HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


METADISTRETTO CALZATURIERO VENETO

Distretto industriale, nel settore calzaturiero

 

Micro Tag Calzature: Gestione Campionario

 

Problema
Uno degli obiettivi dei distretti industriali è quello di valorizzare le attività delle proprie aziende attraverso il sostegno alle imprese negli investimenti per la realizzazione di ricerche finalizzate al rinnovo dei prodotti e dei processi. La situazione dell’industria calzaturiera italiana dimostra che le imprese devono impegnarsi in un processo di recupero e di miglioramento della propria competitività e del valore della propria offerta commerciale e che non possono più aspettare cambiamenti congiunturali per potersi riprendere. Il settore ha bisogno di promuovere la ricerca e l’innovazione di prodotto e di processo, lo sviluppo delle risorse umane e la penetrazione sui mercati italiani ed esteri.

 

Soluzione
Nell’ambito specifico dell’innovazione di prodotto, poter disporre di materiali nuovi o con caratteristiche migliorate consentirebbe di superare i vincoli tecnici che oggi limitano gli interventi stilistici ed il design e potrebbe risolvere molte delle problematiche collegate alla qualità e al comfort. In questo campo, tramite la legge regionale, è stato realizzato il progetto “Micro Tag Calzature: Gestione Campionario”. Il progetto, grazie alle tecnologie più avanzate mira ad informare il consumatore sulle caratteristiche intrinseche dei prodotti e a verificare l’autenticità delle calzature dall’ideazione alla realizzazione attraverso la conoscenza dell’intera filiera produttiva. L’intento è quello di far risalire al cliente tutte le fasi di lavorazione delle calzature portandolo, quindi, a conoscenza della cultura, delle regole e della sensibilità che ne sono alla base. Con quest’attività si punta, perciò, a rendere l’acquirente edotto di tutto questo. Il soggetto promotore del progetto è A.C.Ri.B. Servizi s.r.l. capofila di ATI “Metadistretto Calzaturiero Veneto 2006”. L’iniziativa ha coinvolto numerose aziende del Distretto Calzaturiero Veneto e si è svolta nell’arco del 2007. In pratica, i cambiamenti strutturali che in questi ultimi anni hanno interessato il settore calzaturiero Italiano e le aziende del Metadistretto Calzaturiero Veneto, hanno mutato le regole e le relazioni competitive del settore moda, modificandone le strategie. Alla luce dei cambiamenti e delle tendenze in atto a livello globale, sono state individuate tre ipotesi base su cui si é sviluppato il progetto: l’importanza degli aspetti immateriali del prodotto, la crescente esigenza informativa manifestata dai clienti e l’esigenza di strumenti a supporto della gestione degli aspetti emozionali e delle attività di vendita dei prodotti. La scelta delle diverse tecnologie abilitanti è stata fatta tenendo in considerazione i principi che definiscono la filosofia progettuale del Metaldistretto, che pone al centro l’uomo. Quindi, nella realizzazione dell’iniziativa, per rendere realmente efficace l’uso delle tecnologie, sono stati considerati i seguenti aspetti critici: integrazione con il contesto; semplicità d’uso e tecnologie invisibili. L’obiettivo del progetto è stato quello di fornire nuovi modelli e strumenti per un approccio innovativo al mercato al fine di valorizzare i prodotti di altissimo pregio realizzati dalle aziende del Metadistretto Calzaturiero Veneto.  

 

Risultati
Le soluzioni realizzate rendono il processo di acquisto più veloce e innovativo ed aiutano la forza vendita ad esporre con completezza ed efficacia i prodotti delle collezioni. Il vantaggio delle tecnologie utilizzate è che queste sono invisibili agli occhi del cliente, ovvero l’interazione con esse avviene grazie all’esecuzione di gesti e comportamenti quotidiani e naturali. Alcuni esempi sono: “l’espositore interattivo” è all’apparenza un normale espositore ma al suo interno contiene un ricevitore RFID, quando il cliente vi posiziona una scarpa, il sistema la riconosce grazie al codice univoco presente nel tag RFID e si attivano una serie di contenuti multimediali sulle fasi di lavorazione e sulla certificazione del prodotto scelto. Il “tavolo espositivo” consiste invece in un grande tavolo dove sono esposti diversi modelli della collezione ed, eventualmente, anche prodotti di pelletteria, al fine di permettere al cliente di avere un contatto più immediato ed emozionale con i prodotti esposti. Inoltre l’interazione di questi ultimi con le superfici del tavolo determina dei percorsi luminosi, creando relazioni e intrecci fra i prodotti esposti. Un’ultima innovazione è “la cartella multimediale per il venditore”: il sistema è basato su un Tablet PC, ovvero un computer portatile di piccole dimensioni, con cui si interagisce grazie all’uso di una penna ottica. Le funzionalità della cartella multimediale sono molteplici: potrà essere utilizzata per navigare nel catalogo interattivo e presentare, quindi, la collezione al cliente in maniera innovativa, reperendo le informazioni e i prodotti velocemente.

Sull'impresa

Settore: Associazionismo imprenditoriale e distretti industriali Website: www.distrettocalzaturieroveneto.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica