HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

Gruppo bancario

 

Lavorare insieme per la sostenibilitÓ

 

Problema
Il rispetto dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori, la tutela contro lo sfruttamento dei minori, le garanzie di sicurezza e salubrità sul posto di lavoro sono alcuni dei principi che stanno sempre più ispirando corrette politiche di gestione delle risorse umane.
Al fine di fornire agli stakeholder dell’impresa strumenti informativi per analizzare le performance sociali della stessa, sono stati realizzati una serie di standard di valutazione, alcuni dei quali specificatamente mirati a garantire eque condizioni di lavoro, un approvvigionamento etico delle risorse, un controllo sui fornitori ed un processo indipendente di controllo per la tutela dei dipendenti.

 

Soluzione
MPS Banca per l’Impresa si è sempre distinta per il suo essere all’avanguardia nei percorsi di miglioramento delle proprie performance sociali e ambientali ottenendo come prima Banca al mondo la certificazione secondo la norma SA 8000 e come prima Banca in Italia la Registrazione secondo il Reg. EMAS.
Il progetto Lavorare insieme per la sostenibilità si basa sull’attivazione di un sistema di sensibilizzazione e monitoraggio della responsabilità e correttezza sociale nella catena dei fornitori, ed è stato implementato nell’ambito del Sistema Integrato di gestione Ambientale e di Responsabilità Sociale della Banca.
Scopo dell’iniziativa è attivare un circolo virtuoso che permetta la sensibilizzazione degli stakeholder della Banca su tematiche relative allo sviluppo sostenibile, proponendo quindi anche a chi lavora con e per la Banca percorsi di miglioramento ambientale e sociale. Per raggiungere questo obiettivo, oltre all’attivazione di forme di sensibilizzazione del personale e della propria clientela tramite strumenti di rating ambientale, la Banca ha attivato sui propri fornitori un monitoraggio costante di conformità alla norma SA 8000. Il punto di forza di questo progetto è rappresentato dalle attività di sensibilizzazione e “formazione” che vengono effettuate presso i fornitori stessi, soprattutto per aspetti che riguardano la salute e la scurezza nei luoghi di lavoro, la corretta gestione del personale e la non discriminazione nei confronti dei dipendenti.
Il Consiglio di Amministrazione e la Direzione Generale della Banca partecipano attivamente al progetto definendo e approvando il documento di Politica Ambientale e di Responsabilità Sociale e predisponendo tutte le risorse umane e finanziarie necessarie. Inoltre, la Direzione verifica periodicamente in collaborazione con il Comitato Gestione Ambientale e Responsabilità Sociale della Banca le attività di controllo dell’eticità dei fornitori e quindi l’adeguatezza degli strumenti del progetto. Il documento riporta espressamente tra gli obiettivi il dialogo aperto e trasparente con tutte le parti interessate esterne e interne e l’adozione dei principi della gestione sostenibile dal punto di vista etico e ambientale presso fornitori, appaltatori, subappaltatori ed imprese partecipate.
Al fine di rendere operativi questi obiettivi, è stato definito e approvato dalla Direzione un dettagliato documento relativo alla “Procedura di valutazione dei fornitori secondo criteri ambientali e di responsabilità sociale”.
Secondo tale procedura, il Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale e di Responsabilità Sociale della Banca invia ai fornitori il documento di politica, il modello della dichiarazione di adesione ai principi della norma SA 8000, insieme ad una copia della norma stessa e ad un questionario mediante il quale valutare il grado di criticità del fornitore.
In caso di mancata sottoscrizione della lettera di adesione da parte di un’azienda già fornitrice della Banca, il Responsabile del Sistema, di concerto con il Responsabile Acquisti, valuta l’opportunità di definire, in accordo con il fornitore stesso, un piano di sensibilizzazione da attuare con modi e tempi indicati dalle specificità delle singole situazioni. La Banca ritiene infatti che rilevare delle criticità sociali presso i propri fornitori non costituisca necessariamente la fine del rapporto di fornitura, ma anzi possa diventare un punto di partenza per avviare processi di crescita culturale e di sensibilizzazione su queste tematiche. Inoltre, il Responsabile del Sistema realizza un piano annuale di visite di controllo a campione presso i fornitori per verificare direttamente la situazione aziendale rispetto ai requisiti di responsabilità sociale. In caso il fornitore utilizzi a sua volta dei subfornitori, il Responsabile del Sistema ha cura di proporre delle metodologie per esaminarli dal punto di vista della Responsabilità Sociale.
Il personale che svolge attività correlate alla valutazione dei fornitori secondo criteri di responsabilità sociale, acquisisce le competenze necessarie mediante formazione, addestramento e/o esperienze appropriate. La Banca mira inoltre a creare consapevolezza sensibilizzando e aggiornando in modo continuativo tutto il personale sulle finalità della valutazione dei fornitori.

 

Risultati
A partire dal 2006, le performance sociali della Banca, comprensive dei risultati della valutazione dei fornitori, verranno raccolte nel Bilancio Sociale. Al 31 Dicembre 2005 risultano valutati secondo criteri di responsabilità sociale circa 60 fornitori, 11 dei quali hanno ricevuto una verifica in sede in seguito alla quale è stato redatto un programma di miglioramento, costantemente monitorato dal Responsabile del Sistema della Banca.
Tramite lo strumento della Suggestion Box (un sistema elettronico di inoltro di reclami/suggerimenti, anche in forma anonima), il personale ha potuto fare segnalazioni per comunicare disagi relativi alla salute e sicurezza nei posti di lavoro oltre che suggerimenti pratici per le pratiche ambientali. Questo sistema ha permesso a tutto il personale di partecipare al monitoraggio dei fornitori in sede e quindi al miglioramento delle performance della Banca.
La valutazione dei fornitori secondo criteri di responsabilità sociale ha permesso alla Banca di creare un confronto costante e costruttivo con gli stessi e di attivare un percorso di sensibilizzazione reciproca e di miglioramento delle performance sociali.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.mps.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica