HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

Gruppo bancario

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2003

Programma di Corporate Social Environmental Responsibility

 

Problema
La visione aziendale in ambito alla Corporate Social Responsibility del Monte dei Paschi si è sviluppata attraverso alcuni passaggi fondamentali:
- nel 1998, la sottoscrizione della "dichiarazione degli istituti finanziari sull’ambiente e sullo sviluppo sostenibile" promossa dall’UNEP (United Nations Environmental Programme);
- nell’ottobre del 2000, l’approvazione della propria Carta dei Valori, al cui interno è presente "il valore dell’etica delle responsabilità";
- nel 2002 adesione al Global Compact.

- Con riferimento alla Carta dei Valori, il Consiglio di Amministrazione e l’Alta Direzione hanno istituito:
- nella struttura organizzativa interna (Area Corporate Responsibility e Logistica della Direzione Generale) il "Settore Politiche Ambientali", avente come scopo la definizione e la gestione delle strategie della banca e del Gruppo per lo sviluppo sostenibile;
- un organo permanente esterno, l’"Advisory Board", composto da economisti di fama internazionale, tra cui due premi Nobel, con funzione di consulenza ed indirizzo;

 

Soluzione
Il principale focus del Programma Corporate Social Environmental Responsibility è costituito dalla formazione e coinvolgimento dei dipendenti che svolgono un ruolo chiave in azienda.
Nel corso del 2001 la Banca ha intensificato le attività svolte a valorizzarli attuando un sistema di riconoscimenti, a tutti i livelli, in base ai comportamenti proattivi ed ai risultati. E’ stata aumentata l’incidenza della componente variabile della retribuzione, in crescente correlazione con i risultati, estendendola al personale impiegatizio. Tra questi lo Stock Granting: sono state emesse 11.472.551 azioni, assegnate gratuitamente ai dipendenti della banca e di alcune controllate. Sono state definite, inoltre, le linee di indirizzo dei piani di stock options, quale forma di incentivo a medio e lungo termine.
Nel 2001 è partito il progetto "Management by Objectives" (MBO), che coinvolge tutti i livelli professionali della Banca.
Nel corso dell’anno 2001 si sono svolti una serie di progetti di formazione che hanno previsto attività d’aula per un totale di 40.678 giornate formative (37.000 nell’anno 2000 e 27.000 nell’anno 1999).
Le iniziative svolte dal "Settore Politiche Ambientali" sono:
- redazione annuale del Bilancio Socio-Ambientale ("Triple Bottom Line");
- attività formativa per la diffusione e la condivisione del Bilancio Socio-Ambientale, come uno dei principali strumenti di comunicazione con gli stakeholder e di dialogo con gli stessi tramite strumenti di feedback;
- l’implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale, volto ad ottimizzare l’utilizzo delle risorse interne, con l’obiettivo della certificazione ISO 14001 (in corso);
- rispetto dei requisiti dello standard SA 8000, nonché un'accurata gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
L’adesione al Global Compact, l’introduzione di un Sistema di Gestione Ambientale, il rispetto dei requisiti della norma SA 8000 hanno condotto la Banca a coinvolgere nelle strategie di responsabilità sociale tutti i suoi stakeholder: in particolare è impegnata a chiedere ai propri fornitori l’adeguamento ai requisiti dello standard SA 8000, innescando in tal modo un processo virtuoso in tutta la catena dei fornitori, nella consapevolezza che l’immagine di un’azienda può essere danneggiata dalle prassi dei suoi partner.
Altre iniziative:
- costituzione di una società prodotto dedicata: MPS BancaVerde;
- costituzione, all’interno del Consiglio d'Amministrazione, del "Comitato per la remunerazione", con il compito di avanzare proposte in ordine alla remunerazione di amministratori investiti di particolari cariche ed al trattamento economico dell’alta direzione;
- costituzione del "Comitato per il controllo interno" con il compito di valutare l’adeguatezza del sistema di controllo interno attuato in conformità a quanto previsto dal Codice di Autodisciplina.

 

Risultati
Al fine di realizzare l’obiettivo di miglioramento costante delle proprie performance la Banca, con la collaborazione di una società di certificazione esterna, ha verificato il grado di attuazione degli obiettivi e traguardi definiti nell’anno 2000, evidenziando un sostanziale raggiungimento di tutti gli obiettivi prefissati nel bilancio Socio-Ambientale 2001.
La Banca ha deciso di raccogliere le indicazioni e l’opinione dei diversi stakeholder, verificando il loro livello di "consenso" in merito alle attività svolte e le aspettative eventualmente espresse.
Le metodologie utilizzate sono state varie: partecipazione a forum cittadini (agenda 21 locale), convegni, tavole rotonde e questionari distribuiti ad un gruppo rappresentativo dei vari stakeholder.

Le indicazioni emerse sono state tenute in considerazione nella redazione del Bilancio socio-ambientale ed in proposito alcune delle principali innovazioni introdotte a seguito delle consultazioni hanno riguardato:
- i temi e gli aspetti ambientali trattati, che sono stati ampliati ( progetto "filiale ecologica"),
- l’esposizione di rendiconti su problematiche di dichiarato, particolare interesse ("disimpegno dal settore degli armamenti"),
- l’utilizzo di indicatori integrati.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.mps.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica