HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


IBM Italia

Azienda operante nell’ICT

 

World Community Grid

 

Problema
La ricerca in campo medico-scientifico continua ad aver bisogno di sostegno. Molteplici sono i modi attraverso cui le imprese possono contribuire, attraverso finanziamenti o mettendo a disposizione le proprie risorse e competenze.

 

Soluzione
Il progetto World Community Grid, nato nel novembre 2004 su impulso della IBM Corporation, consiste in un’iniziativa umanitaria globale tesa a impiegare la capacità di elaborazione inutilizzata dei computer di aziende e privati per risolvere problemi sanitari e sociali complessi. Il progetto si basa sul Grid Computing, una tecnologia in grado di connettere molti computer per creare un sistema con un elevato potere di calcolo, superiore ad alcuni supercomputer. Grazie al fatto che il lavoro di elaborazione dei dati è diviso in piccole parti che possono essere gestite simultaneamente, il tempo di ricerca viene ridotto da molti anni ad alcuni mesi.
Dal 2004 ad oggi i progetti avviati sono cinque:
• FightAIDS@Home, che si pone l’obiettivo di ricercare nuove cure per combattere l’AIDS;
• Human Proteom Folding Project, che si propone di identificare le proteine che compongono il proteoma umano allo scopo di comprendere meglio le cause e le potenziali cure di malattie quali la malaria e la tubercolosi;
• Help Defeat Cancer, che ha lo scopo di individuare strumenti diagnostici più precisi e possibili trattamenti per il cancro;
• Genome Comparison Project, che confronta le informazioni genomiche al fine di migliorare la qualità e l’interpretazione dei dati biologici, la comprensione scientifica del sistema biologico, dell’interazione tra piante e organismi patogeni e delle interazioni presenti nell’ambiente. Queste informazioni possono giocare un ruolo nello sviluppo di medicinali, di vaccini e di nuove procedure diagnostiche;
• Help Cure Muscular Dystrophy, che si propone di studiare l’interazione tra proteine di cui si conosce già la struttura, con particolare attenzione verso quelle che hanno un ruolo importante nelle malattie neuromuscolari. Il database di informazioni prodotte aiuterà i ricercatori a creare nuove molecole in grado di contrastare quelle che generano la malattia.
IBM sostiene l’iniziativa mettendo a disposizione del Network i prodotti hardware e software, i servizi e le competenze tecniche necessari per realizzare, mantenere e gestire l’infrastruttura del World Community Grid.
Inoltre è impegnata nella promozione e diffusione del progetto allo scopo di allargare il network a nuovi partners, come ad esempio le università, ritenute gli interlocutori ideali perché oltre a mettere a disposizione la potenza di calcolo delle proprie macchine possono proporre studi e ricerche da sottoporre ad un Advisory Board indipendente.
I dipendenti sono venuti a conoscenza del programma grazie ad un’attività di comunicazione interna (newsletter, e-mail, news sulla intranet aziendale). Scaricando gratuitamente sul proprio PC dal sito del progetto un piccolo agente di rete, che serve a stabilire un canale di scambio con il server del WCG, il dipendente diventa parte integrante del programma in quanto permette che la potenza di calcolo inutilizzata del proprio computer venga messa a disposizione della ricerca scientifica.
Il programma è aperto a tutti: aziende, associazioni, università, fondazioni, singoli individui. Ad oggi in tutto il mondo i partners del programma sono 331, di cui 8 in Italia.

 

Risultati
Finora, in tutto il mondo, sono stati accumulati 78 mila anni di elaborazione dati, grazie alla partecipazione di oltre 263 mila membri e a più di 530 mila computer. In Italia il programma può contare sull’adesione di circa 2800 membri che hanno messo a disposizione della ricerca scientifica la potenza inutilizzata di oltre 6 mila computer per un tempo di elaborazione dati accumulato di circa 682 anni.

Sull'impresa

Settore: Informatica Website: www.it.ibm.com
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica