HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


COMUNE DI CAPANNORI

Ente Locale

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2010

Sostenibilità e partecipazione a Capannori, primo Comune in Italia “Verso Rifiuti Zero”

 

Problema
Emergenze ambientali ed emergenze sociali aumentano laddove le politiche di governo del territorio non sono indirizzate a costruire una vera sostenibilità ambientale ed una reale partecipazione cittadina. Senza una partecipazione vera ed un aumento della coscienza collettiva sul valore dei beni comuni rischiamo di perdere il controllo di fattori determinanti il nostro benessere.

 

Soluzione
Capannori è il primo Comune in Italia ad aver aderito alla “Strategia rifiuti zero”. Attraverso la delibera di adesione alla strategia “Rifiuti Zero” ci siamo posti l’obiettivo “di intraprendere il percorso verso il traguardo dei “Rifiuti Zero” entro il 2020 stabilendo per il 2008 il raggiungimento del 60% di raccolta differenziata e per il 2011 il 75%” combinando questi obiettivi con un impegno costante mirato alla riduzione della produzione dei rifiuti.Quello di Capannoni è stato il primo Comune in Italia ad avviare una politica integrata sui rifiuti e sull’ambiente che non solo miri al necessario aumento della raccolta differenziata, ma che costruisca una strategia integrata per la riduzione dei rifiuti ed il loro riutilizzo, con un investimento immane nella partecipazione, nell’informazione e nella sensibilizzazione della cittadinanza.

 

Risultati
L’implementazione di tali politiche ha portato significativi vantaggi. Sotto l’aspetto economico, si è avuta un risparmio nel conferimento agli impianti è dunque pari a 2.134.901 € nel solo 2009. Il fondo costituito con questo denaro è stato utilizzato per l’acquisto dei materiali per le famiglie, le nuove assunzioni, i nuovi mezzi, la campagna informativa.Un ulteriore elemento positivo dell’esperienza di raccolta domiciliare a Capannoni è l’aspetto del lavoro: il “porta a porta” necessita infatti di un numero più elevato di operatori e quindi sono state avviate 50 nuove assunzioni che non hanno però comportato ulteriori costi poiché compensati dai risparmi ottenuti dal mancato smaltimento di rifiuti indifferenziati. Con la raccolta differenziata dal 2004 al 2009 abbiamo avviato a riciclaggio 85.467 tonnellate di rifiuti: nello specifico, la raccolta differenziata ha permesso di evitare l’abbattimento di 100.000 alberi.

Sull'impresa

Settore: Pubblica Amminstrazione ed Enti locali  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica