HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


MAP

Consulenza nella formazione manageriale

 

Progetto Sicurezza Vulcani

 

Problema
Il progetto Sicurezza Vulcani è stato promosso da MAP e da un’importante multinazionale, leader nel settore dei servizi di trasporto espresso. MAP e direzione delle risorse umane della società cliente, hanno ideato e realizzato il progetto nato dall’esigenza di individuare una modalità di formazione innovativa mediante un’attività che avesse anche una forte valenza esterna e sociale. La multinazionale ha finanziato il progetto e ha coinvolto il suo personale che è stato protagonista delle spedizioni, mentre MAP si è occupata di tutta la parte organizzativa e formativa.
Collegato al fattore critico della sicurezza, il progetto è stato realizzato in due spedizioni scientifiche reali: rilevamento di caratteristiche geochimiche, geologiche, di dinamica terrestre e sismiche legate all’attività dei vulcani Stromboli e Vulcano (1 fase del progetto-luglio 2002) e della Laguna De Hule – Costa Rica (2 fase del progetto – marzo 2003); realizzazione della mostra “Vulcani – Il fuoco della Terra” (3 fase del progetto – aprile – giugno 2003) presso lo Spazio Bio Lab – Palazzo Dugnagni – Milano.
In collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma e con il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, la società cliente, ha sponsorizzato l’installazione, sul cratere di Stromboli, di una apparecchiatura per il monitoraggio dello stato sicurezza del vulcano. Questa strumentazione permette di misurare il flusso dell’anidride carbonica che fuoriesce dalle fratture e dai fianchi degli apparati vulcanici. L’analisi quantitativa della CO2 è di estrema importanza nella previsione di eruzioni, essa è infatti legata all’attività di risalita magmatica e varia a seconda della quantità di magma in movimento, alla sua velocità e alla sua composizione chimica. Nel corso della spedizione, l’apparecchiatura è stata trasportata ed installata sulla cima del vulcano e sono stati effettuati i primi rilevamenti. Il coinvolgimento del gruppo di vulcanologi ha garantito a MAP la professionalità, l’esperienza e quella sicurezza necessarie per affrontare un ambiente naturale fra i più misteriosi del mondo.
L’obiettivo principale per DHL era quello di realizzare un’attività di formazione che avesse anche una forte valenza esterna e sociale. Questa prospettiva ha concesso di ottenere rilevazioni utili alla ricerca scientifica e sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alle problematiche legate alla vulcanologia.

 

Soluzione
Il progetto Sicurezza Vulcani è stato promosso da MAP e da un’importante multinazionale, leader nel settore dei servizi di trasporto espresso. MAP e direzione delle risorse umane della società cliente, hanno ideato e realizzato il progetto nato dall’esigenza di individuare una modalità di formazione innovativa mediante un’attività che avesse anche una forte valenza esterna e sociale. La multinazionale ha finanziato il progetto e ha coinvolto il suo personale che è stato protagonista delle spedizioni, mentre MAP si è occupata di tutta la parte organizzativa e formativa.
Collegato al fattore critico della sicurezza, il progetto è stato realizzato in due spedizioni scientifiche reali: rilevamento di caratteristiche geochimiche, geologiche, di dinamica terrestre e sismiche legate all’attività dei vulcani Stromboli e Vulcano (1 fase del progetto-luglio 2002) e della Laguna De Hule – Costa Rica (2 fase del progetto – marzo 2003); realizzazione della mostra “Vulcani – Il fuoco della Terra” (3 fase del progetto – aprile – giugno 2003) presso lo Spazio Bio Lab – Palazzo Dugnagni – Milano.
In collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma e con il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, la società cliente, ha sponsorizzato l’installazione, sul cratere di Stromboli, di una apparecchiatura per il monitoraggio dello stato sicurezza del vulcano. Questa strumentazione permette di misurare il flusso dell’anidride carbonica che fuoriesce dalle fratture e dai fianchi degli apparati vulcanici. L’analisi quantitativa della CO2 è di estrema importanza nella previsione di eruzioni, essa è infatti legata all’attività di risalita magmatica e varia a seconda della quantità di magma in movimento, alla sua velocità e alla sua composizione chimica. Nel corso della spedizione, l’apparecchiatura è stata trasportata ed installata sulla cima del vulcano e sono stati effettuati i primi rilevamenti. Il coinvolgimento del gruppo di vulcanologi ha garantito a MAP la professionalità, l’esperienza e quella sicurezza necessarie per affrontare un ambiente naturale fra i più misteriosi del mondo.
L’obiettivo principale per DHL era quello di realizzare un’attività di formazione che avesse anche una forte valenza esterna e sociale. Questa prospettiva ha concesso di ottenere rilevazioni utili alla ricerca scientifica e sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alle problematiche legate alla vulcanologia

 

Risultati
I dati raccolti all’interno della Laguna de Hule, nella Caldera del Bosque Alegre, a circa 10 chilometri a NNE dal Vulcano attivo Poas, sono stati consegnati ai vulcanologi dell’Università del Costa Rica per essere rielaborati: serviranno a valutare se esista una reale possibilità di un accumulo di gas sul fondo del lago, l’entità dello stesso e l’eventuale rischio per la popolazione.
L’iniziativa ha comportato per DHL visibilità interna ed esterna su un progetto di carattere sociale e scientifico (ritorno di immagine) e per MAP la possibilità di riproporre ad altri partner un progetto formativo di successo.
Anche la mostra “Vulcani il Fuoco della Terra” ha avuto una buona riuscita: sono stati contati, in tre mesi di apertura, quasi 7000 visitatori. L’evento ha riscosso anche successo di stampa e l’impegno è di poter realizzare la stessa mostra in altre città italiane in un futuro molto prossimo.

Sull'impresa

Settore: Servizi Website: www.mapsrl.com
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica