HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


UBS ITALIA

Gruppo bancario

 

Progetto Prevenzione Bullismo Essere felici a scuola

 

Problema
Le cause primarie del fenomeno bullismo – da considerarsi nel nostro paese una vera e propria emergenza sociale – sono da ricercarsi soprattutto nei modelli familiari sottostanti, negli stereotipi imposti dai mass- media, nella società di oggi a volte disattenta alle relazioni sociali.L'enorme eco che gli episodi di bullismo hanno ottenuto in quest'ultimo anno sui mass-media segnala la diffusione, nell'opinione pubblica, di una crescente consapevolezza del problema.È di fondamentale importanza, infatti, che tutti riconoscano la gravità di questi atti e delle loro conseguenze per la crescita sia delle piccole vittime, che nutrono una profonda sofferenza, sia dei piccoli prevaricatori, che corrono il rischio di intraprendere percorsi caratterizzati da devianza e delinquenza.

 

Soluzione
UBS ha partecipato nel 2009, per il secondo anno consecutivo, al “Progetto Prevenzione Bullismo (PPB) – Essere felici a scuola”, promosso da Fondazione Sodalitas, Accademia di Comunicazione, ISMO e Comunità Nuova per prevenire comportamenti di prevaricazione e violenza tra i ragazzi.A questo scopo è stato ideato un percorso di formazione per gli insegnanti delle scuole secondarie di primo grado di Milano e Lombardia che permettesse loro – attraverso training mirato ed assistenza specifica – di renderli “agenti di relazione” credibili ed efficaci per gli studenti.UBS ha seguito l'operatività del Progetto in ogni sua fase, rendendo anche possibile la partecipazione di alcuni propri dipendenti alla fase conclusiva della formazione degli insegnanti.

 

Risultati
Da gennaio 2008 sono stati attivati laboratori esperienziali che hanno coinvolto 150 professori di 58  istituti scolastici a contatto con circa 35.000 allievi. Successivamente ai laboratori l'iniziativa prevede l’introduzione di gruppi di intervento nelle scuole con l’intento di coinvolgere colleghi, genitori e distretti scolastici e la formazione di ulteriori 100 insegnanti per 40 nuove scuole in grado di raggiungere 50.000 altri studenti.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica