HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


BCC DI CARAGLIO, DEL CUNEESE E RIVIERA DEI FIORI

Banca del Credito Cooperativo che opera nella provincia di Cuneo e di Imperia

 

Il conto per crescere e far crescere

 

Problema
Violenze diffuse e guerra, instabilità politica e crisi economico-sociale rappresentano le principali cause della grave situazione in cui versa la Repubblica Democratica del Congo che, tra i vari problemi che presenta, annovera anche quello della disastrosa condizione dei bambini. Nel 2003, un rapporto dell’Agenzia ONU che coordina gli aiuti umanitari (OCHA), ha stimato la presenza di 70.000 bambini “non accompagnati”, ex bambini soldato e bambini di strada. Tra di loro i giovani abbandonati sono circa 30 mila solo a Kinshasa: bambini poveri ed orfani, tra i 6 e 12 anni di età, senza alcuna assistenza e riferimento familiare, completamente abbandonati al loro destino.

 

Soluzione
La Banca di Caraglio, del Cuneese e della Riviera dei Fiori è una banca di credito cooperativo, il cui fine mutualistico è stabilito a livello di Carta dei Valori del Credito Cooperativo e presenta tra gli obiettivi primari, lo sviluppo del territorio, la crescita economico culturale della propria clientela e l’attenzione alle problematiche sociali.
La sensibilità, dunque, sia dell’Alta Direzione che del Consiglio di Amministrazione, verso azioni di marketing sociale è particolarmente elevata, soprattutto per l’ottimo binomio (sviluppo commerciale e sviluppo sociale), che da esse ne deriva.
Analizzando i prodotti della banca, la Direzione Commerciale, ha evidenziato la mancanza di un conto destinato ai minorenni e, dopo aver effettuato l’analisi sui prodotti della concorrenza, ha notato come molti di questi offrissero gadget “premio” per l’apertura del rapporto. Da qui la scelta di sostituire, per ogni conto aperto, l’elemento promozionale con una donazione, utilizzando l’importo corrispondente come somma da versare ad un progetto socialmente rilevante.
I prodotti in oggetto sono rispettivamente un libretto di risparmio (Conto Amico Go Up) destinato ai giovanissimi di età compresa tra 0 e 14 anni, ed un conto corrente (Conto Amico Go On) destinato ai giovani di età compresa tra 14 e 18 anni.
Il progetto Il conto per crescere e far crescere lega la vendita di questi due prodotti specifici al progetto Foyer Cancan, promosso dall’Associazione Compartir di Cuneo e destinato all’ampliamento di una casa per bambini abbandonati a Lubumbashi, nella Repubblica Democratica del Congo. L’iniziativa, interamente a carico della banca, prevede una devoluzione di 10 euro al progetto solidale, per ogni conto aperto presso la banca.
La Direzione Commerciale ha individuato nell’Associazione Compartir il partner d’iniziativa giusto in ragione di alcune sue caratteristiche: la sede dell’associazione si trova a Cuneo, capoluogo piemontese nonché sede di una delle filiali più importanti della banca ed il progetto è legato ai minorenni, così come i destinatari dei prodotti bancari collegati.
Per meglio coinvolgere la clientela, all’apertura di ognuno dei due conti è stata consegnata una lettera di ringraziamento per aver scelto, indirettamente, di sostenere il progetto Foyer Cancan.
Per dare un segnale forte di apprezzamento, in particolare nei confronti dei soci, in occasione della premiazione delle Borse di Studio 2005 è stata organizzata una serata ad ingresso gratuito destinata alla raccolta fondi per il progetto Foyer Cancan, durante la quale veniva specificata la finalità dell’iniziativa. Anche coloro che non hanno potuto partecipare direttamente all’evento, sono venuti a conoscenza del progetto grazie agli inviti alla serata, all’interno dei quali è stato presentato l’intero progetto. Al fine di coinvolgere anche la compagine sociale residente nella provincia di Imperia, l’evento è stato replicato anche a Sanremo.
Internamente, il personale della banca è stato fatto partecipe del progetto attraverso forme ufficiali di comunicazione e materiale pubblicitario (depliant e manifesti) inviato alle filiali.

 

Risultati
Con il progetto Foyer Cancan l’azienda è riuscita a rivolgere al target dei minorenni un prodotto a loro specificatamente destinato. Vista la novità dell’iniziativa e la difficoltà nel definire precisi obiettivi di vendita, la Direzione Commerciale ha lasciato alle singole filiali la definizione del proprio obiettivo. Quest’ultimo, monitorato mensilmente, è stato ampiamente raggiunto a fine 2005. Anche a livello sociale il risultato perseguito è stato raggiunto. Infatti, grazie ai fondi raccolti, durante l’anno 2006 l’Associazione Compartir darà avvio al progetto di ampliamento della casa per bambini abbandonati di Lubumbashi.
Inoltre, grazie ai materiali pubblicitari esposti nelle filiali e gli inviti alle serate di promozione del progetto, i soci della banca sono stati molto coinvolti a livello emotivo.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.bancadicaraglio.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica