HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


ATM

Trasporto pubblico locale

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2005

Progetto Buon Samaritano

 

Problema
Il Buon Samaritano nasce da una collaborazione tra ATM e l’Assessorato alle politiche Sociali del Comune di Milano, dall’incontro di un bisogno (quello di prendersi cura, nei mesi invernali, dei senza tetto) con la possibilità, almeno in parte, di soddisfarlo grazie alla disponibilità di mezzi e alla sensibilità verso i temi sociali.
Si è trattato, quindi, di trovare la modalità migliore per realizzare un progetto che rispondesse alle reali esigenze di coloro che ne avrebbero beneficiato. L’obiettivo, condiviso con l’Amministrazione Comunale e le Associazioni partner, era quello di dare un concreto aiuto a chi, durante la stagione più fredda, avesse bisogno di assistenza nelle ore notturne. Si tratta dei senza casa, per i quali l’inverno è una vera emergenza e che condividono la strada con l’incubo costante della notte e con la necessità di trovare un rifugio riparato.

 

Soluzione
ATM, ha ideato e promosso il progetto Buon Samaritano, un servizio di accoglienza per le persone che vivono in strada. Questo è il terzo anno consecutivo di attività.
Per tutto l’inverno, ogni sera, dalle 21.00 alle 24.00 un mezzo speciale ATM, totalmente riscaldato, attraversa le strade di Milano offrendo a tutti coloro che ne hanno bisogno assistenza, aiuto psicologico, indumenti, pasti caldi e prestazioni sanitarie. Il servizio, partito i primi giorni di dicembre, continuerà fino al 31 marzo 2005. A bordo del veicolo oltre al conducente ATM, operano ogni notte tre volontari della Fondazione San Francesco e un medico dell’Associazione Medici del Mondo.
Operando sul campo, il Buon Samaritano fronteggia innanzitutto l’emergenza, rispondendo ai bisogni primari delle persone emarginate, ma è anche in grado di offrire conforto e solidarietà a chi si sente escluso.
L’approntamento del mezzo nasce dal frutto del lavoro dei dipendenti ATM della sede di viale Molise che hanno riprogettato e realizzato l’allestimento dell’autotreno. ATM ha sostenuto il costo dei materiali, mentre alcune società hanno messo a disposizione parte della componentistica.
L’interno del veicolo è diviso in due zone: una zona giorno, con 18 posti a sedere, scaldavivande e area di Pronto Soccorso; una zona notte, con 16 letti a castello e servizi igienici.
La fattiva collaborazione tra la direzione aziendale e le istituzioni ha permesso di individuare e coinvolgere le associazioni che avrebbero potuto dare un contributo significativo, in termini di risorse umane, di esperienza, di conoscenza del territorio e del problema, per concretizzare l’iniziativa.
ATM mette a disposizione dei volontari il mezzo (un autotreno di 18 metri revisionato e riprogettato per questo utilizzo) e l’autista.
Recentemente, al fine di sensibilizzare e coinvolgere la cittadinanza e divulgare la conoscenza del progetto Buon Samaritano è stata realizzata una campagna promozionale, di cui ATM si è fatta carico delle spese di realizzazione dei materiali e, in collaborazione con IGPDecaux, ha messo a disposizione gli spazi per la visibilità.
Il progetto viene costantemente monitorato tenendo conto soprattutto dei risultati conseguiti in termini di utilità umana e sociale. Questi i numeri degli interventi (tra ristoro, ascolto, assistenza sanitaria, distribuzione di indumenti/coperte):
Dal 12 dicembre 2002 al marzo 2003: 2241 interventi.
Dal 12 dicembre 2003 al marzo 2004: 3276 interventi.
Dal 2 dicembre al 31 dicembre 2004: 700 interventi..

 

Risultati
Gli obiettivi fissati dalla partnership sono stati conseguiti ampiamente, tenendo conto che gli unici risultati che ATM e l’Associazione dei Fratelli di San Francesco si sono posti sono orientati all’aiuto, alla solidarietà, all’ascolto e all’accoglienza.
I risultati conseguiti in relazione al personale ATM coinvolto non sono misurabili in termini di nuove skills conseguite, ma soprattutto in termini di valori condivisi con l’Azienda e di un maggior senso di appartenenza sia con la società sia con la comunità esterna. Il progetto è senza dubbio sostenibile e ripetibile nel tempo, anche grazie alla consapevolezza dell’importanza del tema trattato dimostrata da tutti gli attori coinvolti direttamente. Parlare di veri e propri cambiamenti sociali grazie all’iniziativa intrapresa dall’Azienda sarebbe eccessivo, tuttavia, senza dubbio, uno dei risultati più immediati è l’aver sottratto alla strada e al freddo un notevole numero di persone che hanno poi trovato rifugio nelle strutture d’accoglienza presenti in città.

Sull'impresa

Settore: Trasporti Website: www.atm-mi.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica