HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


ALITALIA COMPAGNIA AREA ITALIANA

Compagnia aerea italiana

 

Safety Card per passeggeri non vedenti e ipovedenti
Roma (Roma)

 

Problema

Tra i viaggiatori che ogni giorno usufruiscono dei servizi delle compagnie aeree, vi sono persone che necessitano di offerte ed attenzioni dedicate. Tra questi i passeggeri non vedenti e ipovedenti, in costante aumento all’interno degli aeroporti italiani (12.000 solo nel 2010 secondo l’Ente Nazionale Aviazione Civile).

 

Soluzione

Il progetto “Safety Card”, lanciato nel febbraio 2011, è dedicato ai passeggeri non vedenti e ipovedenti che ogni anno volano con Alitalia. La Safety Card, ideata da Enac Italia ed elaborata da Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi, è stata adottata da Alitalia dopo una serie di valutazioni di natura economica e sociale. La Safety Card è consultabile a bordo sia in versione lingua italiana sia in lingua inglese e contiene testi stampati con caratteri e colori adatti agli ipovedenti: caratteri braille e figure stampate in 3D che illustrano elementi quali la dislocazione delle uscite di sicurezza, il disegno e la configurazione della cabina e le posizioni da assumere in caso di emergenza, nonché l’utilizzo del salvagente e della maschera di ossigeno.

 

Risultati

Questi i risultati attesi del progetto “Safety Card per passeggeri non vedenti e ipovedenti”:

1. aumentare l’impegno concreto di Alitalia nei confronti dei viaggiatori diversamente abili a mobilità ridotta;

2. aumentare la “brand awareness” sia in termini reputazionali che di innovazione prodotto e di cultura d’impresa;

3. trasportare almeno il 45% in più dei passeggeri italiani non vedenti e ipovedenti rispetto al 2010;

4. sensibilizzare i 14.000 dipendenti Alitalia alla cura all’attenzione verso stakeholder primari e speciali.

Sull'impresa

Settore: Trasporti Website: www.alitalia.com
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica