HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


HELIANTIDE HOLDING

SocietÓ specializzata nella progettazione ed installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili

 

Samaritan

 

Problema
Il sud Italia ha una ricchezza di risorse, creatività e cultura che non può essere ignorata, ma deve anzi divenire oggetto di azioni che ne permettano la giusta valorizzazione anche all’estero.

 

Soluzione
Il Progetto “Samaritan” è stato ideato per innescare in Calabria un circuito virtuoso che crei nuovi posti di lavoro sfruttando l’agricoltura specializzata e le fonti rinnovabili di energia.Obiettivo concreto dell’iniziativa è realizzare su terreni abbandonati nelle province di Crotone e Reggio Calabria 150 “Serre Attive” che su parte della loro copertura (falda a Sud) producano energia dalla fonte solare consentendo, attraverso il reinvestimento delle risorse finanziarie ottenute dal DM 19.02.2007, il rilancio delle attività agricole all’interno delle stesse e l’inserimento lavorativo di persone a rischio di esclusione sociale. Il progetto è coordinato dalla società capogruppo Heliantide Holding che ricerca, identifica e gestisce il rapporto con la partnership interna ed esterna, che cura direttamente la promozione dell’iniziativa attraverso i mass-media ed una serie programmata di incontri divulgativi a vari livelli fra soggetti coinvolti e comunità interessate. A pieno regime si prevede che il progetto impieghi almeno 1050 persone aumentabili fino a 2.500 e di cui il 60% appartenga a categorie svantaggiate (ex detenuti, detenuti in prova ai servizi sociali, immigrati con regolare permesso di soggiorno e tossicodipendenti in avanzata fase riabilitativa), lavoratori in CIG, disoccupati con famiglie numerose e soggetti diversamente abili. Heliantide Holding ha inoltre previsto rapporti di partnership con: i Centri provinciali del Ministero della Giustizia (UEPE), i Dipartimenti Provinciali delle Dipendenze (SERT) ed il Comitato Regionale Croce Rossa Italiana per l’inserimento nel progetto di lavoratori appartenenti alle categorie a rischio di esclusione sociale; investitori privati per la realizzazione delle “serre sociali fotovoltaiche”; l’Università di Roma Tor Vergata per la progettazione delle opere; l’Università della Calabria (Facoltà di Ingegneria, Architettura e Agraria) per stage formativi agli studenti e ricerca scientifica.

 

Risultati
Sono quasi concluse le attività propedeutiche di reperimento terreni e di stipula dei contratti di locazione e di progettazione delle serre. Nell’aprile 2009 il progetto è stato presentato ufficialmente nella sede del Consiglio Regionale della Calabria e da lì ha preso il via un’intensa fase di comunicazione dell’iniziativa per soddisfarne gli obiettivi strategici.Sono stati siglati 3 protocolli d’intesa con gli organi competenti per la provincia di Reggio Calabria dell’U.E.P.E., del Dipartimento delle Dipendenze dell’ASP e del Comitato della Croce Rossa Italiana.È stata completata la realizzazione di una serra ed è già stata avviata la realizzazione della seconda: gli impianti ivi installati hanno complessivamente una potenza di 510,70 kWp, per una producibilità annua (norme UNI 10349) di 737.911.1 kWh ed una producibilità specifica annua di 1.448,73 kWh/kWp, con performance ratio del 78% ed emissioni di CO2 evitate per 498 kg/anno. Dal mese di settembre 2009 sono stati impiegati in media 60 unità lavorative che dal mese di marzo 2010 si prevede diventino 100.L’indagine sulla formazione e sulle competenze del personale finora impiegato nel progetto ha rivelato un elevato livello di consapevolezza ed attenzione alle problematiche trattate, nonché l’acquisizione di nuovi skills.

Sull'impresa

Settore: Energia, gas, acqua  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica