HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


RENAULT ITALIA

Casa automobilistica francese

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2011

Renault Zero Emission
Roma (Roma)

 

Problema
La necessità di ridurre la dipendenza petrolifera e la crisi ambientale del pianeta creano oggi le condizioni per proporre soluzioni efficaci al surriscaldamento climatico e cambiamenti importanti nella mobilità, responsabile del 23% delle emissioni di gas ad effetto serra.

 

Soluzione

Renault ha deciso di impegnarsi per la commercializzazione - su ampia scala - di veicoli caratterizzati da zero emissioni di CO2 e zero inquinanti, a prezzi accessibili.

Obiettivo dell’iniziativa – che ha previsto 4 miliardi d’investimento, 2.000 professionisti dedicati, una gamma completa di veicoli elettrici realizzati – è, in termini generali, promuovere un nuovo paradigma di mobilità urbana sostenibile, e più nello specifico rendere l’auto elettrica una

soluzione disponibile, conveniente e pratica per il più ampio numero possibile di automobilisti. Renault ha quindi ideato 4 nuovi veicoli elettrici (l’urban car Twizy, la berlina compatta Zoe, la berlina familiare Fluence Z.E. e la furgonetta commerciale Kangoo Express Z.E), dotati di batterie agli ioni di litio in grado di fornire un’autonomia di circa 160 chilometri.

Parallelamente, Renault sta lavorando su tre complementari modalità di ricarica per rendere l’operazione più pratica e funzionale: la ricarica standard presso il proprio domicilio o ad una colonnina di ricarica pubblica in un tempo di 6-8 ore a seconda della potenza disponibile e del tipo di veicolo; la ricarica rapida in 30 minuti su una delle colonnine di ricarica specifiche installate sul suolo pubblico; il Sistema Quickdrop (brevettato Renault) in 3 minuti in apposite stazioni automatiche di sostituzione della batteria.

Renault inoltre proporrà il veicolo elettrico ad un prezzo paragonabile a quello di un veicolo termico con motore diesel, equivalente per dimensioni e livello di equipaggiamento, e introdurrà nuove formule di utilizzo del veicolo quali la possibilità di acquistare o noleggiare l’auto e di sottoscrivere un abbonamento per il noleggio della batteria e per ulteriori servizi di mobilità. Renault poggia il proprio obiettivo di sviluppo di massa della mobilità elettrica a zero emissioni sulla collaborazione con governi, amministrazioni locali e società energetiche, che hanno un ruolo determinante nel creare le condizioni strutturali, economiche ed operative di sviluppo dei veicoli elettrici.

Renault ha a questo scopo già siglato, nell’ambito dell’alleanza con Nissan, più di 80 accordi. Anche in Italia, l’azienda è impegnata nello studio di partnership con le principali amministrazioni comunali e compagnie elettriche nella prospettiva di realizzare progetti congiunti per la mobilità a zero emissioni, promuovere i veicoli elettrici, sviluppare le idonee infrastrutture, garantire la compatibilità tecnologica, studiare soluzioni commerciali e servizi per il cliente. Renault ha infine promosso presso i maggiori produttori di energia italiani (Enel e A2A) accordi per creare reti di distribuzione di energia sulle strade per permettere una maggiore fruibilità di questi veicoli.

 

Risultati

Il progetto “Renault Zero Emission” rappresenta il più impegnativo programma per la diffusione dell'auto elettrica presente sul mercato mondiale. A questo scopo Renault sta portando avanti un importante lavoro di sensibilizzazione del mondo politico, mediante attività di public affairs con il Governo e le amministrazioni locali volte all’accreditamento, all’informazione, al coinvolgimento e al supporto in termini di know how tecnico specifico per favorire la definizione di piani in favore della mobilità elettrica alla stregua di quanto già varato dai governi dei principali Paesi (Francia, Germania, Spagna, USA).

Sull'impresa

Settore: Automobilistico Website: www.renault.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica