HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


HENKEL

Azienda leader sul mercato dei prodotti di marca e delle tecnologie

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2009

Braille
Milano (Milano)

 

Problema
In Italia ci sono 362.000 persone non vedenti, 1.500.000 che hanno seri problemi di vista. I dati dicono che sono circa 90.000 gli effettivi lettori dell’alfabeto Braille, un sistema di lettura considerato l’unico strumento in grado di dare autonomia ed indipendenza alle persone con problemi di vista ed a oggi utilizzato solo in ambiti ristretti: questo “esercito” di cittadini, buona parte dei quali impegnati in attività produttive, ogni giorno deve superare una serie di barriere ed ostacoli legati anche alla spesa quotidiana e alla necessità di dover riconoscere i prodotti.

 

Soluzione
Henkel ha realizzato, in collaborazione con l’Istituto dei Ciechi di Milano e con l’unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, un progetto destinato a migliorare la vita di migliaia di Italiani che non possono contare sulla vista per le attività quotidiane. A partire da aprile 2009, Henkel è stata, infatti, la prima azienda nel settore della detergenza a lanciare sul mercato una serie di detersivi/prodotti detergenti che forniscono preziose informazioni in alfabeto Braille sulle confezioni in cartone.A questi consumatori ha pensato Henkel che, per prima in Italia nel settore della detergenza, annuncia l’introduzione dell’alfabeto Braille sulle confezioni dei prodotti per la casa a marchio Dixan, Perlana, Bio Presto, General, Pril. Una piccola rivoluzione per la spesa quotidiana dei non vedenti che vede affiancati l’Impresa di marca e la prestigiosa Istituzione che rappresenta il mondo dei non vedenti.

Per sviluppare concretamente il progetto, Henkel ha avviato da tempo una collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti per interpretare nel modo migliore i bisogni e le aspettative reali dei consumatori non vedenti. Le nuove confezioni in alfabeto Braille caratterizzano una serie di prodotti Henkel per la pulizia della casa e del bucato: sfiorando la confezione, i consumatori non vedenti potranno facilmente riconoscere il marchio, la tipologia di prodotto e di utilizzo

 

Risultati

I principali risultati di questa ampia visibilità vanno letti in termini di: sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul problema in oggetto. La partecipazione e l’impegno attivo di Henkel hanno dato ulteriore visibilità all’iniziativa; l’obiettivo è soprattutto quello di sottolineare l’importanza del linguaggio Braille per le persone cieche ipovedenti; sensibilizzazione delle aziende del settore detergenza; Henkel ha aperto una nuova strada e vuole fungere da esempio per tutte le aziende del settore che saranno stimolate in futuro a fare lo stesso; visibilità per Henkel, la prima azienda nel settore detergenza ad inserire il linguaggio Braille nei propri prodotti.

 I principali risultati dell’iniziativa vanno letti in termini di sensibilizzazione, non solo dell’opinione pubblica, ma anche delle aziende del largo consumo rispetto alle esigenze dei non vedenti. Obiettivo del progetto è, infatti, sensibilizzare il mercato fornendo uno spunto che possa essere seguito anche da altre aziende. Un vero e proprio servizio ad alto valore aggiunto che aiuterà anche i consumatori più disagiati a fare la spesa quotidiana in modo più facile e consapevole, puntando su prodotti riconosciuti per qualità e “responsabilità”. I numeri effettivi di prodotti immessi sul mercato applicando il linguaggio Braille sulle confezioni di cartone sono: 5.100.000 pezzi Dixan, 1.000.000 di pezzi General, 2.500.000 pezzi Pril, 600.000 pezzi Perlana, 3.500.000 pezzi BioPresto.

Sull'impresa

Settore: Commercio e Largo consumo Website: www.henkel.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica