HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


PROVINCIA DI ANCONA

Ente locale

 

Campagna di comunicazione su scala provinciale e distribuzione di kit di prova per incentivare l’uso di pannolini lavabili-biodegradabili per neonati

 

Problema
L’uso di pannolini lavabili-biodegradabili per neonati, in sostituzione dei più diffusi usa e getta, rappresenta una delle principali azioni volte alla riduzione della produzione dei rifiuti urbani non recuperabili, in quanto i pannolini usa e getta rappresentano il 10% del totale dei rifiuti prodotti quotidianamente.

 

Soluzione
Il progetto, nato per sensibilizzare l’uso di pannolini lavabili-biodegradabili per neonati, si compone di due fasi distinte: campagna d’informazione attraverso l’affissione di manifesti in tutto il territorio provinciale e la distribuzione di brochure informative; distribuzione gratuita di un Kit di pannolini lavabili-biodegradabili, alle famiglie che nel primo trimestre 2010 hanno neonati d’età compresa tra i tre e i sei mesi. La formula scelta per la diffusione di tale utilizzo è una campagna informativa capillare sull’intero territorio provinciale, in concomitanza alla distribuzione di un kit di prova di pannolini lavabili-biodegradabili alle famiglie che nel primo trimestre 2010 hanno neonati compresi fra i tre e i sei mesi di età. Si stima un numero pari a circa mille  La Provincia di Ancona, da sempre sensibile alle problematiche legate allo smaltimento dei rifiuti, al potenziamento della Raccolta Differenziata e alla diminuzione della produzione dei rifiuti, ha intrapreso delle azioni sulla gestione dei rifiuti urbani che hanno permesso il raggiungimento del 30% di raccolta differenziata nel 2008; entro il 2012 il dato deve essere implementato al 65%. Da uno studio effettuato è risultato che il ritiro domiciliare dei rifiuti urbani crea notevoli disagi soprattutto a coloro che hanno bambini in età da pannolino. Questo ha visto la necessità di promuovere azioni mirate alla diminuzione della produzione pro-capite dei rifiuti urbani, partendo appunto dalla diminuzione dell’uso dei pannolini usa e getta, sostituendoli con i pannolini lavabili-biodegradabili.

 

Risultati
Il 10% dei rifiuti non differenziati che confluiscono in discarica sul territorio provinciale è costuito da pannolini (sia per bambini sia per adulti) e questa percentuale sale notevolmente nei Comuni in cui è maggiore la raccolta differenziata. Un utilizzo prolungato dei pannolini lavabili–biodegradabili avrebbe un effetto immediato sull’ambiente, con una notevole riduzione di rifiuti urbani.I vantaggi economici di tali prodotti: il costo medio per i pannolini usa e getta nei primi tre anni di vita di un bambino varia dai 1.500,00 ai 2.000,00 euro, con i pannolini lavabili la spesa varia dai 200,00 agli 800,00 euro a seconda del pannolino scelto.

Sull'impresa

Settore: Pubblica Amminstrazione ed Enti locali  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica