HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


SOCIETA' REALE MUTUA ASSICURAZIONI

Societą di assicurazioni italiana in forma di mutua

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2003

Progetto Reale Pari Opportunitą

 

Problema
Il Progetto Reale Pari Opportunità si inserisce nell’ambito delle politiche aziendali di sviluppo e valorizzazione delle risorse umane di Reale Mutua Assicurazioni. L’obiettivo principale del progetto è stato quello di sensibilizzare tutte le componenti aziendali sul tema delle pari opportunità e di creare i presupposti per valorizzare al meglio le risorse femminili e maschili.
A seguito dell’approvazione della Legge n.125 del 10 aprile 1991, nel 1994 in Reale Mutua è stata istituita la prima Commissione Pari Opportunità: un organismo paritetico composto da 5 membri nominati dalle rappresentanze sindacali e 5 membri nominati dalla Direzione Generale.
Redatto nel 1996, il "Progetto Reale Pari Opportunità” è stato approvato nel febbraio del 1998 dal Ministero del Lavoro che ha deliberato la concessione del finanziamento ai sensi del D.M. 12/11/97.
Il Progetto Reale Pari Opportunità non avrebbe potuto né essere concepito né tanto meno realizzato senza il coinvolgimento e la continua sponsorship della Direzione Generale e della Dirigenza tutta.
Il management aziendale ha condiviso non solo le logiche, ma anche alcuni dei momenti operativi, assumendo un ruolo propositivo e di garante dello sviluppo delle persone.
Il ruolo del responsabile di risorse si è evoluto all’interno di un modello organizzativo di tipo professional-manageriale, in cui trovano posto modalità di coinvolgimento, responsabilizzazione e valorizzazione delle persone molto più accentuate che in passato.

 

Soluzione
Attività strategiche per definire il coinvolgimento del personale -
- La Ricerca Statistica, ha rilevato la situazione del personale al 31/12/97 per composizione, per percorsi e velocità di carriera, per tipo di accesso alle opportunità aziendali.
- Incontri di sensibilizzazione/coinvolgimento dell’ambiente aziendale e del personale femminile, al fine di favorire una adeguata presa di coscienza delle opportunità/potenzialità e, nel contempo, delle criticità da superare, mettendo in discussione gli schemi culturali radicati in azienda.
- La Ricerca sulla cultura e sui comportamenti organizzativi, mediante la somministrazione di un questionario a 327 persone, ha rilevato informazioni sul clima aziendale, con particolare riferimento allo sviluppo professionale e alle aspettative soggettive, alla cultura organizzativa e alla gestione delle risorse umane, al part time, alla gestione della maternità.

La popolazione complessivamente coinvolta è stata pari al 70% del personale. Tutta la popolazione femminile è stata conosciuta almeno una volta negli incontri di sensibilizzazione, gli interventi formativi hanno coinvolto 258 persone e le attività di ricerca hanno coinvolto circa 300 persone.

Dal rapporto finale sono stati tratti spunti per orientare i futuri interventi gestionali e mettere a punto piani di miglioramento.

Interventi:
- Intervento sull’attuale sistema di gestione delle risorse umane, che, attraverso sessioni d’aula e sperimentazioni individuali e di gruppo, ha coinvolto la popolazione dei capi (69 capi intermedi partecipanti) ed ha fornito loro nuovi strumenti e tecniche gestionali, con particolare riferimento al tema della gestione delle differenze, al fine di innovare.
- Intervento sulla gestione del part –time, che, attraverso il coinvolgimento in aula delle risorse a tempo parziale e dei loro capi diretti, ha introdotto una nuova visione del part- time come strumento di flessibilità organizzativa e occasione per rivedere e migliorare l’efficienza dell’unità coordinata (72 risorse part-time e 53 capi diretti partecipanti).
- Intervento sul personale femminile inquadrato al 3° e 4° livello, che, attraverso la formazione d’aula e un processo di tutorship, si è proposto di riqualificare e riconvertire verso posizioni più evolute le donne da tempo in ruoli diventati marginali (22 risorse femminili partecipanti).
- Intervento per favorire l’accesso di personale femminile già collocato in posizioni medio-alte a posizioni di maggior responsabilità, che, mediante sessioni d’aula e incontri di counselling tra consulenza, risorsa femminile e mentore (in genere il capo diretto), ha permesso la realizzazione di piani operativi individuali per migliorare le competenze e lo stile professionale (22 risorse femminili e 20 capi diretti partecipanti).

 

Risultati
- Presa di coscienza che le politiche di pari opportunità producono valore aggiunto in quanto inserite nel “mainstreaming” aziendale;
- allineamento a modelli di comportamento basati sull’integrazione tra responsabili e risorse;
- diffusione di nuovi strumenti gestionali (es. “codice di buone prassi” per i responsabili di personale part-time e procedure di mentoring);
- nel triennio 2000 – 2002, a fronte di un totale di 452 promossi, 119 sono donne (27% del totale).
Sono state assunte 48 nuove risorse con competenze specialistiche e di queste, 8 sono donne (17% del totale);
- promozione di 12 donne al ruolo di responsabile di risorse;
- aumento del numero dei dirigenti donne (da 1 all’inizio del progetto a 4 alla conclusione);
- realizzazione di molteplici interventi formativi basati sulla interdisciplinarità.
Part time
72 risorse PART TIME - 16 giorni d’aula nel periodo novembre ’99 – aprile 2000
53 responsabili - 53 responsabili
Personale femminile collocato a profili medio alti
22 risorse femminili - 3 giorni d’aula e colloqui di counselling
20 responsabili - 2 giorni d’aula e colloqui di counselling
Corso di Managing Diversity
69 responsabili - 18 giorni d’aula
Personale femminile collocato a profili medio bassi (3° e 4° livello)
22 risorse femminili - 6 giorni d’aula
In un’ottica di condivisione dei valori ispiratori e dei risultati ottenuti dal progetto, è stata inviata una copia dell’opuscolo conclusivo a:
- tutte le compagnie del Gruppo Reale Mutua,
- ANIA (massimo organismo di rappresentanza della categoria),
- Segreterie nazionali di CGIL, CISL, UIL,
- Ispettorato del Lavoro,
- Comune di Torino (sia al Comitato delle Pari Opportunità sia alla Commissione Pari Opportunità),
- Regione Piemonte.

Sull'impresa

Settore: Banche, Finanza e Assicurazioni Website: www.realemutua.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica