HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


NORDICONAD

SocietÓ Cooperativa nella grande distribuzione organizzata

 

Nuovo deposito di Quiliano (Sv)
Modena (MO)

 

Problema
Progettare strutture rispettando elevati standard di sostenibilità e seguendo precisi interventi per l’abbattimento dei consumi energetici è esempio di responsabilità sociale d'Impresa.

 

Soluzione
La realizzazione del nuovo Centro di Distribuzione Nordiconad del comune di Quiliano (SV), risponde ad obiettivi di recupero di efficienza e contenimento degli impatti ambientali. Il deposito ha una superficie totale di 39.265 mq, di cui circa 8.000 mq a temperatura controllata, e ha una capacità totale di oltre 12.000 referenze per quanto riguarda i generi vari, 2.500 per i salumi e latticini e 1.100 per l’ortofrutta. Svolge il servizio di rifornimento merci per 140 punti vendita della rete e 4 ipermercati dislocati nelle regioni Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta. Il nuovo deposito sorge su un’ex-area IP adibita a deposito di idrocarburi, completamente bonificata, parte della quale verrà destinata alla realizzazione di un’area di verde pubblico di circa 16.200 mq.

E' dotato di un impianto fotovoltaico composto da 11.563 mq per una potenza massima annua stimata di 2.000.000 di kWh; l’impianto fotovoltaico in oggetto è il maggiore impianto a tetto della regione Liguria, e sarà in grado di soddisfare il fabbisogno di energia elettrica dell’intero deposito (impianti di refrigerazione e illuminazione del sito). Inoltre l’isolamento delle pareti, attraverso appositi pannelli, di tutte le zone a temperatura controllata permetterà di ridurre al minimo la dispersione del freddo e conseguentemente il fabbisogno di energia degli impianti dedicati.

 

 

Risultati
Per quanto riguarda l’utilizzo delle energie rinnovabili si rileva un risparmio su base annua di 1.300 TEP (tonnellate equivalenti di petrolio). Inoltre, grazie alle consegne promiscue dei prodotti freschi a temperatura controllata, il numero di automezzi dedicati alle consegne verso i punti di vendita si ridurrà di circa il 18% rispetto agli attuali e la centralizzazione del traffico verso un unico centro di distribuzione comporterà una riduzione di circa il 45% dei mezzi in arrivo dai fornitori, con conseguente risparmio del 51% per quanto riguarda le percorrenze.

Sull'impresa

Settore: Commercio e Largo consumo  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica