HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


LANIFICIO F.LLI CERRUTI

Industria tessile

 

Impianto di cogenerazione alimentato ad olio vegetale

 

Problema
Il continuo aumento della richiesta di energia, la crisi petrolifera, il caro petrolio e l’incentivazione delle energie pulite e rinnovabili stanno facendo si che una delle tecnologie che più troverà consensi siano i motori endotermici alimentati ad Olio Vegetale: utilizzato come combustibile, rappresenta sicuramente una fonte rinnovabile ed è sinonimo di energia pulita. Coltivare prodotti agricoli per produrre energia, dirottare i raccolti di colture come mais, soia, barbabietole e girasoli dalla tavola alle centrali, per ridurre le emissioni di gas effetto serra rappresentano opportunità non solo per aiutare l’ambiente, ma anche per diversificare le attività agricole, oltre che un nuovo sbocco economico e commerciale per gli agricoltori.

 

Soluzione
Il Lanificio F.lli Cerruti ha deciso d’installare un impianto di cogenerazione di potenza complessiva pari a 2.000 kW e una potenza termica nominale di 4.960 kWt, alimentato con olio vegetale estratto dai frutti della pianta Jatrapha Curcas. L’alimentazione a olio vegetale è una tecnologia innovativa nel panorama energetico nazionale e consente un notevole risparmio di fonti primarie e di emissioni di gas serra in atmosfera. La quantità di Co2 liberata nella combustione delle biomasse è esattamente pari a quella assorbita durante il ciclo di vita delle piante e quelle di anidride solforose sono praticamente nulle. La filosofia che ha spinto il lanificio ad operare questa scelta è sicuramente legata alla grande sensibilità verso la sostenibilità ambientale, all’attenzione verso i paesi in via di sviluppo (che forniscono l’olio vegetale nel rispetto della dignità delle persone) ed al risparmio energetico (produzione del 100% del fabbisogno di energia elettrica a condizioni economiche vantaggiose).Oltre alla produzione di energia elettrica, attraverso l’utilizzo del calore prodotto dai motori, l’impianto permetterà di sfruttare vapore per il reparto finissaggio tessuti ed acqua calda per la produzione di tintoria nei reparti produttivi e per il riscaldamento nella stagione invernale ed attraverso degli speciali scambiatori per il raffreddamento in estate.

 

Risultati
L’impianto è ancora in fase di realizzazione, quindi gli obiettivi prefissati non sono stati ancora conseguiti. Si punta a diminuire: del 10% il costo di energia elettrica sostenuto per il totale del fabbisogno; del 30% il costo di energia termica (acqua calda e vapore) sull’ultimo pagamento effettuato sul 20% del fabbisogno. Il progetto ha destato notevole interesse da parte dei giornali locali e non solo, derivante soprattutto dall’utilizzo di olio vegetale che finora non era mai stato utilizzato. 

Sull'impresa

Settore: Tessile e abbigliamento  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica