro ha adattato il proprio processo di reclutamento del personale cercando di dare risposta alle due principali questioni sopra esposte

  • immettere nel mercato del lavoro italiano figure professionali “rare” reclutandole da Paesi emergenti;
  • gestire il transito dei lavoratori stranieri nel nostro paese in maniera tale da favorirne la piena integrazione, nel pieno rispetto della loro dignità umana e di lavoratori. 

 

Obiettivo Lavoro, è il più grande gruppo italiano che attraverso 8 società e 13 filiali all’estero (in Romania, Slovacchia, Polonia, Brasile, Perù, Svizzera e Spagna) si è specializzato nella gestione delle risorse umane sviluppando un modello di reclutamento e gestione di lavoratori stranieri capace di garantire rispetto e piena integrazione dei lavoratori immigrati, assicurando benefici economici, sociali ed etici per i soggetti coinvolti e per la comunità. Obiettivo Lavoro ha dunque fatto della gestione etica del reclutamento all’estero un elemento di distinzione. L’attività svolta dall’impresa si articola un più fasi, a partire dal reclutamento e dalla selezione, che avviene presso il paese d’origine. In particolare, una volta individuate le figure professionali rare del mercato del lavoro italiano da ricercare all’estero e ricevuto mandato da parte di una o più imprese italiane, si procede al recruiting attraverso annunci pubblici di offerte di lavoro utilizzando i canali mediatici tradizionali o banche dati fornite da enti istituzionali. Una volta raccolti i curricula dei candidati si procede alla valutazione delle competenze linguistiche e professionali relative ad esperienze maturate. A seguito di questa preselezione, viene effettuato il colloquio nel quale, tra le altre cose, si approfondisce la propensione alla mobilità e all’adattamento dei candidati. Il personale di Obiettivo Lavoro addetto alle selezioni è spesso affiancato dalla stessa azienda cliente.  Alla selezione segue la formazione, che inizia presso il Paese d’origine dei lavoratori. Vengono organizzati dei corsi di formazione linguistica per permettere di acquisire termini tecnici e conseguire un livello d’italiano che possa permettere l’esercizio della professione nelle imprese italiane. La durata della formazione varia a seconda della figura professionale (da 3 settimane a 6-8 mesi per l’ambito sanitario). Per il settore edile e per quello distributivo oltre all’acquisizione di competenze linguistiche viene offerta anche formazione in ambito di diritti e doveri dei lavoratori italiani e di sicurezza sul lavoro. Contemporaneamente allo svolgimento del percorso formativo, Obiettivo Lavoro organizza le proprie strutture per l’accoglienza dei lavoratori in Italia e li assiste nell’adempimento delle pratiche burocratiche in collaborazione con le istituzioni (Ambasciate e Consolati).  Una volta giunti in Italia, i lavoratori seguiranno un corso di formazione propedeutico di circa 2-3 settimane per perfezionare il livello di conoscenza della lingua italiana e acquisire ulteriori conoscenze relative alla sicurezza sul lavoro. I lavoratori sono accolti in apposite strutture con locali ad uso foresteria, presso le quali possono scegliere di rimanere per tutto il periodo di permanenza nel nostro paese.Tali alloggi (per quattro persone ciascuno) sono arredati e muniti di tutto il necessario (stoviglie, lavatrici, coperte nuove, alimenti per una settimana). L’affitto è a carico del lavoratore e, per coloro che non riescano a sopportare le spese relative al viaggio per giungere in Italia, Obiettivo Lavoro anticipa la somma che poi verrà trattenuta in busta paga ripartita in rate concordate con il lavoratore stesso.I lavoratori vengono accompagnati presso l’azienda di destinazione dal personale di Obiettivo Lavoro per iniziare l’attività lavorativa che verrà poi continuamente monitorata col cliente al fine di garantire la conformità della qualità del lavoratore con le aspettative ed inoltre verificare che non ci siano problemi di adattamento territoriale ed all’interno dell’azienda.  Per fidelizzare i propri lavoratori Obiettivo Lavoro promuove azioni atte a migliorarne la qualità della vita, per esempio sostenendo le richieste di ricongiungimento familiare e ricercando offerte professionali per l’inserimento lavorativo del coniuge, assumendo a tempo indeterminato laddove possibile e sostenendo il lavoratore nelle pratiche di rinnovo della documentazione necessaria per la residenza regolare in Italia.Inoltre al termine della missione, qualora il cliente non intenda rinnovare il contratto, si provvede a ricollocare il lavoratore presso altri clienti con l’impegno di garantire la continuità lavorativa grazie anche al supporto offerto da diversi progetti regionali e ministeriali per l’inserimento lavorativo di personale estero.Nell’intero corso della missione Obiettivo Lavoro affianca i propri lavoratori in ogni momento, offrendo loro ogni sostegno utile a favorirne l’ integrazione.

 

Risultati
Nel corso del 2006 Obiettivo Lavoro ha inserito nel mercato del lavoro italiano oltre 800 lavoratori stranieri nei settori della sanità, edilizia, metalmeccanica e legno, dando risposta  a parte della domanda di lavoro delle imprese che sarebbe altrimenti rimasta insoddisfatta. In questo modo ha contribuito a creare valore non solo economico ma anche sociale, garantendo una corretta mobilità ed integrazione in settori che molto spesso sono soggetti a lavoro nero. È riuscito a valorizzare i lavoratori e offrire loro opportunità di crescita oltre a fornire assistenza alla persona per qualsiasi necessità quotidiana, di inserimento e socializzazione. Questo ha contribuito a creare un’equilibrata integrazione culturale e sociale facendone dunque un elemento strategico non solo a livello aziendale. Obiettivo Lavoro ha così fronteggiato il rischio di scomparsa di alcuni mestieri e settori vitali sul piano sociale, nonostante tutte le criticità che si sono presentate nel corso del percorso; criticità per lo più dovute ad un allungamento dei tempi della burocrazia correlato ad una scarsa collaborazione tra le Istituzioni dei diversi paesi imputabili a differenti prospettive in tema di immigrazione e lavoro.

Sull'impresa

Settore: Servizi Website: www.obiettivolavoro.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica