HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


TEATRO DELLA COOPERATIVA

Associazione culturale

 

Che Bio ce la mandi buona!

 

Problema
Le tematiche ambientali, congiuntamente alla conservazione del patrimonio naturalistico e alla tutela della biodiversità, rappresentano un punto di crescente interesse e di assoluta convergenza nel quale si riconoscono oramai le componenti sociali, le associazioni di categoria, le forze economiche e sindacali.La salvaguardia e la tutela del patrimonio naturalistico, di cui l’Italia è ricchissima, devono tuttavia transitare anche attraverso istituzioni e processi che sono più fortemente legati al settore della ricerca e della divulgazione scientifica.

 

Soluzione
Il Teatro della Cooperativa è da sempre impegnato nella diffusione e la produzione di spettacoli su tematiche sociali e civili. Quest'anno il teatro ha incentrato la propria attività su tre spettacoli in particolare: “Servi”, sul tema dell'integrazione razziale nel nostro paese, “Chicago Boys”, sulla condanna del “capitalismo dei disastri” in nome di un'economia più sostenibile sia a livello ambientale che sociale” e “Che Bio ce la mandi Buona!”, dedicato completamente alle tematiche ambientali. L'interesse verso il tema dell'ambiente non è però legato solo alla produzione di spettacoli: da sempre il teatro aderisce a una campagna di sensibilizzazione sul consumo consapevole dell'acqua chiamata Santo Rubinetto e da quest'anno partecipa concretamente alla raccolta firme per la petizione contro la privatizzazione dell'acqua.L’obiettivo principale dello spettacolo “Che Bio ce la mandi buona!” è quello di avvicinare il pubblico a tematiche ambientali ed ecologiche e farlo riflettere, attraverso l'arma invincibile della risata, sulle possibili scelte consapevoli che ognuno di noi può fare quotidianamente per limitare l'impatto sull'ambiente. Non solo uno spettacolo di protesta e satira, dunque, ma una vera e propria lezione su come affrontare la vita nel modo più rispettoso possibile per il pianeta e la nostra salute. Proprio per questo, al termine dello spettacolo, il protagonista dedica agli spettatori un momento di dibattito pubblico per approfondire le tematiche trattate e rispondere ad alcune domande.

 

Risultati
Lo spettacolo, che ha debuttato a Milano in prima nazionale, in sole otto serate ha raggiunto risultati ottimi dal punto di vista dell'affluenza di pubblico: 1.346 presenze complessive. Un riscontro decisamente importante (e un segnale di ampia riflessione) considerato l’obiettivo principale di arrivare al maggior numero di persone possibili al fine di innescare un processo di sensibilizzazione. Al momento lo spettacolo è in distribuzione e già molte realtà, teatrali e non, hanno manifestato interesse per programmare lo spettacolo all’interno di stagioni, rassegne o manifestazioni. Nonostante ‘Che Bio ce la mandi buona!’ fosse una nuova produzione, è di grande rilevanza l’obiettivo raggiunto di copertura dei costi vivi e per di più, cosa piuttosto insolita per un debutto, ha saputo segnare un utile di 2.000 euro nette circa. In questo modo l'iniziativa si è dimostrata efficace anche dal punto di vista produttivo ed economico.

Sull'impresa

Settore: Attivitą ricreative, culturali e sportive  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica