HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


ISTITUTO TECNICO AGRARIO DI STATO “GIOVANNI DALMASSO”

Istituto tecnico agrario

 

Scuola, Impresa, e Solidarietà
Pianezza (Torino)

 

Problema
Elaborare progetti di valorizzazione dell’attività agricola locale può generare due serie di risultati ugualmente significativi per la comunità: la creazione di una filiera corta di prodotti agro-zootecnici di qualità, che possano essere in questo modo venduti a prezzi estremamente convenienti; la possibilità di generare occasioni di inserimento lavorativo per persone diversamente abili, la cui produttività risulta – nelle attività agricole – uguale se non superiore a quella delle persone normodotate.

 

Soluzione
Il progetto “Scuola, Impresa, e Solidarietà”, cui l’Istituto Tecnico Agrario “Giovanni Dalmasso” ha aderito, è stato ideato per: favorire l’inserimento di soggetti disabili e/o svantaggiati nel mondo del lavoro, con particolare riferimento al settore agricolo; sostenere il reddito reale delle famiglie economicamente svantaggiate attraverso la gestione di un GAP (Gruppo di Acquisto Privilegiato) in rete con parrocchie, associazioni di volontariato, Istituti tecnici e professionali agrari, imprese agricole del territorio ed Enti locali, per offrire a questi nuclei prodotti agro-zootecnici di qualità a prezzi piùb assi di quelli di mercato; creare sinergie produttive tra il settore agricolo locale e quello delle aree povere dei Paesi dell’Unione Europea (con particolare riferimento agli stati di recente adesione) al fine di rendere migliori le condizioni commerciali del GAP e sviluppare progetti imprenditoriali di riqualificazione di queste aree.Con questi specifici obiettivi è stata costituita il 9 maggio 2008 AgriSocialCoop, attorno alla quale si sono riuniti – per l’elaborazione del progetto – i mondi della scuola, del volontariato, degli Enti pubblici territoriali e dell’impresa sociale.Da un punto di vista operativo la cooperativa agisce come “gruppo di lavoro protetto”, in quanto si propone di dare lavoro a persone socio-economicamente svantaggiate.Nello specifico l’Istituto Tecnico Agrario “G. Dalmasso” ha messo a disposizione del progetto le proprie strutture laboratoriali e quelle dell’azienda agraria a sé annessa, che si compone di una stalla con circa sessanta capi bovini, due grandi serre, un laboratorio di micropropagazione e ventisette ettari di terreno; l’Istituto ha inoltre organizzato momenti formativi specifici per le persone da inserire nella cooperativa.

 

Risultati
Il progetto “Scuola, Impresa, e Solidarietà” è diventato operativo nel gennaio 2009, ma ha richiesto un lungo periodo di ideazione e progettazione. L’elevato numero di plausi e patrocini che esso ha ottenuto – dal Presidente della Repubblica, da Presidente della Camera del Senato, dal Presidente della Camera dei Deputati, dal Ministro del MIUR, dalla Regione Piemonte, dalla Provincia di Torino, dal Comune di Torino, dalla Camera di Commercio di Torino, dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Torino - evidenziano l’attenzione del mondo politico ad un progetto che involontariamente nel suo costituirsi è diventato di estrema attualità, alla luce della crisi economica nascente. I primi cinque soggetti disabili coinvolti - la cui formazione è iniziata nel mese di ottobre 2008 - sono già divenuti soci di AgriSocialCoop. A partire dal mese di aprile 2009, oltre all’attività svolta presso l’azienda agraria dell’ITA “G. Dalmasso”, essi si occupano della cura dei giardini di alcune scuole medie superiori della Provincia di Torino. In seguito alla presentazione del progetto, alcuni studenti hanno inoltre costituito un’associazione di volontariato che si occuperà di soggetti socio-economicamente svantaggiati. Gli studenti hanno chiesto a questo scopo l’utilizzo in comodato gratuito di un locale dell’Istituto ITA “G. Dalmasso”, che ha risposto positivamente alla richiesta.

Sull'impresa

Settore: Istruzione  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica